HomeWorldLe forze russe fanno irruzione in un centro di detenzione e liberano...

Le forze russe fanno irruzione in un centro di detenzione e liberano le guardie in ostaggio Novità dal carcere

Diversi aggressori, presumibilmente legati all’Isis, sono stati uccisi durante il salvataggio di due guardie nel centro di detenzione di Rostov sul Don.

Le forze speciali russe hanno rilasciato due guardie carcerarie e ucciso diversi uomini che tenevano in ostaggio in un centro di custodia cautelare nella città meridionale di Rostov sul Don.

L’amministrazione penitenziaria ha affermato che sei detenuti hanno preso in ostaggio le due guardie domenica prima di lanciare un’operazione per rilasciarle, hanno riferito i media russi.

Inizialmente, il servizio penitenziario ha affermato di aver avviato trattative per il rilascio delle guardie. Ma poco tempo dopo, ha rilasciato una dichiarazione in cui affermava che l’assedio era finito.

Il Servizio penitenziario federale russo ha dichiarato in un comunicato: “I criminali sono stati eliminati”, aggiungendo che è stata effettuata una “operazione speciale” per liberare gli ostaggi rimasti illesi.

I media russi, citando fonti della polizia, hanno riferito che i sequestratori avevano legami con l’Isis.

RT ha riferito che tre dei sequestratori erano già stati condannati con l’accusa di “terrorismo”, tra cui diffusione di informazioni estremiste e pianificazione di bombardare un tribunale russo.

I giornalisti presenti sul posto hanno riferito di aver sentito degli spari, mentre diverse ambulanze sono state viste arrivare alla prigione in videoclip sui social media.

Le foto pubblicate sui social media mostrano almeno due sequestratori che indossano fasce che ricordano la bandiera dell’Isis. Altre foto mostravano prigionieri che portavano coltelli.

La polizia russa e i soldati di Rosgardia si riuniscono vicino a un centro di detenzione a Rostov sul Don [AP Photo]

I media locali hanno riferito che gli aggressori hanno rotto le sbarre di una finestra nella loro cella e sono entrati nella sala delle guardie, dove hanno preso in ostaggio almeno due agenti della prigione.

READ  Peter Frankopan, autore di Silk Roads, spiega perché i paesi asiatici sentono che è giunto il loro momento e perché l’Occidente deve adattarsi

In precedenza, l’agenzia di stampa russa TASS, citando fonti anonime delle forze dell’ordine, aveva affermato che sei sequestratori si trovavano nel cortile centrale del centro di detenzione n. 1 nella regione di Rostov sul Don, armati di coltello, manganello di gomma e un’ascia da fuoco.

“Il personale tenuto in ostaggio è stato rilasciato in seguito ha dichiarato di essere illeso.

L’agenzia di stampa Interfax ha riferito che i rapitori hanno chiesto che fosse loro fornita un’auto e fosse permesso di lasciare la prigione in cambio del rilascio degli ostaggi.

Non è stato immediatamente chiaro quanti dei sei sequestratori siano stati uccisi.

L’incidente avviene circa tre mesi dopo che uomini armati hanno ucciso almeno 144 persone aprendo il fuoco in una sala da concerto vicino a Mosca nell’attacco più mortale sul suolo russo dal massacro di Beslan dieci anni fa.

Centinaia di altri sono rimasti feriti.

Da allora sono state arrestate più di 20 persone, compresi i quattro presunti aggressori, tutti provenienti dall’ex repubblica sovietica del Tagikistan. L’Isis ha rivendicato l’attacco.

Italo D'Amore
Italo D'Amore
"Pioniere televisivo a misura di hipster. Risolutore di problemi. Introverso umile e irritante. Lettore. Studente. Esperto di pancetta sottilmente affascinante."
Must Read
Related News