SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

La spesa per COVID-19 ha contribuito a portare gli aiuti esteri ai massimi storici nel 2020, ma è necessario uno sforzo maggiore – Mondo

13/04/2021 – Gli aiuti esteri dei donatori ufficiali sono saliti al massimo storico di 161,2 miliardi di dollari nel 2020, in aumento del 3,5% in termini reali rispetto al 2019, supportati da spese aggiuntive mobilitate per aiutare i paesi in via di sviluppo ad affrontare la crisi del coronavirus. , Secondo i dati preliminari compilati dall’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico.

All’interno del totale di Assistenza Ufficiale allo Sviluppo (APS) fornito dai membri dell’Organizzazione per la Cooperazione Economica e il Comitato di Assistenza allo Sviluppo allo Sviluppo nel 2020, le stime iniziali indicano che i paesi DAC hanno speso 12 miliardi di dollari per attività relative a COVID-19. Parte di questa era nuova spesa e alcune altre sono state reindirizzate dai programmi di sviluppo esistenti, secondo un sondaggio dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico nell’aprile e maggio 2020. La maggior parte dei fornitori di servizi ha affermato che non avrebbe fermato i programmi già esistenti.

L’assistenza ufficiale allo sviluppo totale equivale a circa l’1% dell’importo che i paesi hanno mobilitato nell’ultimo anno in misure di stimolo economico per aiutare le loro società a riprendersi dalla crisi del coronavirus. Nel frattempo, la struttura COVAX rimane gravemente sottofinanziata. Lo ha detto il segretario generale dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, Angel Gurria, durante una presentazione virtuale dei dati degli aiuti.

“I governi di tutto il mondo hanno fornito misure di stimolo COVID per un valore di 16 trilioni di dollari, ma abbiamo mobilitato solo l’1% di tale importo per aiutare i paesi in via di sviluppo ad affrontare una crisi mai vista prima nella nostra vita”. Ha detto il signor Gurria. Questa crisi è una prova importante del multilateralismo e del concetto di aiuto estero. Dobbiamo fare molto di più per aiutare i paesi in via di sviluppo a distribuire vaccini, servizi ospedalieri e sostenere i redditi e il sostentamento delle persone più vulnerabili del mondo. Per costruire una vera ripresa globale “.

READ  Mercati dal vivo, lunedì 12 luglio 2021

Gli aiuti esteri sono aumentati vertiginosamente in un anno che ha visto diminuire tutti gli altri principali flussi di reddito verso i paesi in via di sviluppo – commercio, investimenti diretti esteri e rimesse – a causa della pandemia e le risorse interne sono state sottoposte a crescenti pressioni. Il finanziamento privato esterno totale per i paesi in via di sviluppo è diminuito del 13% nel 2020 e il volume degli scambi è diminuito dell’8,5%. (Vedi l’OECD Global Outlook on Sustainable Development Financing 2021.)

Tuttavia, l’aumento dell’aiuto pubblico allo sviluppo nel 2020 è stato influenzato da un aumento dei prestiti da parte di alcuni donatori. Dell’APS bilaterale totale, il 22% è stato costituito da prestiti e investimenti di capitale, rispetto al 17% circa degli anni precedenti, mentre il resto è costituito da sovvenzioni.

L’APS totale per il 2020 equivale allo 0,32% dell’RNL dei donatori DAC, in aumento dallo 0,30% nel 2019 ma al di sotto dell’obiettivo dello 0,7% dell’APS all’RNL. Parte del rapporto più elevato è dovuto a un RNL inferiore nella maggior parte dei paesi DAC. Sei membri del CAS – Danimarca, Germania, Lussemburgo, Norvegia, Svezia e Regno Unito – hanno raggiunto o superato l’obiettivo dello 0,7%. Tra i donatori non DAC i cui aiuti ai paesi in via di sviluppo non sono inclusi nell’APS totale, la Turchia ha fornito aiuti pari all’1,12% del suo RNL.

