HomeentertainmentPerché i dati vengono archiviati in vetro e ologrammi?

Perché i dati vengono archiviati in vetro e ologrammi?

Commenta la foto, Ian Crawford supervisiona l’archiviazione dei media per l’Imperial War Museum

  • autore, Ben Morris
  • Ruolo, Redattore di tecnologia aziendale della BBC

L’anno 2039 può sembrare molto lontano, ma Ian Crawford lo sta già pianificando.

Segnerà il centenario dello scoppio della Seconda Guerra Mondiale, un anno importante per il mio datore di lavoro, l’Imperial War Museum.

Il signor Crawford è il responsabile delle informazioni del museo e supervisiona un progetto per digitalizzare la sua vasta collezione di fotografie, registrazioni audio e film.

Con una raccolta di circa 24.000 ore di film e video e 11 milioni di immagini, si tratta di un’impresa enorme.

Nel periodo che precede il 2039, i materiali della Seconda Guerra Mondiale saranno una priorità.

Fare copie digitali di queste fonti storiche è vitale perché gli originali si deteriorano nel tempo e un giorno andranno perduti per sempre.

“Quando ottieni la copia singola, vuoi avere la certezza che il tuo sistema di storage sia affidabile”, afferma Ian Crawford.

La quantità di dati necessari per questa archiviazione a lungo termine è in costante aumento, poiché gli scanner più recenti possono registrare documenti e filmati in modo molto dettagliato.

“Il potenziale di crescita è davvero enorme”, afferma Crawford.

“Ora stiamo osservando gli oggetti stessi ed eseguendo la scansione 3D, che può creare file molto grandi”.

Commenta la foto, Tali nastri rappresentano il modo più comune per conservare i dati per lunghi periodi di tempo

Questo diluvio di dati non si limita ai musei; si sta riversando ovunque.

“Continuiamo a generare enormi quantità di dati”, afferma Simon Robinson, principale analista della società di ricerca Enterprise Strategy Group.

“Per la maggior parte delle organizzazioni, il volume dei dati varia molto ogni quattro o cinque anni e in alcuni settori cresce molto più rapidamente”, afferma.

I dati che devono essere conservati a lungo non vengono archiviati nei tradizionali data center, quegli enormi magazzini, con rack di server e luci lampeggianti. Questi processi sono progettati per dati a cui è necessario accedere e aggiornare frequentemente.

Invece, il metodo più comune di conservazione dei dati a lungo termine è la registrazione su nastro. In particolare, il formato noto come LTO (Linear Tape Open), l’ultima versione chiamata LTO-9.

I nastri stessi non sono diversi dai vecchi nastri VHS, ma sono un po’ più piccoli e più quadrati.

All’interno della cassetta c’è un chilometro di nastro magnetico, in grado di memorizzare 18 terabyte di dati.

È tanto: una sola barra può contenere la stessa quantità di dati di circa 300 smartphone standard.

L’Imperial War Museum di Duxford utilizza un sistema a nastro di Spectra Logic. La macchina, grande all’incirca quanto un grande armadio, può contenere fino a 1.500 cassette LTO.

Questi sistemi LTO dominano il mercato dello storage a lungo termine. Sono in circolazione da decenni e hanno dimostrato di essere affidabili.

Sono anche molto economici, il che è importante perché i clienti generalmente vogliono pagare il meno possibile per lo stoccaggio a lungo termine.

Commenta la foto, I dati in HoloMem vengono archiviati in immagini 3D create nel polimero da un laser

In un’ex fabbrica di carta da parati a Chiswick, a ovest di Londra, una startup sta sviluppando un sistema di archiviazione a lungo termine che utilizza i laser per bruciare minuscoli ologrammi in un polimero sensibile alla luce.

Il CEO Charlie Gale sottolinea che con il nastro magnetico i dati possono essere archiviati solo in superficie, mentre gli ologrammi possono archiviare i dati su più strati.

