HomeWorldLe elezioni del Parlamento europeo vedono vacillare la presa del centro, ma...

Le elezioni del Parlamento europeo vedono vacillare la presa del centro, ma l’estrema destra ha ora l’opportunità di mostrare la propria forza

Dopo la maratona democratica di quattro giorni alla quale hanno partecipato 27 paesi in rappresentanza delle elezioni del Parlamento europeo, è emersa l’immagine di un centro fragile che resiste in mezzo a uno spostamento a destra che ha un grande potenziale per plasmare l’immediato futuro dell’Unione europea, nonostante la sua esistenza. Non è riuscito a produrre un terremoto Aspettatene qualcuno.

Lo shock più grande si è verificato in Francia, dove la sconfitta subita dal presidente Emmanuel Macron per mano del partito Rassemblement National lo ha costretto ad andarsene. Richiesta di elezioni parlamentari nazionali anticipate. Macron ha affermato che la Francia non ha solo bisogno di una “maggioranza chiara”, ma anche di cittadini in grado di “scegliere di scrivere la storia, e non di lasciarsi guidare da essa”.

Tacche francesi

Dopo un po’ di sollievo tra i centristi Olandese E Tedesco Rendimenti attesi, i dati francesi hanno dato un rapido sussulto, con il Fronte Nazionale (Guidato da Jordan Bardella, allievo di Marine Le Pen) ha prodotto un massimo storico a livello nazionale, decimando la coalizione Renew Europe di Macron guidata da Valéry Heyer in “il secondo risultato elettorale europeo più basso di sempre per un partito in un governo francese”.

Ma il quadro in tutta l’UE è più sfumato. Nonostante le aspettative secondo cui il Parlamento europeo attirerà più membri che mai tra populisti e estrema destra, il Partito popolare europeo, che rappresenta le opinioni conservatrici dominanti in Europa, ha aumentato la sua dimensione complessiva in queste elezioni, avendo mantenuto la via di mezzo, nel suo ruolo di “principale partito del Parlamento”. “Potere storicamente dominante”, è sulla buona strada per conquistare quasi il 25% del Parlamento stesso con 184 deputati.

Anche il gruppo di centrosinistra dei Socialisti e Democratici ha mantenuto il suo precedente punto d’appoggio. Avendo riconsolidato la sua base di potere, il PPE manterrà chiare responsabilità riguardo alla politica dell’UE, comprese le politiche industriali, agricole e climatiche che sono ora molto controverse tra i cittadini dell’UE. Per fare questo, il PPE Ora deve determinare la sua leadership preferita Nella prossima fase delle elezioni per le istituzioni dell’Unione Europea, compresa la Commissione Europea.

READ  Accusa di polizia di Peter Murrell "molto difficile" - Nicola Sturgeon

Ancora una buona notte per l’estrema destra

Mentre il Partito Popolare Europeo e i Socialisti e Democratici hanno mantenuto il centro, i partiti di estrema destra hanno ottenuto ottimi risultati. Rappresentano una vasta gamma di opinioni, ed era già impossibile per loro unirsi in un unico gruppo elettorale, a causa di divisioni insolubili su tutto, dalla Russia alla difesa europea.

In Francia, il Partito Nazionale Le Pen/Bardella è emerso con una strabiliante maggioranza di un terzo, mentre in Italia un quarto degli elettori ha sostenuto il partito Fratellanza d’Italia del Primo Ministro Giorgia Meloni. Totale in aumento Restanti voci di estrema destra in tutta l’UE Ciò dimostra che i due principali gruppi parlamentari dell’estrema destra (ECR) e dell’estrema destra (ID) controlleranno complessivamente 131 seggi. Oltre a questi, ci sono 34 indipendenti di estrema destra del partito tedesco Alternative für Deutschland (AfD), del partito ungherese Fidesz di Viktor Orbán, nonché di Polonia e Bulgaria.

Potrebbero esserci abbastanza punti in comune tra alcuni di questi per riunire blocchi nazionalisti e anti-immigrazione nel Parlamento europeo, rendendoli i maggiori vincitori nel 2024 e perfettamente in grado di spostare a destra le politiche strategiche dell’UE, tra cui migrazione, commercio, agricoltura. e politica estera. Cambiamento climatico.

Le cifre mostrano che un gruppo di estrema destra sarebbe il secondo partito più grande al Parlamento europeo dopo il Partito popolare europeo. Costruire coalizioni è difficile, soprattutto tra i gruppi di estrema destra, ma i numeri contano certamente; “Tuttavia, le sue dimensioni imporranno una pressione di destra sulla politica dell’UELo riferisce il sito specializzato Politico Europe.

Anche se non sarà formalmente unito, il raggruppamento di voci di estrema destra interesserà il Partito popolare europeo e i gruppi dei Socialisti e Democratici. A questo punto, i successi dell’estrema destra hanno tre importanti conseguenze. Primo: confermano la prevista tendenza a destra dello stesso Parlamento; In secondo luogo, potrebbe servire a radicare le preferenze dell’estrema destra in una significativa minoranza di Stati membri dell’UE; In terzo luogo, all’interno del Parlamento – e in tutta l’UE – stanno inviando un segnale ai partner internazionali, compresi gli Stati Uniti, che l’UE potrebbe improvvisamente cambiare la sua posizione in termini di politica e partner preferiti.

