SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Quello che sappiamo sulle onde interne che potrebbero aver affondato un sottomarino in Indonesia

La scorsa settimana, un sottomarino indonesiano ha volato attraverso lo stretto di Lombok tra Bali e le isole di Lombok per i test di routine.

Ma nelle prime ore del 21 aprile, il sottomarino KRI Nanggala 402 di 44 anni Abbandona il contatto Ed è atterrato a 838 metri sul fondo dell’oceano, Preso 53 membri dell’equipaggio con lei.

Funzionari militari indonesiani hanno trovato il naufrago e si sono frantumati in tre parti sul fondo del mare di Bali.

Mentre alcuni hanno ipotizzato che il sottomarino sia stato colpito da un missile straniero o dal blackout, Le autorità indonesiane ora sospettano che il sottomarino sia stato trascinato sott’acqua da una forte corrente sottomarina chiamata Inner Solitary Wave..

Aspetta … solitario dentro cosa?

L’oceano è in costante movimento con l’aumento e la caduta delle maree, delle correnti e delle onde.

Le onde non si verificano solo in superficie, ma sono anche generate in acque più profonde.

Questo perché la densità dell’oceano cambia dalla superficie al fondo del mare: più l’acqua è fredda, più diventa densa.

Questo cambiamento di densità non sta avvenendo senza intoppi, afferma Stuart Cornie, oceanografo presso l’Istituto di studi marini e antartici dell’Università della Tasmania.

“Questo sta accadendo in fasi”, ha detto il dottor Corney.

“Vicino alla superficie dell’oceano, potresti avere la stessa densità, salinità e temperatura, e poi arrivi a un punto in cui c’è un graduale cambiamento di densità”.

Questo crea uno strato limite tra i corpi d’acqua leggeri e pesanti.

Grafico a onde interno
Questa immagine mostra le onde interne che si muovono a nord-est verso l’isola di Palawan nel Mare di Sulu, tra le Filippine e la Malesia.(

Fornito: NASA / GSFC / Jacques Descloitres / MODIS Land Rapid Response Team

)

Quando le maree attraversano i fondali rocciosi dell’oceano e altri ostacoli, possono disturbare l’interfaccia tra questi strati d’acqua.

Questi disturbi provocano la formazione di onde enormi sott’acqua.

Con che frequenza si verificano queste onde?

Le onde sottomarine sono molto comuni, ma si verificano più frequentemente in alcune parti del mondo rispetto ad altre.

Nello stretto di Lombok, noto per i disordiniE il Queste forti onde si verificano circa ogni due settimane.

Le forti correnti di marea, l’aspro fondale oceanico e le acque zampillanti dal Pacifico all’Oceano Indiano sono una ricetta per generare onde solitarie nell’entroterra.

Inoltre, non aiuta il fatto che le forti maree spingano attraverso lo stretto passaggio dello stretto di Lombok, che è largo solo 40 chilometri nel suo punto più largo.

“Quest’acqua deve passare dalla superficie al fondo.”

Questo può creare molta instabilità tra la superficie e il fondo dell’acqua, simile alla turbolenza su un aereo.

“Questo potrebbe muovere i sottomarini su e giù nell’acqua”, ha detto il dottor Sloyan.

Può influenzare le navi?

Le navi possono sembrare scivolare in sicurezza sulla superficie dell’oceano, ma hanno svolto un ruolo importante nella nostra comprensione delle onde solitarie nell’entroterra.

L'immagine in primo piano mostra le onde nell'entroterra al largo dell'Isola del Sud, in Nuova Zelanda.
Le onde interne sono mostrate in un diagramma a nord-est dell’Isola del Sud della Nuova Zelanda nel 2017.(

Fornito: NASA

)

Si scopre che queste onde sottomarine sono la forza trainante dietro l’acqua morta, un fenomeno scoperto due secoli fa dall’oceanografo norvegese Fredjof Nansen.

Questo rallenta le navi in ​​acque calme e in buone condizioni meteorologiche, simile a guadare una sostanza appiccicosa.

L’acqua morta si verifica quando l’acqua relativamente fresca si trova sopra l’acqua più densa e salata, causando la formazione di onde solitarie nell’entroterra sotto la superficie.

Come pianifichiamo queste onde?

Immagine satellitare che mostra le onde interne del Mare delle Andamane.
Le onde interne, come quelle rappresentate nel Mare delle Andamane al largo della costa del Myanmar, possono essere alte centinaia di metri e lunghe da decine a centinaia di chilometri.(

Fornito: NASA Ground Observatory

)

Mentre prevedere onde regolari interne è abbastanza facile, sapere quando potrebbero verificarsi specie più grandi e più distruttive, in particolare in aree intermittenti come lo stretto di Lombok, è difficile, ha detto il dottor Corney.

“È come le previsioni del tempo. Abbiamo un’idea che potrebbe piovere domani, ma non abbiamo la capacità di prevedere l’ora esatta”, ha detto.

“Non passiamo molto tempo nell’oceano, quindi la nostra comprensione è molto limitata.

“C’è ancora molto lavoro da fare”.

READ  I brasiliani fluttuano per le strade allagate mentre i fiumi si gonfiano nell'Amazzonia