SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

La nuova mappa della materia oscura rivela il mistero cosmico

Questa è la mappa più dettagliata della distribuzione della materia oscura nell’universo. Le regioni luminose rappresentano le loro concentrazioni più alte: è qui che si formano le galassie

Un team internazionale di ricercatori ha creato la mappa più grande e dettagliata della distribuzione della cosiddetta materia oscura nell’universo.

I risultati sono sorprendenti perché sembrano essere leggermente più fluidi e più onnipresenti di quanto prevedano le migliori teorie attuali.

L’osservazione sembra divergere dalla teoria della relatività generale di Einstein, che pone un enigma ai ricercatori.

I risultati sono pubblicati dalla Dark Energy Survey Collaboration.

La materia oscura è una sostanza invisibile che permea lo spazio. Rappresenta l’80% della materia nell’universo.

Gli astronomi sono riusciti a capire dove si trova perché distorce la luce proveniente da stelle lontane. Maggiore è la distorsione, maggiore è la concentrazione di materia oscura.

Il dottor Niall Jeffrey, dell’Ecole Normale Superior di Parigi, che ha disegnato la mappa insieme, ha detto che il risultato ha posto un “vero problema” per la fisica.

Ha detto a BBC News: “Se questa disparità è corretta, forse Einstein aveva torto”. “Potresti pensare che sia una brutta cosa, e forse la fisica non funziona. Ma per un fisico, è molto eccitante. Significa che possiamo scoprire qualcosa di nuovo sul modo in cui l’universo è realmente.”

Il professor Carlos Frenk dell’Università di Durham, che era uno degli scienziati che si erano basati sul lavoro di Albert Einstein e altri per sviluppare l’attuale teoria cosmologica, ha detto che i suoi sentimenti erano contrastanti dopo aver sentito la notizia.

Il professore ha detto: “Ho passato la vita a lavorare su questa teoria e il mio cuore mi ha detto che non volevo vederla collassare. Ma la mia mente mi sta dicendo che le misurazioni erano corrette, e dobbiamo considerare la possibilità di nuove fisica.” Frenk.

READ  Abbiamo rintracciato 5 misteriose esplosioni radio veloci nelle braccia di galassie a spirale lontane

“Poi il mio stomaco vacilla, perché non abbiamo solide ragioni per esplorarlo perché non abbiamo una teoria fisica che ci guidi. Questo mi rende molto nervoso e spaventato, perché stiamo entrando in un campo completamente sconosciuto e chi sa cosa troveremo. “

Telescopio Blanco

100 milioni di galassie sono state scansionate dal telescopio Victor M. Blanco in Cile per produrre la mappa

Utilizzando il telescopio Victor M. Blanco in Cile, il team dietro il nuovo lavoro ha analizzato 100 milioni di galassie.

La mappa mostra come la materia oscura si sta diffondendo nell’universo. Le regioni nere sono vaste aree del nulla, chiamate vuoti, dove le leggi della fisica possono essere diverse. Le regioni luminose sono dove si concentra la materia oscura. Sono chiamate “aure” perché la realtà nel mezzo è dove si trova la nostra realtà. In mezzo a loro ci sono galassie come la nostra, la Via Lattea, che brillano come piccole pietre preziose su una vasta rete cosmica.

Secondo il dottor Geoffrey, che fa anche parte di un dipartimento dell’University College di Londra, la mappa mostra chiaramente che le galassie fanno parte di una struttura invisibile più grande.

“Nessuno nella storia dell’umanità è stato in grado di cercare nello spazio e sapere dove si trova la materia oscura fino a questo punto. Gli astronomi sono riusciti a creare immagini di piccoli punti, ma abbiamo svelato nuove e vaste aree che mostrano gran parte della loro struttura. la prima volta che possiamo vedere l’universo in un modo diverso. “”

Scansione completa dell'energia oscura

L’ellisse rappresenta l’intero cielo, con il viola che rappresenta l’area finora sottoposta a scansione per la materia oscura. L’arco luminoso è costituito dalle stelle più luminose del cielo notturno

Ma la nuova mappa della materia oscura non mostra esattamente ciò che gli astronomi si aspettavano. Hanno un’idea precisa della distribuzione della materia 350.000 anni dopo il Big Bang, da un osservatorio orbitale dell’ESA chiamato Planck. Misurò la radiazione che era ancora presente da quel momento, la radiazione cosmica di fondo a microonde, o più poeticamente, fu chiamata “il crepuscolo della creazione”.

READ  I residenti del Queensland che sono stati vaccinati contro COVID non sfuggiranno alla quarantena in hotel

Attingendo alle idee di Einstein, astronomi come il professor Frink hanno sviluppato un modello per calcolare il modo in cui la materia si propaga nei prossimi 13,8 miliardi di anni fino ai giorni nostri. Ma le note effettive della nuova mappa sono uscite di una percentuale ridotta: mostrano che il materiale è più o meno uniformemente sparso.

Di conseguenza, il professor Frenk ritiene che potrebbero esserci grandi cambiamenti in corso nella nostra comprensione dell’universo.

“Potremmo aver scoperto qualcosa di veramente basilare sul tessuto dell’universo. La teoria attuale si basa su colonne molto semplici fatte di sabbia. Quello che potremmo vedere è il crollo di una di queste colonne.”

Ma altri, come il professor Ofer Lahav dell’University College di Londra, hanno una visione più conservatrice.

“La grande domanda è se la teoria di Einstein sia perfetta. Sembra che abbia superato ogni prova ma con alcune deviazioni qua e là. L’astrofisica delle galassie potrebbe aver bisogno solo di alcuni aggiustamenti. Nella storia della cosmologia, ci sono esempi in cui i problemi sono scomparsi, ma anche esempi in cui il pensiero si è trasformato Sarebbe bello vedere se l’attuale “tensione” in cosmologia porta a un nuovo cambio di paradigma “, ha detto.

La collaborazione DES è composta da più di 400 scienziati provenienti da 25 istituzioni in sette paesi.

Segui l’edera Su Twitter.