Quali sono le ragioni dell’aumento del numero di immigrati che arrivano in Italia?

BARCELLONA, Spagna (AP) – Migliaia di migranti e rifugiati sono arrivati ​​sull’isola italiana di Lampedusa questa settimana dopo aver attraversato il Mar Mediterraneo su piccole imbarcazioni inadatte alla navigazione provenienti dalla Tunisia, travolgendo le autorità locali e le organizzazioni umanitarie.

Le scene di caos in un affollato centro di accoglienza a Lampedusa hanno suscitato solidarietà e rabbia, con il dito puntato non solo contro i trafficanti di esseri umani ma anche contro il primo ministro italiano Giorgia Meloni, i funzionari dell’Unione europea e il loro partner tunisino, il presidente Kais Saied.

Ecco cosa è successo:

Quanti immigrati sono arrivati?

Più di 120 piccole imbarcazioni sono arrivate a Lampedusa in circa 24 ore, portando il numero di persone presenti nel centro di accoglienza locale a 7.000 contemporaneamente. Si tratta di 15 volte la sua capacità e più della popolazione a tempo pieno dell’isola.

Secondo il Ministero dell’Interno italiano, quest’anno sono arrivati ​​in Italia via mare oltre 127.000 migranti, quasi il doppio del numero registrato nello stesso periodo dell’anno scorso.

Lampedusa, che è più vicina al Nord Africa che al continente italiano, è da tempo presa di mira dai trafficanti di esseri umani. Flavio Di Giacomo, portavoce dell’ufficio mediterraneo dell’Organizzazione internazionale per le migrazioni, ha affermato che la Tunisia è ormai diventata il principale punto di partenza per l’Europa, con l’isola che oggi accoglie circa il 70% di tutti i migranti che arrivano in Italia.

Egli guarda: Il sindaco di New York Eric Adams parla della crisi dei migranti che, secondo lui, “distruggerà” la città

L’Europa ha già dovuto affrontare numeri molto più elevati di arrivi giornalieri, inclusa la crisi migratoria del 2015-2016 e, più recentemente, dopo l’invasione su larga scala dell’Ucraina da parte della Russia. Di Giacomo ha detto che gli arrivi successivi sulla piccola isola in un breve periodo di tempo hanno reso difficile la gestione.

READ  Virgin Australia ritarda i voli di ritorno in Nuova Zelanda, Bali e Fiji

I migranti appena arrivati ​​vengono gradualmente trasferiti sulla terraferma, dove verranno esaminate le loro domande di asilo. Molti sperano di continuare in altre parti d’Europa per trovare lavoro o ricongiungersi con i parenti.

Chi sono le persone che pregano?

A bordo delle imbarcazioni che arrivano a Lampedusa dalla Tunisia ci sono cittadini di diversi Paesi africani, tra cui Costa d’Avorio, Guinea, Camerun, Burkina Faso, Mali e gli stessi tunisini. Molti di loro hanno vissuto e lavorato in Tunisia per anni prima di decidere di partire per l’Europa.

Secondo l’Organizzazione internazionale per le migrazioni, è inoltre in aumento il numero di persone che arrivano dalla Tunisia dopo aver attraversato il paese dalla vicina Libia. Tra questi figurano cittadini di Egitto, Eritrea e Sudan, dove il conflitto in corso tra leader militari rivali ha provocato lo sfollamento di oltre 4 milioni di persone da aprile.

La maggior parte di coloro che si imbarcano sulle navi dei trafficanti verso l’Europa sono giovani uomini e minori non accompagnati, anche se donne e bambini sono visti in numero minore.

Cosa c’è dietro il boom?

Esperti di migrazione affermano che la tempesta mediterranea “Daniel” ha costretto i trafficanti all’interno e nei dintorni della città costiera tunisina di Sfax a interrompere le loro operazioni per diversi giorni, creando un clima di soffocamento. Una volta che il tempo è migliorato, hanno varato dalle spiagge tunisine più di 100 piccole imbarcazioni di ferro che trasportavano dalle 30 alle 40 persone.

“È anche un modo per garantire che più persone possano accedere alla rete e sconfiggere il sistema”, ha affermato Chris Borowski, addetto stampa senior presso l’Agenzia europea della guardia di frontiera e costiera, nota anche come Frontex.

La fine dell’estate porta anche una corsa alle traversate in barca mentre i migranti tentano la fortuna prima del rigido clima autunnale e invernale.

