HomeEconomyLo riferisce un'indagine Il potenziale divieto di notizie su Facebook sta...

Lo riferisce un’indagine Il potenziale divieto di notizie su Facebook sta già colpendo i media australiani più piccoli

I piccoli editori stanno già avvertendo gli effetti di un potenziale divieto di notizie su Facebook, ha sentito una commissione parlamentare, poiché organi di stampa piccoli e grandi chiedono che le società di social media siano costrette a pagare per le notizie.

Meta, la società madre di Facebook e Instagram, ha annunciato a marzo che non avrebbe stipulato nuovi accordi con le società di stampa per pagare le notizie, dopo la scadenza dei contratti firmati nel 2021 ai sensi del News Media Bargaining Code del governo Morrison.

Il vice tesoriere Stephen Jones sta esaminando se il governo albanese dovrebbe utilizzare i poteri previsti dalle leggi del Codice di contrattazione dei media per “impostare” Meta sotto la legge, il che costringerebbe la società tecnologica ad avviare trattative di pagamento con i fornitori di notizie, o rischiare multe del 10%. delle sue entrate australiane.

Le società giornalistiche hanno dichiarato al comitato congiunto sui social media e sulla società australiana del Parlamento federale di temere che, se Meta fosse stata designata, avrebbero rimosso le notizie dalle loro piattaforme in Australia, in modo simile alle mosse avvenute in Canada nell’agosto dello scorso anno.

Il presidente della Digital Publishers Alliance, Tim Duggan, ha detto al comitato che sarebbe “potenzialmente devastante” per i piccoli editori, alcuni dei quali ricevevano fino al 70% del loro traffico da Facebook finché Meta non ha cambiato il suo algoritmo per depriorizzare le notizie.

Duggan ha detto che dopo aver visitato il Canada di recente, ha scoperto che aveva un impatto minimo sugli editori più grandi che avevano altri flussi di entrate e riconoscimento del marchio, il che significava che le persone visitavano i loro siti web al di fuori dei social media.

READ  Centinaia di migliaia di australiani rischiano difficoltà finanziarie se i tassi di interesse aumentano

“Ma per la parte più piccola della città, per gli editori indipendenti e per coloro che si affidano ai social media e sono corteggiati da anni, l’impatto è stato devastante”, ha aggiunto.

“Quindi penso che un divieto di notizie sarebbe terribile non solo per l’industria ma anche per la democrazia australiana”.

Ma ha detto che l’idea stessa che Meta possa vietare le notizie in Australia era già stata avvertita dagli editori, con gli inserzionisti che si innervosivano.

“Abbiamo già visto un impatto su alcuni membri, da parte di marchi e agenzie che trattengono parte delle loro entrate e alcune delle loro campagne in previsione dell’entrata in vigore del divieto di notizie nei prossimi mesi”, ha affermato.

“Ci sono inserzionisti che dicono che siamo preoccupati per l’impatto del blocco delle notizie, quindi siamo nervosi e tratteniamo i dollari pubblicitari.”

Sebbene anche i principali editori fossero preoccupati per il divieto di notizie, erano meno preoccupati per l’eventuale possibilità che Meta si ritirasse completamente dall’Australia.

Il presidente di News Corp Australia, Michael Miller, ha detto al comitato che sono necessarie nuove leggi e che se Meta non vuole “giocare secondo le regole” dovrebbe essere bandita “come altre società che non vogliono giocare secondo le regole e le leggi australiane”. Non puoi lavorare qui.”

Salta la precedente promozione della newsletter

Ha detto che i piccoli editori avevano un “rapporto molto malsano” con Meta, in particolare come “partner commerciale inevitabile” per garantire che il loro giornalismo fosse scoperto.

Il presidente di Country Press Australia, Andrew Schreier, ha detto al comitato che Meta ha mostrato totale disprezzo per i media australiani e il governo, e che dovrebbe essere bandita se si rifiuta di compensare per il contenuto.

Duggan ha detto che la partenza di Meta dall’Australia sarebbe adatta solo ai grandi editori e ha invitato il governo a considerare un’alternativa per compensare le società di stampa.

“Beneficiari [Meta leaving Australia] “Probabilmente si tratterà di media legacy più grandi, perché tutto il denaro che è confluito nel meta probabilmente inizierà a rifluire nei media legacy”, ha detto.

Meta ha precedentemente riferito che le aziende tecnologiche globali non possono risolvere i problemi a lungo termine che affliggono l’industria dell’informazione.

Guardian Australia ha ricevuto finanziamenti sia da Google che da Meta nel 2021 dopo che il disegno di legge è diventato legge.

Perché l’Australia sta cercando di regolamentare Google e Facebook – video esplicativo

Orsina Fiorentini
Orsina Fiorentini
"Fan zombi sottilmente affascinante. Fanatico della TV. Creatore devoto. Amico degli animali ovunque. Praticante del caffè."
Must Read
Related News