HomeWorldNella Francia divisa, gli elettori di sinistra sperano di unirsi contro l’estrema...

Nella Francia divisa, gli elettori di sinistra sperano di unirsi contro l’estrema destra

I nomi contrassegnati con un asterisco sono stati modificati per proteggere le identità.

Parigi, Francia – Decine di migliaia di manifestanti in tutta la Francia sono scesi in piazza dopo che il presidente Emmanuel Macron ha indetto elezioni anticipate in seguito alla sconfitta del suo partito per mano dell’estrema destra in un recente voto del Parlamento europeo.

Le manifestazioni sono contro l’estrema destra e la decisione di Macron.

A Parigi, in Place de la République, il 15 giugno la gente è salita sulla statua di Marianne prima di seguire il percorso familiare dalla Repubblica alla Nazione.

La nuova ondata di manifestazioni è iniziata in Francia dopo che il partito Raggruppamento Nazionale guidato da Marine Le Pen ha ottenuto il 31,4% dei voti, guidato da Jordan Bardella. Mentre la coalizione di governo guidata dal partito Ennahdha di Macron ha ricevuto solo il 14,6%.

Justine*, studentessa a Parigi, lavora alle campagne elettorali di diversi candidati di sinistra.

Ha aggiunto in una dichiarazione ad Al Jazeera: “Il Partito Repubblicano è un partito d’odio basato sul razzismo, l’estremismo e il capitalismo, e il regime di estrema destra rappresenta una grande minaccia per i diritti delle donne”.

Gli organizzatori si sono dati da fare da quando Macron ha chiesto elezioni anticipate.

“Nessuno se lo aspettava. Ci vuole molto per organizzare tutto, soprattutto per i giovani candidati, alla fine, abbiamo solo 15 giorni prima che debbano registrarsi. Non è proprio democratico”, ha detto Justine.

“Una scommessa molto rischiosa”

Indicendo nuove elezioni, che si terranno in due turni il 30 giugno e il 7 luglio, Macron scommette che gli elettori francesi si schiereranno contro l’estrema destra e daranno un nuovo tono, quello di migliori risultati per il centro nelle prossime elezioni.

“È una scommessa molto rischiosa”, ha affermato Philippe Marlier, professore di politica francese ed europea all’University College di Londra. “Probabilmente perderà quelle elezioni.”

È improbabile che il partito di Macron ottenga la maggioranza, e il partito nazionalista e anti-immigrazione del Fronte Nazionale potrebbe ottenere più seggi.

Se il partito Fronte Nazionale ottenesse la maggioranza assoluta al Parlamento francese (Assemblea Nazionale), Bardella potrebbe diventare primo ministro.

READ  Un cliente malato terminale lascia una mancia di $ 1.000 al ristorante

“Il meraviglioso risultato… ha confermato l’ascesa dell’estrema destra”, ha detto Marlier. “Mai prima d’ora l’estrema destra aveva superato la soglia del 30% nelle elezioni nazionali”.

Per Justine, l’agenda del presidente francese ha contribuito alla normalizzazione delle ideologie “estremiste”.

“Macron non è del tutto innocente. Ha attuato politiche in linea con l’estrema destra e non penso che sia un presidente per i diritti sociali o i diritti umani”, ha detto.

(Al Jazeera)

Il Fronte Nazionale ha una piattaforma anti-globalizzazione e anti-immigrazione e spinge per controlli più severi alle frontiere e meno politiche ambientali. Ma negli ultimi anni il voto per il Rally Nazionale è diventato più diffuso in tutta la Francia.

“In questo paese, l’estrema destra è diventata così mainstream e normalizzata. “Ciò che mi spaventa di più è che le persone sono ancora scioccate”, ha detto ad Al Jazeera Reem Sarah Alwan, ricercatrice francese in diritto comparato presso l’Università Capitol di Tolosa.

Alcune delle politiche di Macron, come la legge sull’immigrazione, fanno appello alle tradizionali visioni di estrema destra.

“I critici sostengono così [Macron] “In realtà ha preso a prestito le politiche da manuale del Fronte Nazionale sull’immigrazione e l’Islam e tutte le infinite guerre culturali e la ‘vigilanza’ come dicono i francesi”, ha detto Marlier. “La gente lo sente [ideas] Alla fine è accettabile. “La gente non ha più paura di votare per il partito”.

Beatrice Chapidelain, un’insegnante in pensione che vive in Normandia, ha detto di essere rattristata dalla politica e dalle condizioni di lavoro in Francia.

“Non dovremmo essere sorpresi dall’ascesa del Fronte Nazionale, data l’insicurezza, la povertà e la miseria di cui soffre l’attuale governo”, ha detto Chapdelain, che ha circa ottant’anni.

Nonostante i suoi sentimenti riguardo allo stato del Paese, voterà alle elezioni anticipate.

“Ho sempre votato e per me è un dovere”, ha detto.

Anche se non ha rivelato per chi voterebbe, ha detto che non sarà per il Fronte Nazionale o per la Sinistra.

Nel frattempo, gli esperti temono che l’affluenza alle urne possa essere bassa e molti assenti durante le festività natalizie.

READ  Serena Williams si ritira dagli US Open 2021 a causa di un infortunio al bicipite femorale

L’affluenza alle urne in Francia per le elezioni del Parlamento europeo è stata del 51,4%.

I giovani elettori hanno avuto tassi di astensione elevati: 59% per quelli di età compresa tra 25 e 34 anni e 51% per quelli di età compresa tra 18 e 24 anni.

“Ciò che mi preoccupa è il momento: sciogliere l’Assemblea nazionale mentre il popolo è in vacanza. Il tasso di astensione è già alto. “L’estrema destra ha vinto grazie alle persone che non hanno votato”, ha detto Alwan.

“La sinistra potrebbe essere la vera sorpresa”.

La sinistra ha formato un’alleanza sotto il nome di Fronte Popolare per cercare di unire gli elettori.

La sua piattaforma si impegna ad aumentare i salari, abbassare l’età pensionabile da 64 a 60 anni, fornire una migliore protezione ai richiedenti asilo e ai rifugiati climatici e sostenere politiche climatiche più forti.

“La sinistra potrebbe essere la vera sorpresa in queste elezioni”, ha detto Marlier. “È possibile che la sinistra arrivi seconda [after RN]Tutti i partiti di sinistra si sono ora riuniti in questa coalizione chiamata Fronte Popolare.

Ma l’alleanza non rappresenta l’unità.

“Il Fronte popolare è innanzitutto una coalizione elettorale”, ha affermato Marlier. “Non è che la sinistra sia improvvisamente diventata un monolite e abbia un nuovo nome. ovviamente no. Esistono per servire uno scopo: schierare un candidato per ogni collegio elettorale, perché se non lo fanno, verranno eliminati al primo turno.

Baptiste Collin, produttore teatrale 29enne di Lione, nutre riserve sulla coalizione.

“Penso che un’alleanza sia possibile, ma a sinistra non esiste un leader chiaro. Colin ha detto ad Al Jazeera: “Ci manca una forte personalità mediatica”.

Le donne portano un cartello che dice:
La leader dell’estrema destra francese, Marine Le Pen, e Jordan Bardella, capo del partito di estrema destra Rassemblement Nationale francese, se ne vanno dopo una conferenza stampa per presentare le priorità politiche. [Gonzalo Fuentes/Reuters]

Il Fronte Nazionale ha catturato i giovani elettori, ottenendo il sostegno del 30% dei giovani tra i 18 e i 24 anni e del 28% dei giovani tra i 25 e i 34 anni nelle elezioni del 9 giugno.

“La sinistra non sembra essere ascoltata”, ha detto Cullen. Ho votato per Macron nel 2022 e contro Le Pen, ma sento che ha trasformato il Raggruppamento Nazionale in qualcosa di più rispettabile. Sembra dire oggi che il Raggruppamento Nazionale può governare e noi dobbiamo scegliere tra il Raggruppamento Nazionale e Macron”.

READ  I suoi 47 residenti affermano che l'isola di Pitcairn, situata nel Pacifico meridionale, è libera dal virus corona emergente.

Alcuni dei più grandi influencer francesi dei social media si sono espressi contro il Fronte Nazionale, invitando i loro seguaci a votare.

Il più grande YouTuber francese, Squezie, che ha 19 milioni di follower, ha pubblicato un post il 14 giugno in cui afferma che è importante “combattere nell’interesse di tutti i cittadini del paese contro questa ideologia odiosa e distruttiva”.

I problemi della maggioranza di Macron

La coalizione del presidente Macron ha perso la maggioranza assoluta in parlamento nel 2022, ostacolando gli sforzi volti ad approvare le riforme interne.

Da allora, il suo governo è ricorso all’invio di leggi senza voto in Parlamento utilizzando l’articolo 49.3 della Costituzione francese, compreso il controverso disegno di legge sulle pensioni.

Questa mancanza di manovrabilità nel dirigere come aveva sperato potrebbe essere stata la ragione dietro la sua decisione di sciogliere il parlamento il 9 giugno, secondo Marlier.

“È stato molto difficile per il suo partito governare e approvare la legislazione perché non esiste la maggioranza assoluta”, ha detto. Penso che Macron senta di non essere stato in grado di governare come avrebbe voluto a causa di questa situazione. Quindi il suo margine di manovra era molto limitato. “Gli hanno tagliato le ali, per così dire.”

Jacques Chirac, un conservatore, è stato l’ultimo presidente a indire elezioni anticipate nel 1997, quando la sinistra ottenne la maggioranza. Poi ha dovuto trascorrere cinque anni al potere con la sinistra.

Indipendentemente dalla loro appartenenza politica, gli elettori francesi sono ben consapevoli dell’importanza delle prossime elezioni.

“Storicamente, le elezioni legislative non sono state così importanti. “Non sono le elezioni presidenziali, ma ora sono diventate necessarie”, ha detto Gulen.

“Conosco molte persone che non hanno votato due settimane fa perché non volevano o erano fuori città, ma ora voteranno perché è molto più importante.”


Italo D'Amore
Italo D'Amore
"Pioniere televisivo a misura di hipster. Risolutore di problemi. Introverso umile e irritante. Lettore. Studente. Esperto di pancetta sottilmente affascinante."
Must Read
Related News