SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Le squadre di pulizia rispondono alla grande fuoriuscita di petrolio nel Golfo del Messico dopo l’uragano Ida

La Guardia Costiera degli Stati Uniti ha confermato che le squadre di pulizia stanno rispondendo a una grave fuoriuscita di petrolio nel Golfo del Messico a seguito dell’uragano Ida.

Le immagini satellitari della National Oceanic and Atmospheric Administration degli Stati Uniti, riportate per la prima volta dall’Associated Press mercoledì, hanno mostrato una macchia marrone-nera lunga un chilometro che si diffonde nelle acque costiere a circa 3 chilometri da Port Fortune, in Louisiana, un hub di petrolio e gas.

Finora, l’aumento delle infiltrazioni sembra essere rimasto fuori dal mare e non ha colpito la costa della Louisiana.

Non c’è ancora una stima della quantità di petrolio nell’acqua, ma le recenti immagini satellitari esaminate dall’Associated Press sembrano mostrare la chiazza di petrolio che va alla deriva per più di 19 chilometri a est lungo la costa del Golfo.

Un'immagine satellitare di una marea nera in una raffineria allagata in Louisiana
Macchie di olio in una raffineria Philips 66 Alliance allagata in Louisiana. (

AP: NOAA

)

Il portavoce della Guardia Costiera, il tenente John Edwards, ha affermato che le squadre di intervento stanno monitorando i rapporti e le immagini satellitari per determinare l’entità dello scarico.

Ha detto che la fonte dell’inquinamento è a Marchand Bay, Blocco 4, e si ritiene che sia il petrolio greggio proveniente da un oleodotto sottomarino di proprietà della società energetica Talos Energy con sede a Houston.

Talos guida la pulizia ma nega la responsabilità

Talos ha affermato che stava indagando sulla causa della perdita, ma una dichiarazione fornita da un portavoce della società ha affermato che le osservazioni sul campo hanno indicato che le risorse della società non erano la fonte.

Talos in precedenza aveva affittato Bay Marchand, Block 5, ma ha interrotto la produzione nel 2017, tappando i suoi pozzi e rimuovendo tutte le infrastrutture del gasdotto entro il 2019, secondo la società.

Il portavoce della società Brian L. Grove ha dichiarato di aver assunto la Clean Gulf Associates per rispondere alla fuoriuscita, sebbene la società ritenga di non essere responsabile per il petrolio nelle acque.

Una marea nera visibile in questa immagine satellitare di una raffineria allagata in Louisiana
Vista ravvicinata di una marea nera in una raffineria allagata in Louisiana.(

AP: NOAA

)

Talos ha dichiarato di aver inviato due navi di risposta di 29 metri al sito per condurre operazioni di estrazione del petrolio.

La guardia costiera ha detto che la compagnia ha indicato che i sommozzatori scenderanno sul fondo domenica per determinare la fonte della perdita.

La fuoriuscita di Bay Marchand è una delle dozzine di rischi ambientali segnalati dagli stati e dai regolatori federali che hanno risposto a Luciana all’indomani dell’uragano Ida, uno degli uragani più potenti che abbia mai colpito la costa del Golfo degli Stati Uniti.

La tempesta ha colpito la Louisiana domenica scorsa.

La regione è un importante centro di produzione per l’industria petrolchimica statunitense.

AFP/Reuters

READ  Google prevede di tagliare gli stipendi delle persone che lavorano da casa. Potrebbe succedere qui?