“Puoi fare cose chiamate multiplexing, in cui puoi mettere più serie di informazioni in uno spazio. Questo è davvero il superpotere di ciò che facciamo. Pensiamo di poter mettere più informazioni in meno spazio che mai”, dice.

I blocchi polimerici di HoloMem possono gestire temperature estreme, senza danneggiare i dati, tra -14°C e 160°C.

Commenta la foto, Charlie Gale di HoloMem è fiducioso che il suo sistema possa battere l’attuale tecnologia di archiviazione

In confronto, dovrebbe essere un nastro magnetico Conservare tra 16°C e 25°CCiò significa costi di riscaldamento e raffreddamento significativi, soprattutto nei paesi con temperature estreme.

Anche il nastro va sostituito dopo circa 15 anni, mentre il polimero dura almeno 50 anni.

Il signor Gale sottolinea che poiché il laser modifica chimicamente il polimero, i dati non possono essere manomessi una volta scritti.

Il prototipo del sistema Holomem, che sarà in grado di archiviare e recuperare dati, sarà pronto entro la fine dell’anno.

Gale afferma che il costo del sistema è stato mantenuto basso utilizzando componenti standard ampiamente disponibili, compresi i laser, quindi è fiducioso che HoloMem sarà in grado di eguagliare o battere i costi del nastro magnetico.

Fonte immagine, Ricerca Microsoft

Commenta la foto, Un sistema sviluppato da Microsoft Research memorizza i dati su lastre di vetro

Attraverso il suo braccio di ricerca, Microsoft sta sviluppando un proprio sistema per l’archiviazione dei dati a lungo termine.

Come HoloMem, ho deciso che era ora di abbandonare il nastro magnetico, ma Microsoft ha scelto il vetro come materiale di archiviazione.

Il sistema, chiamato Project Silica, utilizza potenti laser per creare minuscoli cambiamenti strutturali nel vetro, chiamati voxel, che possono essere utilizzati per archiviare dati. I voxel sono incredibilmente piccoli e possono essere raggruppati in strati.

Microsoft afferma che un pezzo di vetro spesso 2 mm e delle dimensioni di un DVD sarebbe in grado di memorizzare più di sette terabyte di dati.

Il sistema immagazzina i pannelli di vetro su scaffalature, dove possono essere raggiunti da piccoli robot simili a granchi che si muovono lungo i binari.

Il vetro economico e durevole è un mezzo di archiviazione attraente, afferma Richard Black, a capo del progetto Silica.

“È altamente resistente alla temperatura, all’umidità, alle particelle e ai campi elettromagnetici”, afferma Black.

Potrebbe potenzialmente preservare i dati per centinaia, forse migliaia, di anni.

Un sistema del genere potrebbe un giorno essere integrato nel massiccio business del cloud computing di Microsoft, Azure.

Ma questo è inverosimile perché il sistema ha davanti a sé anni di sviluppo.

Commenta la foto, IWM sta testando se l’intelligenza artificiale può distinguere tra i modelli Spitfire

A Duxford, l’Imperial War Museum, come molte organizzazioni, ha sperimentato l’intelligenza artificiale. Recentemente hanno testato se l’intelligenza artificiale potesse riconoscere diversi modelli Spitfire nelle immagini dal suo catalogo di immagini.

Crawford ritiene che l’intelligenza artificiale potrebbe essere incredibilmente utile per catalogare la sua biblioteca digitale, un lavoro che richiederebbe agli esseri umani centinaia di anni.

La capacità dell’intelligenza artificiale di vagliare enormi quantità di dati ha reso la loro conservazione ancora più importante: potrebbe esserci qualcosa di prezioso in agguato.

“In passato, le aziende archiviavano i dati nel caso in cui ne avessero avuto bisogno”, afferma Robinson. “Ora c’è una vera ragione aziendale per cui vorrebbero tornare indietro e fare qualche analisi”.

Graziella Fazio
Graziella Fazio
"Pioniere televisivo a misura di hipster. Risolutore di problemi. Introverso umile e irritante. Lettore. Studente. Esperto di pancetta sottilmente affascinante."
Must Read
Related News