SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Le regole e l’isolamento del COVID-19 potrebbero portare il settore delle consegne online a un punto morto

Poiché i casi di COVID-19 continuano a salire a nuovi livelli, si teme che i principali rivenditori in Australia non avranno la possibilità di consegnare ordini online o generi alimentari a casa tua.

Dalle 9:00 di domenica a martedì, Australian Post non ritirerà i pacchi regolari dai rivenditori di e-commerce nel NSW, nel Victoria e nell’ACT.

La sospensione temporanea arriva dopo che le autorità sanitarie locali hanno disposto l’isolamento di 500 dipendenti delle poste.

Harriet McCready gestisce la Blue Mountains Brewery nel New South Wales.

Un uomo e una donna in piedi davanti a fusti di birra in metallo.
Harriet McCready (a destra) è preoccupata per le restrizioni COVID che interessano la sua attività. (

fornito

)

La gente del posto e i turisti spesso passano e ritirano la loro ultima offerta, ma le restrizioni COVID-19 l’hanno portata a un’attività di consegna puramente online.

“Possediamo un birrificio, quindi produciamo birra e normalmente se non fosse per il COVID la venderemmo dal nostro pub a Katoomba, ma ora possiamo tutto e spedirla a persone in tutta l’Australia”, ha detto alla ABC.

Fa affidamento su Australia Post per distribuire la sua birra ai clienti assetati, ma questa non è un’opzione questo fine settimana e sta già danneggiando le vendite.

“Questo fine settimana sarà molto difficile per noi”, ha detto McCready.

“Abbiamo assistito a un enorme aumento del numero di pacchi e delle uscite di birra il giovedì, il che significa che di solito si esauriscono durante il fine settimana.

“Quindi non sono abbastanza sicuro di come gestiremo questo fine settimana.

“Ho già visto i nostri ordini iniziare a diminuire nelle ultime due settimane e questa settimana è stata probabilmente la peggiore settimana online che abbiamo avuto negli ultimi due mesi.

“Quindi penso [customers] Stanno pensando: “Ci occuperemo di tutto questo e riproveremo la prossima settimana”.

McCready afferma che i ritardi nelle consegne stanno già raggiungendo il fondo.

Il loro prodotto ha anche una durata di conservazione relativamente breve, quindi ritardi prolungati possono avere un effetto a catena.

“È particolarmente impegnativo per un’azienda come la nostra in cui abbiamo una durata di conservazione dei nostri prodotti.

“Quindi, potenzialmente, stiamo cercando di perdere anche questo titolo”.

L’Australia Post ha affermato che agosto è stato il mese più impegnativo di sempre.

La domanda online totale secondo il Census Bureau non è mai stata così alta: ha rappresentato un record del 12% delle vendite totali al dettaglio a luglio, ovvero 3,7 miliardi di dollari.

Grafico che mostra gli acquisti online in Australia.
Dati totali e destagionalizzati per le domande online australiane da gennaio 2015 a luglio 2021.(

Ufficio australiano di statistica

)

L’amministratore delegato dell’associazione dei rivenditori, Paul Zahra, ha affermato che la massiccia domanda online insieme agli shock per le catene di approvvigionamento poiché più lavoratori devono autoisolarsi, stanno creando una tempesta perfetta per le consegne online.

Ha detto: “La domanda complessiva per lo shopping è grande – ovviamente – a causa delle chiusure nelle due città più grandi, New South Wales e Victoria”.

Inoltre, le posizioni dei centri di distribuzione hanno una certa influenza.

“Ma sai, si tratta del fatto che vogliamo assicurarci di dare il prodotto alle persone in modo sicuro”.

Ma la prossima settimana presenterà un’altra sfida.

Da lunedì, nessun lavoratore certificato LGA nella Greater Sydney che non ha ricevuto almeno una dose di vaccino e che non ha un’esenzione medica non potrà lavorare al di fuori dell’LGA in cui vive.

SDA è il sindacato che rappresenta i lavoratori della vendita al dettaglio, dei fast food e dei magazzinieri.

In tutto il paese, in un dato giorno, il ministro degli Esteri del NSW Bernie Smith ha affermato che circa 5.000 fattorini e magazzinieri sono in autoisolamento.

Ha avvertito che fino a un terzo di “parte della forza lavoro” potrebbe essere interrotto entro la scadenza di lunedì.

“alcune persone [have] Ha ricevuto il vaccino solo per un tempo molto breve, quindi non per mancanza di tentativi”.

“So che ci sono molti appuntamenti disponibili, ma alcune persone sì [trouble accessing] sistemi di prenotazione.

Stiamo affrontando una crisi di consegna di pacchi e generi alimentari?

Il grande supermercato Woolworths ha affermato di tenere in isolamento centinaia di membri del team dopo un piccolo numero di esposizioni a COVID-19 nei centri di distribuzione nella parte occidentale di Sydney.

“L’epidemia della malattia del Delta ha esercitato un’ulteriore pressione sulle catene di approvvigionamento di generi alimentari del NSW nelle ultime settimane”, ha affermato un portavoce di Woolworths.

“Stiamo lavorando duramente per soddisfare l’aumento della domanda di consegne a domicilio nelle comunità colpite dai blocchi e continueremo a dare la priorità ai membri delle comunità vulnerabili attraverso il nostro servizio di assistenza prioritaria”.

Matt Swindells, direttore operativo di Coles, ha affermato che la risoluzione dei problemi sollevati dal COVID-19 richiede tutta la competenza e l’esperienza del gruppo.

Ha avvertito che, nel peggiore dei casi, le consegne di generi alimentari potrebbero richiedere fino a cinque giorni per arrivare, ma la società dà la priorità alla consegna degli articoli essenziali.

“Sì, certo, diamo sempre la priorità alla merce che le persone desiderano di più e i pannolini saranno una di quelle linee”, ha detto Swindells.

“Ho tre figli e il più piccolo ha solo tre mesi, lo so benissimo.

“So come possono essere le notti insonni e so che non vuoi rimanere senza pannolini in nessun momento in un periodo di 24 ore.

“Quindi stiamo dando la priorità a questo stock.”

La Retailers Association ha riconosciuto che l’intero settore è sottoposto a un’enorme pressione e coloro che hanno bisogno di consegnare pacchi e generi alimentari online dovrebbero avere un piano B.

“Ci sarà sempre un rischio”, ha detto Zahra.

“Quello che stiamo chiedendo alle persone è assicurarsi che dipendano dai loro vicini ecc. per aiutarli in questo se hanno bisogno di visitare per loro conto.

“Quello che so è che la maggior parte della comunità [in LGA hotspots] Si sono riuniti per assicurarsi che nessuno fosse lasciato indietro”.

E l’asporto il venerdì o il sabato sera?

Uber è uno dei più grandi operatori di consegne a domicilio.

Dice che non ci sono state interruzioni del suo servizio, ma non ha risposto alle domande su possibili interruzioni della consegna in futuro.

Spazio per riprodurre o mettere in pausa, M per disattivare l’audio, frecce sinistra e destra per la ricerca, frecce su e giù per il volume.

Riproduci video.  Durata: 4 minuti 46 secondi

I vaccini cinesi sono efficaci?

Scarica il modulo…

READ  Più immigrati, per favore - Politico