READ  Club Med, di proprietà di Fosun, afferma che gli abitanti di Hong Kong si stanno rivolgendo alle piste da sci e alle destinazioni di prima qualità mentre le prenotazioni di viaggi sono in ripresa
Il partito Fratellanza d’Italia, guidato da Giorgia Meloni, ha ottenuto più di un quarto dei voti in Italia.
Giuseppe Lami/EPA

Il verde significa andare(ne)?

Nei Paesi Bassi, nonostante le grandi aspettative che il Partito della Libertà, di estrema destra guidato da Geert Wilders, vincesse le elezioni parlamentari, la coalizione Partito Laburista/Verdi è riuscita a ottenere la vittoria alle elezioni parlamentari. Superalilasciandolo con 8 seggi, e il partito PVV con 6.

Leader della coalizione Laburisti/Verdi ed ex commissario europeo Frans TimmermansIl risultato è una sorta di vittoria di Pirro. Mentre i Paesi Bassi continuano a scivolare verso destra, questa decelerazione potrebbe rallentare. “Il risultato dà al suo gruppo ciò di cui ha disperatamente bisogno”, ha detto Timmermans.La forza di continuare la lotta per un’Europa sociale e verde“A livello di Unione Europea.

Le vittorie verdi erano difficili da trovare altrove. I risultati tedeschi, ad esempio, li collocano al quarto posto, in calo dell’8,5% rispetto al 2019. In Francia, i Verdi hanno ricevuto quasi il 5%, la soglia elettorale minima per gli eurodeputati. In assenza del sostegno dei Verdi francesi e tedeschi, e nonostante i leggeri aumenti nei Paesi Bassi e in Danimarca, i Verdi europei scenderanno ora dal quarto al sesto posto in Parlamento, lasciandoli molto più in basso che mai come leader politico, nonostante Grave crisi climatica Di fronte all’Europa.

Parlamento Europeo = Unione Europea?

Per molti, i risultati delle elezioni parlamentari sono un simbolo della direzione in cui sta andando l’Unione Europea nel suo insieme: servono come misura della direzione in cui sta andando la politica nazionale in alcune delle capitali più importanti d’Europa. Nel 2019, il Parlamento europeo è stato ripristinatoOnda verde” di eurodeputati che hanno catalizzato un gran numero di successive azioni verdi sul cambiamento climatico e accordi verdi volti a una ristrutturazione dall’alto verso il basso dell’UE in termini rispettosi del clima. Nonostante le differenze ideologiche tra i gruppi conservatori e populisti da un lato e l’estrema destra e la linea dura dall’altro, la massa critica di gruppi apertamente euroscettici rappresenta un desiderio enfatico di rimodellare parti chiave della legislatura dell’UE, e forse di staccare lo stesso progetto dell’UE dalle sue fondamenta del dopoguerra.

READ  Tartaruga a due teste trovata su una spiaggia della Carolina del Sud

Per altri, il Parlamento non è un microcosmo dell’Unione europea. Non solo la serie di partiti di destra faticherebbe a produrre un supergruppo con una certa coerenza all’interno delle complessità della specificità dei partiti nel Parlamento europeo, ma l’UE è un’entità basata sulla leadership, con le sue politiche chiave dirette dai leader senior che guidare la Commissione europea. Il Consiglio europeo, il funzionario della politica estera e, in misura molto minore, il Parlamento stesso. Sottolineeranno che la composizione del Parlamento non ha nulla a che fare con la direzione strategica che l’UE prenderà dopo le elezioni, ma indica invece preferenze più salienti a livello nazionale, piuttosto che a livello continentale.

Von der Leyen si trova su una piattaforma davanti a un cartello con la scritta
Ursula von der Leyen è sulla strada stretta verso un secondo mandato.
Olivier Houslet/EPA

Settimane di colloqui di coalizione

Dopo settimane di costruzione della coalizione sulle carte dei principali partiti e dei singoli deputati, ci sono ancora almeno cinque questioni importanti nelle mani del Parlamento, e in effetti dell’UE nel suo insieme, a cominciare da Pacchetto elezioni esecutive per le istituzioni dell’Unione europea. Più importante è il processo in due fasi attraverso il quale Ursula von der Leyen avrà bisogno innanzitutto del sostegno del Consiglio dell’UE (capi di Stato) per un secondo mandato come presidente della Commissione, e se ora otterrà i necessari 361 voti su 720 voti. – Seggi in Parlamento (ha ottenuto solo nove seggi nel 2019).

Poi, con le nuove squadre in campo, la lista delle cose da fare includerà la guerra in Ucraina e la sicurezza europea, il conflitto tra Israele e Hamas, e le persistenti pressioni sul costo della vita, che attualmente include una combinazione mortale di “prezzi al consumo elevati” , alti prezzi al consumo e alti costi della vita”. perdita di potere d’acquisto, crescente disuguaglianza sociale e crescita economica stagnante”, nonché questioni relative all’immigrazione e all’asilo e un riallineamento degli impegni sul cambiamento climatico. In contrasto con i risultati elettorali nel Regno Unito e negli Stati Uniti alla fine di quest’anno, il La casella di posta dell’Unione europea Il Parlamento europeo, in quanto garante del bilancio e delle politiche chiave dell’UE, rimane in balia del fenomeno delle “crisi multiple”: una combinazione di politiche volatili ed emergenze prolungate senza una reale soluzione.

Italo D'Amore
Italo D'Amore
"Pioniere televisivo a misura di hipster. Risolutore di problemi. Introverso umile e irritante. Lettore. Studente. Esperto di pancetta sottilmente affascinante."
Must Read
Related News