HomeTop NewsLa guida definitiva al Green Pass italiano per le vacanze estive

La guida definitiva al Green Pass italiano per le vacanze estive

UN Certificato “verde” Ti permette di muoverti liberamente per il paese e di svolgere quante più attività possibili, tra cui assistere a concerti, partecipare a matrimoni e frequentare club. È il “Green Pass” messo in atto dall’Italia per riaprire il movimento e le attività delle persone, una forma di certificazione di immunizzazione, per controllare la diffusione del virus corona e garantire la crescita uniforme dell’estate.

L’idea, inizialmente lanciata a livello europeo, è stata sollecitata dal governo italiano e inserita nell’ordine di riapertura di fine aprile. In particolare, viene rilasciato un pass a coloro che soddisfano una di queste condizioni: possono essere stati vaccinati, essersi ripresi da Covit-19 o avere un risultato del test PCR negativo 48 ore prima della partenza.

In particolare, il pass consentirà alle zone arancioni e rosse del paese di entrare e uscire liberamente, oltre a visitare case di cura e partecipare a matrimoni e altre cerimonie, queste ultime a partire dal 15 giugno. Il pass sarà disponibile anche per gli stranieri che si recano in Italia, mentre l’UE è in attesa di lanciare un’analoga operazione a livello sindacale entro la fine di giugno.

Per ora le vecchie regole sono ancora in vigore: chi arriva in Italia da extra UE dovrà comunque sottoporsi a un test Govt negativo ed essere isolato per 10 giorni, mentre chi da Ue e area Schengen, Gran Bretagna e Israele lo farà solo è necessario un risultato negativo del test PCR. Per gli italiani che si recano all’estero, saranno ancora in vigore regole diverse nei diversi paesi e un test Govt negativo è generalmente richiesto ovunque.

Il pass, della durata da 6 a 9 mesi (durata media della copertura vaccinale), deve essere rilasciato dall’operatore sanitario che ha ricevuto il vaccino o dall’ospedale o dal medico di base. Sopravvissuti al virus. La durata specifica del vaccino varia a seconda del tipo di vaccino: circa un anno per quelli vaccinati con Astrogeneca, 9 mesi con Johnson & Johnson e lo stesso periodo con Pfizer e Modernna. Mentre alcune regioni, come Roma e Lazio, hanno già implementato certificazioni digitali attraverso il sistema di identificazione digitale italiano SPIT, alcune procedure tecniche devono ancora essere adeguate per consentire l’accettazione a livello nazionale dei certificati; Pertanto, questa misura non può essere considerata ancora completamente funzionante.

Nel frattempo, i governi a livello europeo stanno lavorando per consolidare un sistema che consentirà l’accesso a un certificato Govt-19 dell’UE simile con un codice QR. Deve essere esibito con una carta d’identità per essere autorizzato in qualsiasi paese dell’UE, sebbene ogni singolo stato membro debba stabilire se sono necessarie misure aggiuntive come il test PCR o l’isolamento per consentire alle persone. Muoversi liberamente.

Infine, ci sono alcuni problemi di privacy riguardo al pass: La Commissione italiana per la protezione dei dati ha presentato un reclamo Non è coinvolto nel processo decisionale. “Non è necessario specificare il numero di lavori di vaccinazione che una persona ha ricevuto o anche il tipo di vaccino, e non è necessario rilasciare certificati diversi in base alla condizione specifica (vaccino, recupero o risultato negativo del test) che sono stati rilasciati “, ha detto il presidente. Ha detto Pascual Stanzion. Secondo i resoconti dei media, il Ministero della Salute sta attualmente lavorando per risolvere la controversia, ma si prevede che l’European Pass stabilisca lo standard finale in tutti i paesi.

In Italia, i tassi di coronavirus sono aumentati costantemente nelle ultime settimane, con l’attuale tasso di infezione di 1,9 punti. Secondo Statistiche recenti, Circa 22 milioni di italiani prevedono di rimanere in Italia per le vacanze estive, 4,5 milioni dei quali hanno già prenotato. I tempi di prenotazione più alti sono luglio e agosto e si prevede che la maggior parte dei viaggiatori (63,8%) lascerà il proprio territorio e si trasferirà in un’altra area. Per raggiungere le loro destinazioni di vacanza, gli italiani spesso pianificano di viaggiare in auto (74,7%), aereo (17%) e trasporto marittimo (1,5 milioni di persone).

READ  Le 10 supporto tom tom del 2024: Scopri le Migliori Opzioni
Marcello Jilani
Marcello Jilani
"Fan zombi sottilmente affascinante. Fanatico della TV. Creatore devoto. Amico degli animali ovunque. Praticante del caffè."
Must Read
Related News