SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Un anno dopo è apparso

Il virus muta sempre. È lo stesso con il virus COVID-19. Oggi vediamo un certo numero di varianti di SARS-CoV-2 emergere da due ospiti immunocompromessi. Secondo i ricercatori della Society for Microbiology, le varianti preoccupanti, inclusa la B.1.1.7, una variante identificata per la prima volta nel Kent, erano il risultato di un’infezione a lungo termine in persone con un sistema immunitario indebolito. Sostengono che l’infezione persistente nelle persone immunocompromesse può causare la ripetuta mutazione del virus. Ciò accade perché il sistema immunitario di queste persone non può sbarazzarsi del virus così rapidamente come può fare il sistema immunitario di una persona sana. In uno scenario del genere, il monitoraggio dei cambiamenti genetici nel virus COVID-19 è l’unico modo che aiuterà gli scienziati a controllare il virus in futuro. Leggi anche – 2.320 persone probabilmente moriranno ogni giorno a causa di COVID-19 in India entro giugno: rapporto di The Lancet

Somiglianze e differenze tra le varianti

Lo dicono sempre di più i ricercatori che hanno condotto questo studio Varianti COVID-19 Presentandosi, ottengono un quadro migliore delle loro somiglianze e differenze comuni. Questo li aiuta a prevedere l’aspetto che avranno le altre nuove variabili in modo più informato. Raccogliere tutte queste informazioni insieme li aiuterà anche con il design Vaccini di richiamo Può fornire protezione contro il maggior numero possibile di variabili o progettare diagnosi mirate. Leggi anche – Non dimenticare di indossare la tua maschera! Il coronavirus si diffonde principalmente nell’aria

L’effetto dei vaccini sulle varianti

La revisione dei ricercatori discute dove si verificano le mutazioni, quale parte del virus influenzano e come le variabili risultanti potrebbero influenzare gli sforzi di vaccinazione. Secondo gli autori di questa recensione, sono previste mutazioni poiché il virus si adatta all’uomo. Finora, altri coronavirus stagionali non sono stati sequenziati. Ma SARS-CoV-2 sta appena iniziando il suo viaggio con gli umani. Variabili con mutazioni uguali o simili sono apparse indipendentemente in paesi diversi. Questo virus trova ancora la sua strada negli esseri umani in quanto è un’infezione ottimale transizione Ti senti ansioso. I ricercatori sperano che massicci sforzi di sequenziamento identificheranno mutazioni simultanee. Leggi anche – Fai attenzione ai giovani sopravvissuti al COVID-19: fatti vaccinare perché non sei di nuovo al sicuro dall’infezione

READ  ACT registra 14 casi locali di COVID-19, allentando le restrizioni alla chiusura delle strade

È possibile che emergano varianti più diffuse del virus

Mutazioni di particolare importanza includono quelle trovate nella proteina spike. Questa proteina consente al virus di entrare nelle cellule ospiti ed è l’obiettivo principale per sistema immunitario, Compresa l’immunità derivante da tutti gli attuali vaccini SARS-CoV-2. Le mutazioni nel gene che codifica per il picco possono modificare la forma della proteina, consentendo al sistema immunitario di non riconoscerla. Poiché questa proteina è così importante per l’ingresso del virus, è probabile che mutazioni favorevoli abbiano successo e creino nuove varianti dominanti del virus.

I cambiamenti che danno al virus un vantaggio possono diventare rapidamente dominanti. Ad esempio, una mutazione, chiamata D614G, è stata trovata nell’80% dei virus COVID-19 sequenziati solo quattro mesi dopo essere stati rilevati per la prima volta. Ora, i virus che non contengono la mutazione D614G sono comunemente visti solo in alcune parti dell’Africa. Un’altra mutazione, N501Y, si trova nella variante B.1.1.7. Si ritiene che questa mutazione sia causata dall’infezione di un individuo immunocompromesso e possa contribuire a far diventare il virus più contagioso e mortale. Il B.1.1.7 Variante del Regno Unito È diventata la variabile predominante entro tre mesi e ora è responsabile di oltre il 90% delle infezioni.

Grandi picchi di proteine ​​spinali

I ricercatori hanno esaminato una serie di mutazioni della proteina spinale. Li stiamo elencando qui.

D614G

All’inizio di febbraio 2020, è stata rilevata una mutazione nella proteina appuntita di SARS-CoV-2 chiamata D614G. Questa mutazione rende COVID-19 più contagioso ma non più dannoso. Ciò ha portato a un importante vantaggio di fitness virale e, entro quattro mesi, all’80% Covid-19 I virus sequenziati in tutto il mondo hanno portato la mutazione. Al momento, solo alcune parti dell’Africa hanno virus che circolano senza questa particolare mutazione. Inizialmente si temeva che questa variante fosse immune ai vaccini. Ma ora, gli esperti dicono che il D614G non ha alcun effetto sull’efficacia del vaccino. Infatti, in alcuni casi, i virus con questa mutazione vengono eliminati più facilmente dagli anticorpi contro COVID-19.

READ  Aggiornamento in diretta sulle notizie di Covid in Australia: il NSW riporta 344 casi, 2 decessi; L'assicurazione Dubbo Victoria estende il blocco di Melbourne | Notizie dall'Australia

Y435F

A metà degli anni ’20, molte segnalazioni di infestazione di visoni da parte dell’uomo hanno iniziato a fare il giro. Nel visone, la proteina spike del virus ha sviluppato tipicamente due mutazioni chiamate Y435F e N501T. Queste mutazioni consentono un più forte attaccamento del virus alle cellule del recettore umano. Queste varianti COVID-19 sono state trovate in Danimarca e si ritiene che abbiano avuto origine dal visone. Questa variante è apparsa sotto i riflettori perché era in grado di infettare persone che erano state precedentemente infettate e si pensava avessero acquisito anticorpi contro il virus. Questa mutazione si sviluppa in una persona immunocompromessa, forse a causa di un’infezione cronica con il virus, che gli consente di adattarsi.

N501Y

Verso la fine del 2020, precisamente nel dicembre 2020, un altro tipo altamente contagioso di COVID-19 è stato isolato nel Kent, nel Regno Unito. Questa variante, chiamata B.1.1.7, contiene una mutazione in una proteina spike chiamata N501Y che rende il virus più contagioso e mortale. Ora è l’alternativa predominante nel Regno Unito ed è responsabile di oltre il 90% delle infezioni lì. Ha scarso effetto sull’immunità da entrambi i vaccini e infezioni precedenti.

E484K

L’ultima mutazione della proteina spike è E484K. È apparso una volta in Sud Africa e almeno due volte in Brasile. Le varianti con questa mutazione sono in grado di eludere il sistema immunitario di individui vaccinati e precedentemente infetti. Gli scienziati ritengono che questa mutazione sia stata guidata da alti livelli di immunità della popolazione, che hanno portato a mutazioni nella proteina spike per bypassare il sistema immunitario.

(Con il contributo delle agenzie)

Inserito: 17 aprile 2021 9:20 | Aggiornamento: 17 aprile 2021 9:20

READ  Il premio Nobel per Stephen Hawking potrebbe essere