HomeEconomyL’economia globale sfida la gravità. Ciò non può continuare

L’economia globale sfida la gravità. Ciò non può continuare

Anche se le guerre infuriavano e il clima geopolitico peggiorava, l’economia globale rimaneva un’irrefrenabile fonte di gioia. Solo un anno fa tutti concordavano sul fatto che gli alti tassi di interesse avrebbero presto portato ad una recessione. Adesso anche gli ottimisti sono confusi. L’economia statunitense ha registrato una ripresa nel terzo trimestre, crescendo all’impressionante tasso annuo del 4,9%. In tutto il mondo, l’inflazione ha iniziato a scendere, la disoccupazione è rimasta per lo più bassa e le principali banche centrali potrebbero aver smesso di inasprire le politiche monetarie. La Cina, che soffre di una crisi immobiliare, sembra probabile che beneficerà di un modesto pacchetto di stimoli. Ma purtroppo questo buonumore non può continuare. Le basi della crescita appaiono oggi instabili. Guarda avanti, le minacce abbondano.

Anche se le guerre infuriavano e il clima geopolitico peggiorava, l’economia globale rimaneva un’irrefrenabile fonte di gioia. Solo un anno fa tutti concordavano sul fatto che gli alti tassi di interesse avrebbero presto portato ad una recessione. Adesso anche gli ottimisti sono confusi. L’economia statunitense ha registrato una ripresa nel terzo trimestre, crescendo all’impressionante tasso annuo del 4,9%. In tutto il mondo, l’inflazione ha iniziato a scendere, la disoccupazione è rimasta per lo più bassa e le principali banche centrali potrebbero aver smesso di inasprire le politiche monetarie. La Cina, che soffre di una crisi immobiliare, sembra probabile che beneficerà di un modesto pacchetto di stimoli. Ma purtroppo questo buonumore non può continuare. Le basi della crescita appaiono oggi instabili. Guarda avanti, le minacce abbondano.

L’economia irrefrenabile ha incoraggiato a scommettere che i tassi di interesse, anche se non cresceranno più rapidamente, non scenderanno molto. Nell’ultima settimana, la Banca Centrale Europea e la Federal Reserve hanno mantenuto i tassi di interesse stabili; Ci si aspettava che la Banca d’Inghilterra seguisse l’esempio poco dopo la nostra pubblicazione, il 2 novembre. Di conseguenza, i rendimenti obbligazionari a lungo termine sono aumentati notevolmente. Il governo degli Stati Uniti deve ora pagare il 5% per prendere in prestito per 30 anni, rispetto a solo l’1,2% al culmine della recessione pandemica. Anche le economie note per i bassi tassi di interesse hanno registrato forti aumenti. Non molto tempo fa i costi di finanziamento della Germania erano negativi; Ora il suo rendimento obbligazionario a 10 anni è quasi del 3%. La Banca del Giappone lo ha fatto Tutto tranne arrendersi Sulla promessa di fissare gli oneri finanziari all’1% per dieci anni.

L’economia irrefrenabile ha incoraggiato a scommettere che i tassi di interesse, anche se non cresceranno più rapidamente, non scenderanno molto. Nell’ultima settimana, la Banca Centrale Europea e la Federal Reserve hanno mantenuto i tassi di interesse stabili; Ci si aspettava che la Banca d’Inghilterra seguisse l’esempio poco dopo la nostra pubblicazione, il 2 novembre. Di conseguenza, i rendimenti obbligazionari a lungo termine sono aumentati notevolmente. Il governo degli Stati Uniti deve ora pagare il 5% per prendere in prestito per 30 anni, rispetto a solo l’1,2% al culmine della recessione pandemica. Anche le economie note per i bassi tassi di interesse hanno registrato forti aumenti. Non molto tempo fa i costi di finanziamento della Germania erano negativi; Ora il suo rendimento obbligazionario a 10 anni è quasi del 3%. La Banca del Giappone lo ha fatto Tutto tranne arrendersi Sulla promessa di fissare gli oneri finanziari all’1% per dieci anni.

Alcuni, tra cui il segretario al Tesoro americano Janet Yellen, affermano che questi tassi di interesse elevati sono una buona cosa, un riflesso dell’economia globale nella sua fase peggiore. In realtà, sono una fonte di pericolo. Poiché è probabile che i tassi di interesse elevati persistano, le attuali politiche economiche falliranno, così come la crescita che hanno favorito.

Per comprendere le ragioni per cui le buone condizioni attuali non possono continuare, dobbiamo solo considerare uno dei motivi per cui l’economia americana, in particolare, ha registrato risultati migliori del previsto. I suoi clienti hanno speso i soldi raccolti durante la pandemia in beneficenza e restando a casa. Ci si aspettava che questi risparmi in eccesso sarebbero ormai esauriti. Ma dati recenti suggeriscono che alle famiglie restano ancora mille miliardi di dollari, il che spiega perché possono farla franca risparmiando meno del proprio reddito rispetto a qualsiasi altro periodo degli anni 2000.

