SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

La sonda della NASA si prepara a prelevare campioni delle prime rocce marziane – Science & Tech

La NASA ha detto mercoledì che il persistente rover su Marte si sta preparando a raccogliere il suo primo campione di roccia da un antico sito sul letto di un lago, mentre inizia la sua missione alla ricerca di segni di vita passata sul serio.

Questo risultato dovrebbe avvenire entro due settimane in un’area scientificamente interessante del cratere Jezero chiamata “Rough Crack Earth Hole”.

“Quando Neil Armstrong ha prelevato il primo campione dal Mare della Tranquillità 52 anni fa, ha iniziato un processo che avrebbe riscritto ciò che l’umanità sapeva della luna”, ha affermato Thomas Zurbuchen, direttore associato della scienza presso la sede della NASA.

“Ho tutte le aspettative che il primo campione di Perseverance dal Jezero Crater, e quello che segue, faranno lo stesso per Marte”.

Lo scienziato del progetto Ken Farley ha detto ai giornalisti che Perseverance è atterrato sul Pianeta Rosso il 18 febbraio e durante l’estate si è spostato di circa un chilometro a sud del suo sito di atterraggio.

“Ora stiamo osservando ambienti molto più indietro nel passato – miliardi di anni nel passato”, ha detto in una conferenza stampa.

Il team ritiene che il cratere fosse un tempo sede di un antico lago che si è riempito e fatto scivolare più volte, creando potenzialmente le condizioni necessarie per la vita.

L’analisi dei campioni rivelerà indizi sulla composizione chimica e minerale delle rocce, rivelando cose come se fossero formate da vulcani o se fossero di origine sedimentaria.

Oltre a colmare le lacune nella comprensione dell’area da parte dei geologi, il rover cercherà anche potenziali segni di antichi microbi.

READ  Covid-19 NSW: nuovi casi registrati mentre il cluster Bondi cresce a Sydney

Per prima cosa, Perseverance allargherà il suo braccio robotico di 7 piedi (2 metri) per localizzare con precisione il campione.

Il rover utilizzerà quindi uno strumento di raschiatura per raschiare lo strato superiore di roccia, esponendo le superfici prive di piume.

Questi strumenti scientifici installati sulla Perseverance Tower saranno analizzati per determinare la composizione chimica e minerale e per la ricerca di materia organica.

Uno degli strumenti, chiamato SuperCam, scatterà un laser sulla roccia e poi prenderà le letture della colonna risultanti.

Una piccola scarpata contenente rocce finemente stratificate potrebbe essersi formata dal fango del lago, ha detto Farley, e “questi sono ottimi posti per cercare biomarcatori”, anche se ci vorrebbero ancora qualche mese prima che la tenacia raggiunga quell’affioramento.

Ciascuna delle analisi di perseveranza rocciosa avrà un “gemello” geologico intatto che il rover raccoglierà, sigillerà e conserverà sotto la sua pancia.

In definitiva, la NASA pianifica una missione di ritorno con l’Agenzia spaziale europea per raccogliere campioni immagazzinati e restituirli per analisi di laboratorio sulla Terra, nel 2030.

Solo allora gli scienziati potranno dire con più sicurezza se hanno effettivamente trovato segni di antiche forme di vita.