Le analisi 3D delle immagini ecografiche possono prevedere con precisione il peso di un feto durante la gravidanza

Un possibile indicatore di complicazioni durante la gravidanza e il parto è il peso alla nascita del feto. Ad esempio, la macrosomia (definita come un peso alla nascita superiore a 4.000 grammi) rende difficile il passaggio della spalla del bambino attraverso la vagina della madre e questo effetto può aumentare il rischio e la probabilità di lacrimazione vaginale e sanguinamento postpartum per la madre. La necessità di sottoporsi a un taglio cesareo. Aumenta anche la probabilità che il bambino sviluppi problemi respiratori subito dopo la nascita.

A causa dei gravi problemi che la macrosomia può causare, gli ostetrici sono molto interessati alle tecniche che consentano loro di prevedere il peso del bambino alla nascita prima che la madre entri in travaglio. Pertanto, non dovrebbe sorprendere che dozzine di gruppi di ricerca abbiano proposto i propri metodi per prevedere il peso fetale dagli anni ’80. Molti di questi approcci preesistenti si basano su analisi bidimensionali delle immagini ecografiche del feto in via di sviluppo, ma la valutazione accurata del peso fetale mediante ultrasuoni rimane difficile a causa di fattori fetali e materni.

Come osserva il professor Cheng Qing Wu dell’Università di Medicina di Pechino, “L’accuratezza delle previsioni sul peso fetale è di grande importanza per il lavoro clinico.Così un team di ricerca della Capital Medical University guidato dal professor Wu ha deciso di sviluppare un modello per prevedere il peso fetale basato su analisi 3D delle misurazioni ecografiche delle dimensioni degli arti fetali e della circonferenza addominale, in uno studio pubblicato su Giornale medico cinese.

Per il loro studio, i ricercatori hanno analizzato le immagini ecografiche dei feti di 202 donne cinesi incinte che hanno avuto una gravidanza di 28 anni.NS a 42seconda abbreviazione settimana di gravidanza. Tutte le ecografie sono state eseguite nell’ospedale di ostetricia e ginecologia di Pechino tra settembre 2017 e dicembre 2018 e le donne hanno partorito entro 7 giorni dall’ecografia. Uno specialista in ecografia con oltre un decennio di esperienza ha esaminato le scansioni ecografiche 3D per determinare la dimensione del braccio, la dimensione della coscia e la circonferenza addominale. I ricercatori hanno quindi creato un modello computazionale con valori per le dimensioni del braccio, le dimensioni della coscia, la circonferenza addominale e il peso effettivo alla nascita di 134 gravidanze e hanno utilizzato questi dati per sviluppare un algoritmo per prevedere il peso alla nascita. I ricercatori hanno quindi testato l’algoritmo risultante per verificare se potesse prevedere con precisione il peso effettivo alla nascita delle 68 gravidanze. Successivamente, la capacità dell’algoritmo di prevedere il peso alla nascita è stata confrontata con quella delle formule tradizionali, come Hadlock e Lee 2009 e INTERGROWTH-21.strada formule.

READ  Da zero a zero - Come la Cina ha imparato dalla sua risposta al virus Corona per eliminare rapidamente il recente focolaio

Le analisi dei dati hanno mostrato che le dimensioni del braccio, della coscia e della circonferenza addominale dei bambini erano tutte correlate positivamente con il peso effettivo alla nascita. Ciò significa che i bambini che hanno un braccio, una dimensione della coscia e una circonferenza addominale più grandi durante lo sviluppo fetale tardivo pesano di più alla nascita. Inoltre, l’algoritmo basato sui valori della circonferenza addominale e sui rapporti del volume braccio-coscia ha avuto una buona prestazione nella previsione del peso alla nascita. Le prestazioni dell’algoritmo di nuova concezione si confrontano favorevolmente con quelle delle formule tradizionali e il nuovo algoritmo supera le prestazioni di Lee2009 e INTERGROWTH-21.strada Formule nella previsione del gigantismo. Complessivamente, si sono verificati 27 casi di gigantismo e l’algoritmo di nuova concezione ha predetto correttamente l’87,5% di quei casi mentre prevedeva correttamente l’assenza di gigantismo nel 91,7% dei casi negativi.

In conclusione, questi risultati forniscono una chiara evidenza che le analisi 3D delle dimensioni degli arti fetali nelle immagini ecografiche possono fornire una base per una previsione accurata del peso fetale e dei rischi di megasporosi. Il professor Wu prevede che l’uso di tali analisi 3D porterà a “Le dimensioni degli arti fetali diventano un parametro per prevedere il peso fetale“Nella pratica clinica e nella futura ricerca medica. Sebbene i ricercatori abbiano testato l’algoritmo appena sviluppato contro i feti nelle fasi successive dello sviluppo prenatale, il professor Wu si aspetta che con ulteriori miglioramenti, l’algoritmo possa essere utilizzato”.Per valutare la crescita fetale in tutte le fasi dello sviluppo prenatale. “

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto