SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Neanderthal, gli antenati umani non mangiavano una dieta paleo a basso contenuto di carboidrati: uno studio

Le immagini dei nostri antenati umani nella cultura popolare spesso raffigurano cacciatori di macho che inseguono e si nutrono di selvaggina. Quindi è logico che gli imitatori moderni seguano diete come il paleo e il cheto che sono ricche di carne e povere di carboidrati.

Ma nuove prove suggeriscono che i Neanderthal ei loro antenati consumassero grandi quantità di carboidrati amidacei mentre si espandevano in tutta l’Africa orientale e in Europa.

Tracce di antichi batteri sui denti di Neanderthal indicano che almeno 600.000 anni fa, i nostri antenati mangiavano cibi vegetali ricchi di carboidrati per soddisfare il fabbisogno energetico di cervelli sempre più grandi. Questo è secondo uno studio È stato pubblicato lunedì da un team che include antropologi dell’Università di Harvard e il Max Planck Institute in Germania.

“Ovviamente i primi umani cacciavano, ma penso che sia quasi impossibile che cacciassero esclusivamente. E penso che sia davvero improbabile che cacciassero principalmente”, ha detto a Insider Christina Wariner, antropologa dell’Università di Harvard e coautrice del nuovo studio. . “Penso che abbiano una strategia alimentare mista”.

Quindi le persone a dieta moderne che cercano di emulare le abitudini dei nostri antenati dando la priorità alla carne sbagliano il bersaglio:

La dieta Paleo
“Non ha davvero nulla a che fare con il Paleolitico”, ha detto Warner. “È un termine improprio”.

I denti dei nostri antenati possono rivelare ciò che mangiavano

Il membro più antico del genere che comprende gli esseri umani moderni, Homo, apparve per la prima volta durante il periodo Paleolitico, che iniziò 2,5 milioni di anni fa. Alla fine, hanno sostituito gli antenati umani prima di loro, gli Australopiti.

READ  Coronavirus COVID-19: l'infermiera infetta scatena la crisi di Covid negli ospedali del NSW

Gli australopiti avevano cervelli piccoli simili per dimensioni a quelli degli scimpanzé. Quando i Neanderthal apparvero alla fine del Paleolitico, circa 12.000 anni fa, il cervello dei nostri antenati era triplicato di dimensioni.

MRD_CMNH0353.image jpeg

Ricostruzione facciale di un esemplare di Australopithecus anamensis di 3,8 milioni di anni trovato in Etiopia nel 2016.

Matt Crowe, per gentile concessione del Cleveland Museum of Natural History. Ricostruzione facciale di John Gorsh.


In un primo momento, gli antropologi pensavano così Stava mangiando carne Ciò ha spinto le prime menti umane a crescere rapidamente, dal momento che alcune Ricerca Indica che la principale fonte di cibo per i Neanderthal era la carne. Ma Warner era scettico: i cervelli in crescita richiedono glucosio, che è uno zucchero semplice ottenuto dai carboidrati. Non c’è molto glucosio nella carne.

Inoltre, molti studi sul consumo di carne di Neanderthal si sono basati sulla quantità di carbonio e azoto nei denti e nelle ossa, ma fattori diversi dalla dieta, incluso il digiuno periodico, potrebbero influenzare questa misurazione.

Quindi il team della Wariner ha esaminato il DNA dei batteri fossilizzati sui denti antichi. Hanno confrontato i batteri dentali di 124 primati viventi ed estinti, compresi i Neanderthal vissuti 100.000 anni fa in Europa. I risultati hanno mostrato che i Neanderthal avevano più o meno gli stessi batteri in bocca degli umani moderni.

Una sottospecie di batteri in particolare ha attirato l’attenzione dei ricercatori perché può alimentarsi utilizzando un enzima presente nella nostra saliva chiamato amilasi. L’amilasi è ciò che aiuta il nostro corpo a estrarre lo zucchero dai tuberi e dalle radici amidacee.

Questi batteri sono stati trovati solo sui denti umani e di Neanderthal, non sui denti di scimpanzé, gorilla o scimmie ululanti.

“Questo ci dà qualche indicazione che l’amido era presente nella prima dieta umana”, ha detto Warner.

Famiglia di Neanderthal

Una mostra che mostra la vita di una famiglia di Neanderthal in una grotta al Museo dei Neanderthal a Krapina, Croazia, 25 febbraio 2010.

Reuters / Nikola Solich


Ha aggiunto che i risultati indicano anche che i primi esseri umani cucinavano il cibo sul fuoco, perché l’enzima amilasi è più bravo a scomporre gli amidi una volta cotto.

La dieta paleo e cheto potrebbe non essere la stessa della dieta dei nostri antenati

Le nuove scoperte si scontrano con la popolare dieta paleo, che fa molto affidamento su carne, pesce e verdure evitando cereali e amidi.

Il

Dieta chetogenica
È più restrittivo e limita fortemente i carboidrati a favore di grassi e proteine, spesso carne.

Le diete a basso contenuto di carboidrati incoraggiano il corpo a produrre il carburante preferito, il glucosio, nel fegato e nei reni, utilizzando componenti di grassi e proteine ​​in un processo chiamato L’introduzione dello zucchero. Un’altra strategia metabolica a basso contenuto di carboidrati è la chetosi, una condizione in cui il corpo si adatta a nutrire il cervello e altri organi bruciando i grassi invece del glucosio.

Evoluzione di Neanderthal

Una mostra che mostra un uomo di Neanderthal in una grotta presso il Museo dei Neanderthal nella città di Krapina, Croazia, 25 febbraio 2010.

Reuters / Nikola Solich


Ma Wariner non crede che i primi esseri umani si affidassero alla gluconeogenesi o alla chetosi.

“Fare il proprio zucchero, producendo il proprio glucosio, in realtà richiede una grande quantità di grassi alimentari”, ha detto.

La maggior parte degli animali terrestri che gli antenati di Neanderthal cacciavano in Africa non avevano riserve di grasso significative, ha aggiunto Warner.

“I residenti che sopravvivono per un tempo molto lungo da una dieta a basso contenuto di carboidrati tendono ad essere cacciatori di mammiferi marini perché i mammiferi marini hanno una grande quantità di grasso”, ha detto.

In definitiva, confrontare le diete attuali con quelle ereditarie è un esercizio imperfetto, poiché gli esseri umani moderni vivono in un mondo diverso da quello dei Neanderthal.

“Qualcuno che sta seduto al computer per otto ore al giorno, sai, sta vivendo una vita diversa da quella di una persona in cerca di cibo”, ha detto Wariner.

I tuberi amidacei che mangiavano i nostri antenati erano anche diversi dai carboidrati contemporanei: erano densi di nutrienti, ricchi di fibre e ricchi di vitamine.

“Non è davvero giusto confrontare gli ortaggi a radice selvatica con cose come pizza e pasta”, ha aggiunto Wariner. “Sono molto diversi nella loro composizione nutrizionale e composizione”.

La dieta cheto

Un gruppo di alimenti che si allineano con la dieta cheto a basso contenuto di carboidrati.

Yasmine Mardan / Getty Images


Ci sono poche prove che la dieta paleo o cheto offra forti vantaggi rispetto ai modelli alimentari di cibi integrali ricchi di altri nutrienti.

“Non credo che abbiamo bisogno di riportare tutto indietro e riportare l’orologio indietro di 10.000 anni per essere sani”, ha detto Wariner.