HomescienceL’oceano potrebbe essere la prossima frontiera per l’agricoltura vegana?

L’oceano potrebbe essere la prossima frontiera per l’agricoltura vegana?

Dal 2019 i fondatori della startup agricola canadese COSÌRory Hornby e Luke Young mirano a utilizzare l’ingegneria genetica per cambiare radicalmente il modo in cui possono essere coltivate le colture terrestri.

“Attivando” la tolleranza alla salinità delle specie di colture terrestri come il riso, il team di Alora mira ad affrontare la fame globale riducendo al contempo l’uso di acqua dolce durante la fase di produzione. Inoltre, l’azienda mira a eliminare le emissioni di metano associate alle tradizionali tecniche di coltivazione del riso coltivando il riso in acqua salata, che impedisce la crescita di batteri che emettono metano.

“Stiamo rinvigorendo la tolleranza al sale inerte. Queste piante possono prosperare, sia che galleggiano sulla superficie dell’oceano, in terreni irrigati o irrigati, in acque saline, sia attraverso l’innalzamento del livello del mare, sia attraverso i cambiamenti climatici o l’uso eccessivo di fertilizzanti. “Un funzionario di Alora, in un’intervista con Sustainable Biz, una piattaforma di notizie con sede in Canada.

Utilizzando questa tecnologia, Alora è stata in grado di modificare le piante di riso per renderle in grado di tollerare la salinità a una velocità di 16 grammi di sale per litro d’acqua, anche se le colture di riso tradizionali sono elencate come altamente sensibili alla salinità. Alora mira ad aumentare ulteriormente la tolleranza alla salinità, fino a 24 grammi per litro entro la fine dell’anno.

Alora è attualmente nel bel mezzo di un progetto pilota a Singapore, dove sta cercando di aumentare la tolleranza alla salinità delle colture di riso e di testare una struttura che faciliti la crescita del raccolto direttamente sulla superficie dell’oceano.

READ  La compagnia spaziale mira a consegnare forniture vitali ovunque entro 90 minuti

Con l’intenzione di avere il suo primo sito agricolo completamente operativo in poco più di un anno, Alora mira a portare il concetto su scala globale entro il 2026, con Kenya, Namibia, Madagascar, India e Stati Uniti elencati come potenziali siti di riso oceanico. -campi.

Per promuovere gli obiettivi della startup nel campo dell’agricoltura sostenibile, Luke Young, co-fondatore di Alora, ha commentato le sue speranze di sviluppare l’impresa.

“A partire dal 2025 circa, inizieremo a cercare di collegare contemporaneamente diverse tecnologie a queste fattorie, ad esempio le energie rinnovabili, come i pannelli solari, ad esempio, o le onde di marea o veri e propri sistemi di generazione di energia dal moto ondoso.

Orsina Fiorentini
Orsina Fiorentini
"Fan zombi sottilmente affascinante. Fanatico della TV. Creatore devoto. Amico degli animali ovunque. Praticante del caffè."
Must Read
Related News