READ  Il prezzo della coca sale a livelli record mentre i produttori di acciaio cinesi affrontano il dolore

Ma ci sono anche altri fattori chiave. La situazione socioeconomica in Tunisia sta peggiorando con tassi di inflazione elevati e mancanza di opportunità di lavoro, paralizzando i tunisini e gli stranieri che vi vivono.

Per saperne di più: Sono 41 i morti nel naufragio di una nave di migranti al largo delle coste tunisine, secondo i 4 sopravvissuti

Anche il crescente sentimento anti-immigrazione nel paese, alimentato dalle dichiarazioni del presidente Saied all’inizio di quest’anno, in particolare contro gli africani sub-sahariani, ha spinto i migranti ad attraversare il confine.

“Molti vivevano in Tunisia e sono rimasti vittime della discriminazione razziale, che li ha spinti a fuggire”, ha detto Di Giacomo.

A luglio, le autorità tunisine hanno arrestato centinaia di migranti e rifugiati neri, lasciandoli al confine sahrawi dove sono morte decine di persone, compresi bambini, secondo i rapporti di gruppi per i diritti umani, autorità libiche e gli stessi migranti.

Tuttavia, il gran numero di arrivi non dovrebbe sorprendere i funzionari italiani.

“Tutti gli indicatori in Tunisia e nella regione nel suo complesso indicavano che l’aumento degli arrivi sarebbe continuato”, ha affermato Tasnim Abderrahim, un ricercatore tunisino dell’Iniziativa globale contro la criminalità organizzata transnazionale, conosciuta anche con l’acronimo GI-TOC.

Cosa è successo con l’accordo tunisino?

Con l’aumento degli attraversamenti dei migranti dalla Tunisia, quest’anno la Meloni e la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen hanno effettuato numerose visite nel paese nordafricano nel tentativo di stringere un nuovo accordo con il leader sempre più autoritario del paese, con una grande attenzione a fermare attraversamenti dei migranti. .

In un memorandum d’intesa firmato il 16 luglio, l’Unione Europea ha annunciato un partenariato ad ampio raggio che comprendeva 105 milioni di euro (112 milioni di dollari) dedicati al controllo delle frontiere.

È troppo presto per sapere se i nuovi progetti finanziati dall’UE in Tunisia – che non sono ancora stati implementati – saranno efficaci nel ridurre la migrazione e stabilizzare l’economia.

READ  La scoperta "terrificante" della famiglia in macchina dopo aver visitato l'aeroporto australiano: "Notti insonni"

Abdul Rahim ha detto che finora “la situazione è peggiorata”.

Anche la Tunisia ha priorità contrastanti. Da un lato, la sua economia al collasso necessita di investimenti. D’altro canto Saied ha detto che non vuole che la Tunisia diventi la guardia di frontiera dell’Europa.

“Non è realistico aspettarsi che la Tunisia impedisca completamente la partenza dei migranti”, ha detto Abdel Rahim. Anche se lo volessero, la capacità della Tunisia sarebbe limitata non solo ad intercettare i migranti, ma anche a far fronte al crescente numero di cadaveri che finiscono sulle coste e che affollano gli obitori delle città costiere.

Alcuni politici hanno accusato la Tunisia di consentire deliberatamente ai trafficanti di imbarcare sempre più imbarcazioni per ottenere influenza nei negoziati con l’Europa. Ma di ciò non è stata ancora fornita alcuna prova.

In ogni caso, gli esperti concordano sul fatto che i contrabbandieri difficilmente passeranno inosservati poiché saldano dozzine di barche di ferro in cantieri navali segreti prima di vararle dalle spiagge intorno a Sfax.

I migranti pagano ai trafficanti tra i 1.500 e i 5.000 dinari tunisini (da circa 500 a 1.600 dollari) per un posto sulle imbarcazioni pericolose. Ma la domanda cresce nonostante i rischi, e non solo per l’Italia. Anche Spagna e Grecia stanno registrando un aumento delle traversate dei migranti quest’anno.

Nonostante le politiche di immigrazione più severe dell’Europa e il miglioramento della tecnologia di sorveglianza, le reti di trafficanti attraverso il Mediterraneo hanno dimostrato quanto velocemente possano adattarsi.

Ha contribuito a questo rapporto Francesca D’Emilio da Roma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto