HomeWorldRobert Jenrick: I conservatori hanno perso perché non siamo riusciti a raggiungere...

Robert Jenrick: I conservatori hanno perso perché non siamo riusciti a raggiungere i nostri obiettivi

didascalia video, “I conservatori non hanno mantenuto la promessa di ridurre l’immigrazione” – Jenrick

L’ex segretario all’immigrazione Robert Jenrick ha affermato che il partito conservatore ha subito una sconfitta “devastante” alle elezioni generali perché il partito non è riuscito a mantenere le sue promesse al pubblico.

Johnson ha dichiarato al programma domenicale della BBC con Laura Kuenssberg che il fallimento nel tagliare l’immigrazione è stato “al centro” del risultato elettorale, ma ha anche incolpato le tasse elevate e i servizi pubblici “interrotti”.

Jenrick, che appartiene alla destra del partito ed è visto come un potenziale contendente per la leadership conservatrice, non ha escluso una corsa per sostituire Rishi Sunak.

Tuttavia, ha detto che il primo passo è quello di ottenere una “diagnosi corretta di ciò che è andato storto”, e che parlare di tentativi di assumere la leadership è a questo punto “autoindulgenza”.

Al programma è apparsa anche la segretaria ombra della sanità, Victoria Atkins, che ha concordato sul fatto che “questo fine settimana non riguarda la guida”.

La Atkins non ha escluso di candidarsi, ma ha aggiunto: “Dobbiamo mostrare al pubblico che comprendiamo che ci hanno inviato messaggi molto forti, che stiamo ascoltando, che stiamo pensando, e poi come partito dobbiamo riuniamoci, riuniamoci e risolviamo ciò che vogliamo per il futuro.

La Atkins, che ha trascorso poco più di sei mesi come segretaria alla sanità nel governo di Sunak, appartiene all’ala moderata del partito ed è vista come una potenziale futura leader.

Jenrick, che si è dimesso dal governo Sunak lo scorso anno perché credeva che la sua legislazione sul Ruanda non fosse sufficientemente avanzata, ha dichiarato: “La ragione per cui abbiamo perso la fiducia di milioni di persone in tutto il paese non è perché eravamo troppo di sinistra o troppo di destra, o aveva questo o quello slogan.

“Ma la ragione fondamentale è che non siamo riusciti a mantenere le promesse fatte al popolo britannico”.

Il deputato di Newark ha citato la bassa crescita economica, le tasse elevate, la qualità dei servizi sanitari e “soprattutto” l’incapacità di proteggere i confini del paese e di controllare l’immigrazione come esempi di promesse non mantenute.

Jenrick ha indicato la perdita di voti a favore del Partito riformista britannico di Nigel Farage come prova del fatto che l’immigrazione è stata “al centro” della sconfitta del Partito conservatore.

La riforma, che prevedeva il congelamento dell’immigrazione non essenziale, ha ottenuto cinque seggi e più di quattro milioni di voti alle elezioni.

Il partito è arrivato anche al secondo posto in 98 collegi elettorali, spingendo in molti casi i conservatori al terzo posto.

Jenrick ha affermato che nei due terzi dei seggi persi dai conservatori, compresi quelli vinti dai liberaldemocratici, il margine di sconfitta è stato inferiore al voto dei riformisti.

Quando gli è stato chiesto se pensava di avere le qualità necessarie per essere un leader conservatore, Jenrick ha detto: “Francamente non penso sia giusto che tre giorni dopo un’elezione generale, in cui abbiamo perso così tanti nostri amici e colleghi, a causa avere conversazioni egoistiche come questa.

Jenrick ha detto che sosterrà una campagna di leadership più lunga in modo che il partito possa “riflettere molto attentamente su ciò che è accaduto”.

Nella sua intervista, la Atkins ha invitato il suo partito a essere “unito”, sostenendo che la conversazione non dovrebbe allontanarsi da questioni chiave per gli elettori come la sanità e l’immigrazione.

Ha detto alla BBC che c’era una “vera possibilità” per il Partito conservatore di riprendersi, poiché il sostegno del Labour era “distribuito in modo molto scarso”.

Il deputato di Louth e Horncastle, la cui maggioranza è scesa da oltre 27.000 voti a 5.506, ha affermato che il paese è ancora “intrinsecamente conservatore”.

“[The public] “Vogliono tasse più basse, vogliono costruire un futuro migliore per i loro figli e vogliono che li aiutiamo ad avere successo nella loro vita personale e nel loro sostentamento”, ha aggiunto.

didascalia video, “Il paese è intrinsecamente conservatore.” – Victoria Atkins

I conservatori hanno ora solo 121 seggi in Parlamento – il numero più basso nella storia del partito – dopo aver perso 251 seggi a causa del crollo del partito laburista.

Sunak si è impegnato a rimanere nella sua posizione di leader finché non saranno presi accordi per scegliere il suo successore.

La tempistica non è chiara e nessun membro del Partito conservatore ha ancora confermato che si candiderà a succedergli.

Si prevede che i dirigenti del partito si incontreranno la prossima settimana per decidere il processo attraverso il quale il partito sceglierà il prossimo leader.

Parlando a GB News domenica, ha rifiutato di dire se si candiderà al prossimo concorso per la leadership, dicendo che “non c’è alcuna urgenza” di insediare un nuovo leader perché il partito “si permette il lusso di essere l’opposizione”.

Tra i possibili candidati alla leadership figurano gli ex ministri Kemi Badenoch, James Cleverley e Tom Tugendhat.

Il numero dei potenziali candidati è stato ridotto dalla disastrosa performance elettorale del Partito conservatore, con i potenziali candidati Grant Shapps e Penny Mordaunt tra i 12 ministri del governo che hanno perso il posto.

Jeremy Hunt, un ex candidato due volte che ha servito come cancelliere sotto Sunak e ha vinto per poco il suo posto, secondo quanto riferito non sta prendendo in considerazione la possibilità di candidarsi di nuovo.

READ  Il record di paracadutismo di Dorothy Hoffner è arrivato pochi giorni prima della sua morte
Italo D'Amore
Italo D'Amore
"Pioniere televisivo a misura di hipster. Risolutore di problemi. Introverso umile e irritante. Lettore. Studente. Esperto di pancetta sottilmente affascinante."
Must Read
Related News