SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Il thriller oscuro Last Night in Soho debutta alla Mostra del Cinema di Venezia

Mostra una studentessa di moda moderna trasportata indietro nel tempo alla Soho degli anni ’60, nel centro di Londra, mentre le cose prendono una piega oscura quando scopre la brutale misoginia che ha subito il suo alter ego.

L'attrice Anya Taylor-Joy alla prima di

L’attrice Anya Taylor-Joy alla premiere di Last Night in Soho durante la 78a Mostra del cinema di Venezia in Italia, 4 settembre 2021 (Reuters)

Il regista britannico Edgar Wright ha tratto ispirazione da artisti del calibro di Alfred Hitchcock e del regista horror italiano Dario Argento per ritrarre il lato oscuro di Londra nel suo thriller psicologico “Last Night in Soho”.

Il film, che ha debuttato fuori concorso alla Mostra del Cinema di Venezia sabato, segue le vicende di Eloise (Thomasin McKenzie), una testarda studentessa degli anni ’60 che si dirige a Londra dalla campagna con l’intento di diventare una stilista.

Ma il suo sogno si trasforma rapidamente in un incubo intriso di neon mentre si ritrova nel decennio e vive la vita di Sandy, un’aspirante cantante interpretata dalla star di “The Queen’s Gambit” Anya Taylor-Joy.

Wright, che ha iniziato a lavorare all’idea più di dieci anni fa, ha soprannominato il film “Dark Valentine’s Day a Soho”, l’area centrale di Londra dove si svolge la maggior parte dell’azione.

Per saperne di più: La Mostra del Cinema di Venezia inizia con mascherine, gel e poltrone vuote

Rapporto conflittuale con Londra

Mentre ha chiesto agli spettatori di Venezia di non rivelare molto sulla trama prima dell’uscita del film alla fine del prossimo mese, ha detto ai giornalisti che il suo film cerca di mostrare “il pericolo di romanticizzare il passato”.

“Amo Londra, ma ci sono molte cose che temono anche su questo, quindi hai un rapporto conflittuale con la città … le cose (brutte) che stanno accadendo ora stavano accadendo allora”, ha detto Wright.

Tuttavia, il film rende omaggio allo stile, alla moda e alla musica oscillanti degli anni ’60, poiché il costumista di “An Education” Odell Dix Miro ha contribuito a ricreare l’atmosfera.

Per saperne di più: Il futuro del cinema in primo piano con l’apertura della Mostra del Cinema di Venezia

Effetti visivi realistici

Oltre ai preferiti di Wright di quel periodo, la colonna sonora include una nuova traccia su “Downtown” di Petola Clark, che Taylor Joy ha cantato nella scena dell’audizione.

Il film presenta anche elaborate coreografie per l’azione speculare onirica tra i due personaggi principali, rendendo difficile per gli spettatori dire la verità dalle allucinazioni.

“Avendo qualcosa che richiedeva tale sincronizzazione non solo tra noi e la telecamera, dovevamo davvero concentrarci sull’altro individuo”, ha detto Taylor Joy.

Ha detto che la maggior parte delle scene allo specchio sono state catturate direttamente sul set piuttosto che essere riprodotte con effetti visivi in ​​post-produzione.

Per saperne di più: “Dune” tra le prime di alto profilo alla Mostra del Cinema di Venezia

Fonte: Reuters

READ  Primo sguardo a Sam Neill in The Portable Door di Stan