SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Primo samurai: come un attore giapponese ha creato un modello “macho”

Sessant’anni fa questo mese, uno dei miei film preferiti ha fatto il suo debutto cinematografico. Yujimbo, diretto da Akira Kurosawa e interpretato dall’impresa di Toshiro Mifune, è stato un successo immediato in Giappone e ha avuto un enorme impatto in tutto il mondo.

Il film ha prodotto il genere degli spaghetti western. In effetti, il regista italiano Sergio Leone ha dovuto compensare Kurosawa per aver rubato la storia in “Per un pugno di dollari”, il film che ha reso Clint Eastwood una delle star principali. Film dopo film, il personaggio degli spaghetti western di Eastwood derivava in gran parte dal mordere gli stuzzicadenti arruffati Ronin (“Il Maestro Samurai”) interpretato in modo memorabile da Mifoni.

Il Yojimbo (“The Bodyguard”) è un eroe esistenziale, brillante e ridicolo, guidato da pura serendipità e fantasia piuttosto che dai complessi dilemmi morali dei primi film di Kurosawa. Come “Man Without a Name” di Eastwood, la sua identità è incerta. Quando gli viene chiesto di fornire il suo nome, yojimbo ne fa semplicemente uno smontando, combinando il nome di qualunque fiore venga mostrato. Non ha retroscena né progetti futuri. Si presenta e capovolge il mondo e poi scompare. Nei prossimi decenni, innumerevoli killer della saggezza e misteriosi sconosciuti avrebbero seguito le orme della polverosa Mifune.

Peter Tasker celebra il 60 ° anniversario del lancio di “Yujimbo” con un pranzo al curry di pollo fritto in un ristorante in stile mifon a Ninjushu, Tokyo. (Foto di NW)

Yujimbo e il seguito di Sanjuru (1962), anch’esso diretto e anche diretto da Kurosawa, hanno portato Mifune alla fama mondiale e lo hanno reso il primo attore asiatico a diventare una superstar mondiale, un decennio prima del Congresso, il grande Bruce Lee. Anche ora, in termini di qualità dei suoi migliori programmi e dei film stessi, è ancora in una categoria a sé stante. Non per niente “Kenema Junbo”, la principale rivista cinematografica giapponese, è stata votata dai lettori e dal libro come il più grande attore cinematografico giapponese del ventesimo secolo in due sondaggi separati.

READ  Il Center for Italian Culture della Fitchburg State University porta Fred Plotkin a una celebrazione del cinema italiano

Allora come e dove celebrare questo importante ricordo cinematografico? La mia scelta del locale era l’unico ristorante in stile Mifune rimasto a Tokyo, in una strada secondaria del quartiere fuori moda di Ningyo-cho. Non troverai molti turisti qui, anche in tempi normali. È un normale ristorante che offre una modica tariffa ai lavoratori dei negozi e degli uffici vicini. Insolitamente in questi giorni, mantiene un angolo per fumatori, che sicuramente piacerà alla Mifune amante della sigaretta e della pipa.

Un impiegato di un ristorante indossa una maglietta con una frase di quattro lettere sopra Yu Mo Xu Jin (In parole povere, “Fierce Courage and Strength”, amava Mifoni. (Foto di NW)

C’è uno spazio Mifune sul retro con un display a muro che elenca alcuni dei ruoli che il grande uomo ha svolto negli anni, oltre al motto della famiglia Mifune e una frase di quattro lettere che gli sta a cuore: Yu Mo Xu Jin, Che significa qualcosa come “Fierce Courage and Strength”. Tuttavia, l’arredamento è discreto. Se non hai idea di Mifune, va bene anche questo. Puoi concentrarti sul tuo set da pranzo di pollo al curry, un solido valore di 850 yen (circa $ 8) con pacchetti gratuiti di zuppa di miso e riso extra.

Non posso fare a meno di confrontare questa esperienza culinaria umile e allegra con la catena di ristoranti Kurosawa ad alto prezzo e di alto livello nelle esclusive zone pranzo di Tokyo, che sono chiaramente rivolte a turisti e uomini d’affari con generosi conti di spesa. In un certo senso, la differenza tra i ristoranti sembra simboleggiare la reputazione artistica dei due uomini.

