Paolo Gentiloni avverte che l’UE deve aumentare i finanziamenti nella corsa alla transizione verde

Ricevi aggiornamenti gratuiti per l’economia dell’UE

Il capo economista di Bruxelles ha avvertito che l’Europa dovrà intensificare la sua risposta al disegno di legge sulla deflazione di Washington poiché il programma statunitense per finanziare la transizione industriale verde sarà più ampio del previsto.

Paolo Gentiloni, commissario europeo per l’economia, ha dichiarato al Financial Times che il blocco ha abbastanza soldi sul tavolo per il prossimo futuro, grazie a programmi tra cui il fondo per la ripresa economica NextGenerationEU da 800 miliardi di euro, che durerà fino al 2026.

Ma ha detto che Bruxelles dovrebbe rafforzare la sua forza finanziaria dopo le elezioni europee del prossimo anno, forse attraverso l’idea precedentemente discussa di un fondo sovrano europeo che pomperebbe miliardi in iniziative industriali cruciali come le tecnologie verdi.

“Hai una corsa globale, e in questa corsa globale, il sostegno economico del pubblico fa parte della corsa – l’organizzazione non è sufficiente”, ha detto Gentiloni in un’intervista. “Il fattore di attrazione per l’IRA sta crescendo”.

I programmi statunitensi, tra cui l’IRA, approvati dal Congresso la scorsa estate, forniscono centinaia di miliardi di dollari in sussidi e crediti d’imposta per nuovi investimenti nelle energie rinnovabili e nella produzione verde, tra cui auto elettriche, progetti a idrogeno e batterie.

Altri governi si stanno affrettando a presentare le proprie politiche industriali verdi in risposta, promettendo sostegno all’industria mentre cresce la preoccupazione che lo stimolo statunitense colpisca i posti di lavoro altrove.

Dopo mesi di discussioni, la Commissione europea ha annunciato a giugno la Piattaforma tecnologica strategica per l’Europa (Step), che destinerà 10 miliardi di euro a programmi di scienza e innovazione nei prossimi anni al fine di “catalizzare gli investimenti nelle tecnologie critiche”.

READ  La giapponese Toshiba conclude i suoi 74 anni di storia del mercato azionario

Ma gli Stati membri sono stati tiepidi nel contribuire alla piattaforma, che fa parte di una controversa revisione intermedia del bilancio settennale dell’UE ed è una frazione delle dimensioni del programma statunitense.

Il Congressional Budget Office ha inizialmente stimato che l’IRA avesse un prezzo di $ 391 miliardi, ma Goldman Sachs ha stimato che alla fine potrebbe raggiungere più di $ 1 trilione, poiché includeva crediti d’imposta illimitati.

Se raggiungerà questo tipo di dimensioni, ha affermato Gentiloni, l’UE dovrà fornire una risposta più forte.

Ha affermato che il programma graduale proposto dovrebbe essere visto come un punto di partenza, poiché il Fondo europeo per la ripresa funziona solo fino al 2026. “Dobbiamo creare le condizioni per ottenere qualcosa di più sostanziale”.

Questo è stato particolarmente importante, ha affermato, data la necessità di contrastare le argomentazioni politiche secondo cui l’UE stava lottando per essere la prima mossa sulle questioni ambientali.

Tuttavia, con l’avvicinarsi delle elezioni europee del prossimo anno, è troppo tardi per provare ad andare avanti con un’iniziativa del genere, ha affermato, in particolare considerando il denaro ancora disponibile da NextGenerationEU e l’attenzione dell’UE sull’approvazione di un maggiore sostegno al bilancio per l’Ucraina.

L’argomento politico non dovrebbe concentrarsi sugli avvertimenti che “il pianeta sta per morire”, ha detto Gentiloni, ma piuttosto che le famiglie dovrebbero concentrarsi su fiorenti investimenti verdi.

La tua famiglia godrà dei vantaggi. I tuoi figli troveranno lavori migliori. E se ritardiamo il trasloco, qualcun altro accetterà i lavori migliori”.

Quindi è tempo di pensare [on] Più strumenti dopo il 2026”, ha affermato Gentiloni, socialdemocratico ed ex primo ministro italiano.

READ  La fibra fresca di mangime per cavalli è stata richiamata dall'Australia dopo che nel prodotto sono state trovate carcasse di riccio

L’attuale comitato ha assunto le sue funzioni nel 2019 e il suo mandato scade il prossimo anno.

Gentiloni è intervenuto dopo le riunioni dei ministri delle finanze a Bruxelles in cui si è discusso dei piani di riforma delle regole fiscali dell’Unione europea. Un disegno di legge presentato dal capo dell’economia ad aprile inaugurerebbe riforme di vasta portata del labirintico Patto di stabilità e crescita, conferendo agli Stati una maggiore titolarità dei loro piani nazionali di riduzione del debito.

La Germania ha aperto la strada imponendo requisiti minimi di riduzione del debito più severi da includere nel quadro in quanto richiede una disciplina più rigorosa.

Gentiloni ha difeso la proposta legislativa della commissione, ma l’ha definita “intoccabile”.

Se c’è un aumento delle “garanzie” numeriche che assicurano la riduzione del debito, come richiesto da Berlino e altri, ha detto Gentiloni, questo deve essere contrastato aumentando lo “spazio fiscale per gli investimenti” all’interno delle nuove regole.

“Puoi migliorarlo… ma è molto importante non perdere l’equilibrio.” Ha aggiunto di non essere pessimista sulle prospettive dei colloqui sul Patto di stabilità e crescita, nonostante la caduta del governo olandese e le incombenti elezioni in Spagna, che detiene la presidenza di turno dell’Unione europea.

“La mia impressione è che ci sia molta conversazione e discussione dietro le quinte e che ci sia un atteggiamento aperto da parte di tutti”, ha detto Gentiloni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto