HomeEconomyPerché la partecipazione di Modi al vertice del G7 in Italia è...

Perché la partecipazione di Modi al vertice del G7 in Italia è importante per il Sud del mondo

Nuova Delhi: Mentre il Primo Ministro Narendra Modi si prepara a recarsi in Italia giovedì per partecipare al vertice del G7 di quest’anno, l’importanza del ruolo dell’India nel multilateralismo nel mondo di oggi e il rafforzamento della voce del Sud del mondo sono ancora una volta sotto i riflettori.

Questa sarà la prima visita all’estero di Modi dopo aver assunto l’incarico per la terza volta dopo le elezioni di Lok Sabha. La visita acquista inoltre importanza in quanto avviene a meno di un anno dall’assunzione della presidenza del G20 da parte dell’India.

Questa sarà la quinta partecipazione consecutiva di Modi al vertice del G7 dal 2019. Finora l’India ha partecipato ai vertici del G7 11 volte.

Il 14 giugno è il giorno chiave per il vertice del G7 di quest’anno, ha affermato il Ministro degli Esteri Vinay Kwatra mercoledì in una conferenza stampa prima della partenza.

“La regolare partecipazione dell’India ai vertici del G7 indica chiaramente il crescente riconoscimento e il contributo agli sforzi che l’India sta costantemente compiendo nel tentativo di risolvere le sfide globali, comprese le sfide della pace, della sicurezza, dello sviluppo e della conservazione ambientale”, ha affermato Kwatra.

“La partecipazione dell’India al vertice del G7 è di particolare importanza a causa della recente presidenza indiana del G20. L’India ha finora tenuto due vertici globali di South Voice”, ha aggiunto Kwatra.

Vale la pena ricordare che durante il vertice del G20 tenutosi a Nuova Delhi nel settembre dello scorso anno, l’India ha preso l’iniziativa di includere l’Unione africana nel forum intergovernativo che in precedenza comprendeva 19 paesi sovrani e l’Unione europea che lavoravano per affrontare le principali questioni correlate. sull’economia globale, come la stabilità finanziaria internazionale, la mitigazione del cambiamento climatico e lo sviluppo sostenibile. I paesi africani costituiscono la maggioranza dei paesi del Sud del mondo.

“Ai vertici del G7, noi (India) solleviamo sempre le questioni del Sud del mondo”, ha detto Kwatra.

READ  La presidente della Banca centrale europea Lagarde chiede l'emissione di obbligazioni verdi da parte dell'Unione europea - EURACTIV.com

Il ministro degli Esteri ha inoltre spiegato che al vertice del G7 di quest’anno, che si terrà in Puglia, in Italia, dal 13 al 15 giugno, il focus sarà su quattro questioni centrali: le guerre tra Russia e Ucraina e tra Israele e Hamas nell’Asia occidentale ; Relazioni con i paesi in via di sviluppo, con particolare attenzione all’Africa e alla regione dell’Indo-Pacifico; migrazione legata al cambiamento climatico e alla sicurezza alimentare; e intelligenza artificiale (AI).

“A margine del vertice del G7, il Primo Ministro dovrebbe anche tenere incontri bilaterali con i leader dei paesi del G7”, ha detto Kwatra, aggiungendo che i dettagli di questi incontri saranno condivisi quando saranno definiti.

Oltre all’India, l’Italia, in qualità di paese ospitante, ha invitato Algeria, Argentina, Brasile, Egitto, Kenya, Mauritania, Arabia Saudita, Sud Africa, Tunisia, Turchia ed Emirati Arabi Uniti come paesi di contatto per il vertice del G7. .

Quatra ha affermato che durante la visita in Italia è previsto anche un incontro bilaterale tra Modi e la sua omologo italiana Giorgia Meloni.

Cos’è il G7 e qual è l’importanza dei suoi vertici annuali?

Il G7 è un forum politico ed economico intergovernativo composto da Canada, Francia, Germania, Italia, Giappone, Regno Unito e Stati Uniti. Inoltre, l’Unione Europea (UE) è un “membro non dichiarato”. È organizzato attorno ai valori condivisi del pluralismo, della democrazia liberale e del governo rappresentativo. I membri del G7 sono le principali economie avanzate del FMI.

Il G7 è nato da una riunione ad hoc dei ministri delle finanze nel 1973 e da allora è diventato un luogo formale di alto livello per discutere e coordinare soluzioni alle principali questioni globali, in particolare nei settori del commercio, della sicurezza, dell’economia e del cambiamento climatico. Ogni capo di governo o Stato membro, insieme al presidente della Commissione europea e al presidente del Consiglio europeo, si incontrano ogni anno al vertice del G7. Altri funzionari di alto livello del G7 e dell’Unione Europea si incontrano durante tutto l’anno.