In un sondaggio della BBC del 2018 sui migliori film non inglesi selezionati da esperti di cinema mondiale, due dei film di Kurosawa sono stati classificati tra i primi quattro. Stranamente, l’unico paese in cui nessun esperto di film di Kurosawa è arrivato alla lista dei 10 migliori film personali è stato il suo paese, il Giappone. All’esterno, però, il defunto regista salta da una forza all’altra. È stato recentemente annunciato che verrà rilasciata una versione britannica dei classici di Kurosawa, Ikiru, con una sceneggiatura di Sir Kazuo Ishiguro, vincitore del Premio Nobel per la letteratura 2017.

READ  Necrologio: Helen McCrory | Il teatro

Nonostante la sua continua popolarità a livello locale, l’eredità di Mifune è stata meno promossa, non da ultimo la stessa. Soffrendo di problemi finanziari presso la società di produzione cinematografica da lui fondata a metà degli anni ’60, è apparso in molti film, sia giapponesi che stranieri, che non valgono il suo talento. Peggio ancora, si lasciò definire un generale samurai e un maleducato capo militare. Tra gli oltre 150 film, ha interpretato due volte l’ammiraglio Tojo Heihachiro, l’uomo che ha invaso la flotta russa nel 1905. Allo stesso modo, aveva due colpi sull’ammiraglio Isoroku Yamamoto, comandante dell’attacco di Pearl Harbor. Questi erano ruoli che poteva affrontare nel sonno.

Mentre Kurosawa ha concluso la sua vita con il massimo dei voti, dopo un ritorno artistico e un ritorno al botteghino con i suoi due epici storici, “Kagemusha” (1980) e “Ran” (1985), la carriera di Mifune è fallita in una serie di deludenti Spettacoli. Malato di Alzheimer e abbandonato dalla sua padrona, ha ritagliato una figura miserabile. Il rapporto con Kurosawa, i cui film hanno preso il suo apice, si è inacidito in poco tempo. Infatti, dopo le riprese di “Barba rossa” (1965), il regista e il protagonista non si sono più parlati, anche se entrambi vissero alla fine degli anni ’90.

Il defunto critico Donald Ritchie ha incolpato direttamente Kurosawa, anche se Stuart Galbraith IV, autore di The Emperor and the Wolf, una doppia biografia dei due uomini, indica che la loro relazione creativa è stata esaurita. Quello che è certo è che nessun altro attore avrebbe potuto fare quello che ha fatto Mifune in “Barba rossa” – interpretare un medico progressista e umano che da solo sorpassa una banda di teppisti, rimproverandosi continuamente per il suo comportamento poco professionale. In qualche modo Mifune lo fa sembrare così credibile, che sorprendi i cattivi per conto di.

READ  Quale film di auto ti ha cambiato?

Entrambi gli uomini in seguito hanno ammesso che il loro lavoro migliore è stato fatto insieme. Dopo questa frattura, la portata di Mifune è diminuita e al cast principale di Kurosawa, sebbene eccellente, mancava la brutale vitalità che avrebbe reso la presenza di Mifune sullo schermo così avvincente. In “Yojimbo”, la composizione è al suo apice, poiché il personaggio principale è una co-creazione dell’attore e del regista. Piccolo dialogo. La natura di un uomo nel modo in cui si muove, mangia e ride. Guarda Mifune lanciare un bastone in aria all’incrocio per determinare quale direzione prendere; Muoversi con grazia brutale verso la psiche di mettere in valigia un revolver Fissa dal tetto la sanguinosa battaglia di fazioni che ha orchestrato, come un regista soddisfatto del suo lavoro. Sembra essere fatto di un materiale molto più rigido e denso di quello di chiunque altro.

Il film sembra fresco oggi come lo era nel 1961. Quando finisco il mio pasto al ristorante che porta il suo nome, mi rendo conto che Mifune, come tutti i veri grandi del cinema, è ancora con noi adesso.

Peter Tasker è un analista finanziario con sede a Tokyo e autore di On Kurosawa: A Tribute to The Master Director.