Quando le riserve di risparmio in eccesso saranno esaurite, i tassi di interesse più elevati inizieranno ad avere un effetto doloroso, costringendo i consumatori a spendere meno liberamente. E mentre abbiamo un briefing Lui spiegaSe i tassi di interesse rimarranno elevati per un periodo più lungo, inizieranno ad apparire problemi in tutta l’economia globale. In Europa e in America i fallimenti aziendali hanno già cominciato ad aumentare. Anche le aziende che mantengono bassi tassi di interesse emettendo debito a lungo termine dovranno col tempo affrontare costi di finanziamento più elevati. I prezzi delle case diminuiranno, almeno in termini inflazionistici, poiché rispondono a tassi ipotecari più elevati. Le banche che detengono titoli a lungo termine – e che erano garantiti da prestiti a breve termine, compresi i prestiti della Fed – saranno costrette a raccogliere capitali o fondersi per colmare i buchi creati nei loro bilanci da tassi di interesse più elevati.

READ  Gli acquirenti cercano fasce di prezzo più alte

La generosità finanziaria si è aggiunta alla corsa allo zucchero dell’economia globale. Anche in un mondo superiore per un periodo più lungo sembra insostenibile. Secondo il Fondo monetario internazionale, Gran Bretagna, Francia, Italia e Giappone si troveranno probabilmente ad affrontare deficit regionali pari al 5% del PIL nel 2023. Nei 12 mesi fino a settembre, il deficit statunitense ha raggiunto l’incredibile cifra di 2mila miliardi di dollari, ovvero il 7,5% del PIL. regolazione. alle distorsioni contabili – circa il doppio di quanto previsto a metà del 2022. In un periodo di bassa disoccupazione, questo tipo di indebitamento è sorprendentemente sconsiderato. Nel complesso, il debito pubblico nel mondo ricco è ora più alto, in termini di percentuale del Pil, che in qualsiasi momento dai tempi delle guerre napoleoniche.

Quando i tassi di interesse erano bassi, anche il debito più elevato era gestibile. Ora che i tassi di interesse sono in aumento, gli interessi passivi stanno prosciugando i budget. Pertanto, un aumento più lungo della politica rischia di contrapporre i governi ai banchieri centrali che mirano all’inflazione. In effetti, la Yellen si è sentita obbligata a dire che i titoli del Tesoro non comportano alcun premio di rischio, e Jerome Powell, il presidente della Fed, ha insistito sul fatto che la sua banca non avrebbe mai tagliato i tassi di interesse e consentito all’inflazione di salire per alleviare la pressione sul bilancio del governo.

Qualunque cosa dica Powell, un’era più lunga e più alta porterebbe gli investitori a mettere in discussione le promesse dei governi di mantenere bassa l’inflazione e di ripagare i propri debiti. Le partecipazioni obbligazionarie della Banca Centrale Europea sono già orientate verso il debito pubblico italiano Supporto implicito– un compito che è diventato molto più difficile in un mondo di tassi elevati. Anche quando lo scorso anno i rendimenti dei titoli di stato giapponesi erano pari al misero 0,8%, l’8% del bilancio giapponese è stato destinato al pagamento degli interessi. Immaginate la quantità di pressione che si verificherebbe se i rendimenti raggiungessero anche i livelli relativamente modesti in Germania. Di conseguenza, alcuni governi continueranno a stringere la cinghia. Ma farlo potrebbe portare sofferenza economica.

READ  Meloni: “L’economia italiana cresce più di altri Paesi europei”

Queste pressioni rendono difficile vedere come l’economia globale possa realizzare molte delle cose che i mercati attualmente si aspettano da lei: evitare la recessione, una bassa inflazione, un debito massiccio e alti tassi di interesse, tutto allo stesso tempo. La lunga era rialzista probabilmente si sta uccidendo, creando la debolezza economica che consente ai banchieri centrali di tagliare i tassi di interesse senza aumentare l’inflazione.

La possibilità più ottimistica è che la crescita della produttività salirà alle stelle, magari grazie all’intelligenza artificiale generativa. Il conseguente aumento del reddito e delle entrate renderebbe possibili tassi di interesse più elevati. In effetti, i dati pubblicati il ​​2 novembre dovrebbero mostrare che la produttività misurata negli Stati Uniti è aumentata durante il terzo trimestre. La capacità dell’intelligenza artificiale di favorire ulteriori incrementi di produttività potrebbe spiegare perché finora gli incrementi di produttività a lungo termine non si sono concretizzati nei mercati azionari. Se non fosse stato per l’aumento delle valutazioni di sette società tecnologiche, tra cui Microsoft e Nvidia, l’indice azionario statunitense Standard & Poor’s 500 sarebbe crollato quest’anno.

Ma in cambio di questa speranza, c’è un mondo tormentato dalle minacce alla crescita della produttività. Donald Trump promette Nuove definizioni oscillanti Se torna alla Casa Bianca. I governi distorcono sempre più i mercati attraverso la politica industriale. La spesa pubblica sta crescendo come quota dell’economia man mano che la popolazione invecchia, inizia la transizione verso l’energia verde e i conflitti in tutto il mondo richiedono maggiori spese per la difesa. Di fronte a tutto ciò, chiunque scommetta sulla sopravvivenza dell’economia globale sta facendo una scommessa enorme.

Orsina Fiorentini
Orsina Fiorentini
"Fan zombi sottilmente affascinante. Fanatico della TV. Creatore devoto. Amico degli animali ovunque. Praticante del caffè."
Must Read
Related News