READ  Il Gruppo Enapter riceve finanziamenti per la ricerca del valore di 1,3 milioni di euro dal Ministero dell'Economia italiano

La Russia è stata aggiunta al forum politico dal 1997, che l’anno successivo è diventato noto come G8. Nel marzo 2014, l’adesione della Russia è stata sospesa a tempo indeterminato in seguito all’annessione della Crimea, a quel punto il nome del forum politico è tornato a essere G7. Nel gennaio 2017 la Russia ha annunciato il ritiro definitivo dal G8.

I vertici del G7 forniscono agli Stati membri una piattaforma per coordinare le loro politiche economiche. Dato il loro peso economico collettivo, queste decisioni possono influenzare le tendenze economiche globali e la stabilità.

Storicamente, il G7 ha svolto un ruolo cruciale nella risposta alle crisi economiche globali, inclusa la crisi del debito degli anni ’80, la crisi finanziaria asiatica del 1997 e la crisi finanziaria globale del 2008. Questi vertici consentono discussioni dirette e informali tra i leader mondiali e rafforzano la diplomazia relazioni e ridurre le tensioni.

Sebbene principalmente economico, il G7 ha affrontato sempre più questioni di sicurezza globale, tra cui il terrorismo, la non proliferazione nucleare e i conflitti regionali.

Il G7 ha svolto un ruolo determinante nel potenziare gli aiuti allo sviluppo e nell’affrontare la disuguaglianza globale. Iniziative come l’Iniziativa per i paesi poveri fortemente indebitati e il Fondo globale per la lotta all’AIDS, alla tubercolosi e alla malaria hanno ricevuto il sostegno del G7. Il G7 si è inoltre sempre più concentrato sul cambiamento climatico, impegnandosi a ridurre le emissioni di carbonio, promuovendo le energie rinnovabili e sostenendo accordi internazionali come l’Accordo di Parigi.

Qual è l’importanza dell’India come nazione comunicativa durante i vertici del G7?

L’impegno dell’India con il G7 come nazione di sensibilizzazione è di grande importanza sia per i paesi del G7 che per Nuova Delhi. L’India è una delle principali economie in più rapida crescita al mondo, con una popolazione numerosa e giovane che contribuisce al suo mercato dinamico. Essendo la quinta economia più grande del mondo, le politiche economiche e la crescita dell’India hanno implicazioni globali.

READ  Il virus COVID-19 getta un'ombra sull'ottimismo economico di Stati Uniti ed Europa

L’India svolge un ruolo chiave nel mantenimento della stabilità nell’Asia meridionale e nella più ampia regione dell’Indo-Pacifico. La sua importanza strategica è riconosciuta nel contesto della sicurezza regionale, degli sforzi antiterrorismo e del mantenimento di un ordine internazionale basato su regole. L’impegno dell’India nel coinvolgimento del G7 riflette la sua posizione di contrappeso alla crescente influenza della Cina in Asia. La partecipazione dell’India al Quad insieme a Stati Uniti, Giappone e Australia integra il suo impegno con il G7, rafforzando gli sforzi di cooperazione nella regione dell’Indo-Pacifico. L’inclusione dell’India aiuta a promuovere un ordine mondiale multipolare, garantendo la diversità delle voci nella governance globale.

L’India è un attore cruciale negli sforzi globali per combattere il cambiamento climatico. Con i suoi ambiziosi obiettivi in ​​materia di energia rinnovabile e la partecipazione agli accordi internazionali sul clima, la cooperazione dell’India è essenziale per le iniziative di sostenibilità globale.

Qual è lo stato delle relazioni tra l’India e l’Italia, paese che ospiterà il vertice del G7 del 2024?

Come accennato da Kwatra, Modi e Meloni terranno un incontro bilaterale durante il vertice del G7. I due primi ministri si sono incontrati l’ultima volta durante il vertice COP28 negli Emirati Arabi Uniti nel dicembre dello scorso anno.

“Gli scambi indo-italiani sono diventati intensi nell’ultimo anno. Durante la visita di Stato del Primo Ministro italiano in India nel marzo dello scorso anno, le relazioni bilaterali sono state elevate al livello di un partenariato strategico con particolare attenzione alla difesa”, ha affermato il Ministro degli Esteri. . E l’Indo-Pacifico, l’energia, la scienza e la tecnologia”.

L’Italia è il quarto partner commerciale dell’India nell’Unione Europea. Il volume degli scambi bilaterali tra i due paesi ammonta attualmente a 15 miliardi di dollari

L’Italia ospita anche una comunità indiana di 200.000 persone.

Orsina Fiorentini
Orsina Fiorentini
"Fan zombi sottilmente affascinante. Fanatico della TV. Creatore devoto. Amico degli animali ovunque. Praticante del caffè."
Must Read
Related News