HomeEconomyTesla non renderà disponibili le sue batterie gratuitamente, impedendo ai proprietari di...

Tesla non renderà disponibili le sue batterie gratuitamente, impedendo ai proprietari di trarne il massimo vantaggio Tesla

I proprietari di batterie Tesla in Australia potrebbero perdere lucrative fonti di reddito poiché il colosso energetico statunitense limita la capacità dei dispositivi di interagire localmente con terze parti e le autorità continuano a essere riluttanti a stabilire e applicare standard.

Un numero crescente di prodotti, dai condizionatori agli scaldacqua e ai pannelli solari, può essere controllato da remoto, e i consumatori possono firmare accordi che li premiano per aver modificato l’uso dell’energia durante i periodi di punta, inclusa la fornitura di elettricità alla rete.

Tesla è richiesta in molti stati degli Stati Uniti per abilitare la cosiddetta compatibilità della batteria. Tuttavia, l’azienda sta disabilitando questa funzionalità nel suo prodotto di punta per lo storage – la batteria Powerwall 2 da 15.000 dollari – che vende agli australiani, dicono gli operatori del settore.

Affermano che i governi federali e statali dovrebbero imporre mandati statunitensi a Tesla e ad altri fornitori di batterie secondo uno standard internazionale – IEEE1547-2018 Sezione 10 – per massimizzare i benefici futuri per i consumatori e la rete, e le aziende che limitano i servizi pubblici dovrebbero essere escluse dagli sconti. Come il sussidio del NSW Il software costa fino a $ 2.400 per batteria.

“Le batterie che non forniscono le massime prestazioni tramite una porta di controllo open source e non cloud vengono facilmente bloccate in un particolare modello di business a scapito dei loro proprietari”, ha affermato Dean Spacavento, CEO di Reposit Power.

Il problema della batteria viene mitigato solo parzialmente dai fornitori terzi che offrono determinati servizi delle cosiddette centrali elettriche virtuali che consentono alcune interferenze esterneMa anche qui Tesla è quella che prende le decisioni chiave.

READ  Focus sui dati economici di Germania, Eurozona e Stati Uniti

“I proprietari di batterie Tesla che fanno parte delle centrali elettriche virtuali sono controllati da Tesla per conto di terzi come Amber. I terzi sono soggetti ai termini commerciali e operativi di Tesla e non sempre servono gli interessi del proprietario della batteria.” – ha aggiunto Spacavento.

Ha affermato che i governi dovrebbero definire e implementare un’interfaccia di controllo locale per qualsiasi batteria installata come parte dei loro programmi di sconti. Spacavento ha affermato che la sua azienda non include le batterie Tesla nei suoi servizi a causa della posizione dell’azienda americana.

Il quotidiano australiano The Guardian ha chiesto un commento a Tesla.

L’operatore del mercato energetico australiano ha evidenziato il potenziale dello stoccaggio coordinato delle risorse energetiche di consumo (CER). Il suo diagramma di rete è stato pubblicato la settimana scorsa.

Si prevede che la capacità di stoccaggio aumenterà dagli attuali 200 megawatt a 37 gigawatt entro il 2049 o il 2050, ovvero due terzi della capacità di stoccaggio totale nel mercato elettrico nazionale. Secondo il piano di sistema integrato preparato da Imo, la rete avrà bisogno di circa 4,1 miliardi di dollari di investimenti aggiuntivi in ​​assenza di una “regolamentazione efficace delle batterie di consumo”.

“Come tutte le batterie [Tesla] “L’hardware venduto qui è connesso al proprio cloud e in realtà è un comando software remoto che può riattivare la funzionalità”, ha affermato un veterano del settore.

Se la batteria ha solo il “controllo del cloud”, i dispositivi regolamentati “combatteranno tra loro” a scapito finanziario dei loro proprietari e annulleranno i loro potenziali benefici per la stabilità della rete e altri servizi, ha detto il veterano. Le autorità avevano otto anni per elaborare standard adeguati.

READ  Bicklesburg, Little Italy Days dovrebbe rilanciare l'economia locale

Un portavoce di Aemo ha affermato che il coordinamento e il monitoraggio del CER sono “fondamentali per una transizione economicamente vantaggiosa” e “possono essere raggiunti solo attraverso un’efficace interoperabilità” di risorse come le batterie domestiche.

Hanno affermato che in Australia non vi è alcun obbligo che Tesla consenta a terzi di accedere al sistema, come nel caso degli Stati Uniti. Hanno aggiunto che sono in corso “una serie di processi” per rivedere gli standard tecnici, l’accesso e le questioni relative alla protezione dei consumatori.

Un portavoce della Commissione australiana per la concorrenza e i consumatori ha affermato che spetta ai governi imporre obblighi di interoperabilità o di accesso ai fornitori di batterie.

“Qualsiasi restrizione all’accesso o all’interoperabilità dei prodotti solleverebbe solo preoccupazioni ai sensi del diritto della concorrenza e dei consumatori laddove tali restrizioni ridurrebbero significativamente la concorrenza”, hanno affermato.

“I rivenditori di energia considerano da tempo l’energia di consumo in Australia come un problema da gestire piuttosto che un’opportunità da cogliere”, ha affermato Richie Merzian, CEO ad interim dello Smart Energy Council.

“Di conseguenza, l’Australia ha un enorme appetito per i prodotti energetici di consumo, ma questo non è stato pensato, regolamentato o finanziato”, ha detto Merzian. “L’introduzione graduale delle capacità di interoperabilità nel portafoglio di prodotti australiano comporta nuovi enormi vantaggi che le persone avrebbero potuto solo sognare solo pochi anni fa”.

Conn Christodoulides, direttore politico del Clean Energy Council, ha osservato che gli standard di interoperabilità delle risorse dei consumatori dipenderanno da un rapporto finale del governo federale.

“È importante consentire alle famiglie di fare la scelta giusta delle batterie domestiche e avere una maggiore flessibilità nella scelta dei fornitori senza dover affrontare costi software e hardware più elevati”, ha affermato.

READ  Gli australiani in città fuggono in massa

“Le risorse energetiche di consumo, comprese cose come le batterie domestiche, svolgeranno un ruolo importante nella transizione energetica dell’Australia verso l’82% di energia rinnovabile entro il 2030”, ha affermato il ministro federale dell’Energia Chris Bowen.

Ha affermato che i Ministri di Stato e dell’Energia sono impegnati a riformare la Roadmap nazionale per le risorse energetiche dei consumatori per consentire ai consumatori di esportare più energia solare nella rete e per fornire standard coerenti a livello nazionale in aree chiave, comprese le tecnologie dei veicoli grid-to-grid.

Un portavoce del Dipartimento dell’Energia del NSW ha affermato che il dipartimento sta collaborando con le parti interessate del settore, compresi i produttori di batterie, e sta “continuando a finalizzare i dettagli del programma di riduzione della domanda di picco per garantire che i migliori risultati possibili siano forniti a tutti i partecipanti”.

Questa storia è stata modificata il 7 luglio 2024 per riflettere la richiesta degli operatori del settore di imporre ai fornitori di batterie l’obbligo di conformarsi alla Sezione 10 di IEEE1547-2018, uno standard internazionale, e non allo standard di comunicazione AS4777.

Orsina Fiorentini
Orsina Fiorentini
"Fan zombi sottilmente affascinante. Fanatico della TV. Creatore devoto. Amico degli animali ovunque. Praticante del caffè."
Must Read
Related News