L’aiuto pubblico allo sviluppo (APS) è aumentato in 16 paesi del Comitato per l’assistenza allo sviluppo, con un aumento significativo dei loro bilanci per aiutare i paesi in via di sviluppo a rispondere all’epidemia. Gli aumenti maggiori si sono verificati in Canada, Finlandia, Francia, Germania, Ungheria, Islanda, Norvegia, Repubblica slovacca, Svezia e Svizzera. L’assistenza ufficiale allo sviluppo è diminuita in 13 paesi, in particolare Australia, Grecia, Italia, Corea, Lussemburgo, Portogallo e Regno Unito. I donatori del Gruppo dei Sette hanno fornito il 76% dell’APS totale e i paesi DAC-UE il 45%. L’assistenza ufficiale allo sviluppo da parte delle istituzioni dell’Unione europea è aumentata del 25,4% in termini reali poiché hanno mobilitato fondi per attività relative a COVID-19 e aumentato i prestiti sovrani del 136% durante il 2019.

READ  La startup australiana A Cloud Guru è stata venduta a Pluralsight con un massiccio accordo finanziario

Secondo il sondaggio OCSE, il sostegno a breve termine per aiutare nella crisi del COVID-19 si è concentrato sui sistemi sanitari, l’aiuto umanitario e la sicurezza alimentare. I fornitori di aiuti hanno indicato che a medio termine si concentreranno sulla fornitura di diagnosi e vaccini ai paesi bisognosi, oltre a fornire supporto per affrontare le ripercussioni economiche e sociali dell’epidemia.

“All’inizio della pandemia, i donatori del DAC hanno detto che si sarebbero impegnati a proteggere i volumi di APS. Sono grato e orgoglioso di dire che lo hanno fatto e altro ancora. I paesi donatori si sono intensificati per sostenere i paesi in via di sviluppo alle prese con la salute e le ripercussioni economiche di COVID-19, anche se sono esposti. Le loro economie e le loro società sono state sconfitte ” Presidente DAC Susanna Moorhead. “I prossimi anni saranno difficili e il nostro finanziamento deve funzionare più seriamente che mai. Se vogliamo davvero costruire in modo migliore e più verde, dobbiamo concentrarci sui paesi più vulnerabili e su quelli più vulnerabili, in particolare donne e ragazze. “

L’APS bilaterale all’Africa e ai paesi meno sviluppati è aumentato rispettivamente del 4,1% e dell’1,8%. Gli aiuti umanitari sono aumentati del 6%. Escludendo gli aiuti spesi per ospitare i rifugiati nei paesi donatori – che sono diminuiti del 9,5% dal 2019 a 9,0 miliardi di dollari e principalmente relativi a Canada, Islanda e Paesi Bassi – l’assistenza ufficiale allo sviluppo è aumentata del 4,4% in termini reali nel 2020.

L’aiuto pubblico allo sviluppo costituisce più di due terzi del finanziamento esterno per i paesi meno sviluppati. L’OCSE monitora anche gli afflussi di alcuni fornitori di servizi che non sono membri del Comitato per l’assistenza allo sviluppo e di fondazioni private. Dati preliminari pubblicati dall’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico in aprile, seguiti da statistiche finali pubblicate alla fine di ogni anno con disaggregazioni geografiche e settoriali dettagliate. (Vedi una ripartizione dell’APS per il 2019.)

READ  covid geelong: nuovo caso, rilevamento delle acque reflue fairhaven, ingresso dell'iride

L’aiuto pubblico netto allo sviluppo è aumentato per lo più costantemente in volume da poco meno di $ 40 miliardi (a prezzi 2019) nel 1960. È raddoppiato in termini reali (+ 110%) dal 2000, quando sono stati concordati gli obiettivi di sviluppo del Millennio Nonostante l’impatto della crisi del 2008 sulle economie dei fornitori di servizi.

Collegamenti ai dati della guida e alle informazioni di base:

Per ulteriori informazioni, i giornalisti possono contattare Catherine Bremer presso l’OCSE Media Office (+33 1 4524 80 97.)

Il Comitato per l’assistenza allo sviluppo è un comitato OCSE che funge da forum di 30 donatori e organismi di supervisione.

L’aiuto pubblico allo sviluppo (APS) è definito come flussi di finanziamento ufficiale per migliorare lo sviluppo economico e il benessere dei paesi a basso e medio reddito. APS netto è l’APS totale speso meno il rimborso dei gestori di prestiti da parte dei paesi beneficiari.

L’OCSE, che lavora con più di 100 paesi, è un forum politico globale che promuove politiche per migliorare il benessere economico e sociale delle persone in tutto il mondo.