La coalizione chiede sanzioni alla Cina dopo aver accusato Pechino di spionaggio informatico negli Stati Uniti e nel Regno Unito

La coalizione sta spingendo il governo federale a imporre sanzioni alla Cina dopo che l’Australia si è unita a Stati Uniti, Regno Unito e Nuova Zelanda nell’accusare Pechino di organizzare un’ampia campagna di spionaggio informatico contro elettori, parlamentari e aziende in Occidente.

Il Regno Unito e gli Stati Uniti hanno già annunciato sanzioni contro gli hacker sostenuti dallo Stato, accusandoli di essere dietro attacchi informatici “dannosi” che hanno colpito la Commissione elettorale britannica e i parlamentari britannici critici nei confronti della Cina, nonché una serie di aziende, individui e politici negli Stati Uniti. . .

Martedì mattina, il ministro della Difesa neozelandese Judith Collins ha annunciato che nel 2021 gli hacker di un gruppo legato al Ministero della Sicurezza di Stato cinese avranno accesso anche al servizio parlamentare del paese, nonché all'Ufficio del consiglio parlamentare.

Il Servizio parlamentare fornisce servizi amministrativi e di supporto ai deputati neozelandesi, mentre l'Ufficio del Cancelliere è responsabile della stesura e della pubblicazione della legislazione.

“Fortunatamente, in questo caso, il Centro nazionale per la sicurezza informatica ha collaborato con le organizzazioni interessate per contenere l'attività e rimuovere l'autore poco dopo aver ottenuto l'accesso alla rete”, ha affermato.

READ  Spettatori e tifosi in stato di emergenza

Il ministro della Difesa neozelandese Judith Collins ha affermato che gli attacchi sono inquietanti, ma ha affermato che il suo paese non ha il quadro giuridico per imporre sanzioni.(Foto AP: Mark Baker)

Il ministro ha poi detto ai giornalisti che le istituzioni della Nuova Zelanda sono “sacre” e che c’era chiaramente un “modello di comportamento” da parte della Cina che prendeva di mira le democrazie.

“Pensiamo che sia importante restare uniti su queste questioni”, ha aggiunto.

“Questo è il primo attacco molto serio, a mia conoscenza, contro una delle nostre istituzioni democratiche”.

Ma ha detto che la Nuova Zelanda non seguirà l’esempio degli Stati Uniti o del Regno Unito e non prenderà di mira gli hacker perché il paese non ha un quadro giuridico più ampio per imporre sanzioni indipendenti.

Il ministro degli Esteri australiano Penny Wong e il ministro degli Interni Clare O'Neill hanno rilasciato martedì mattina una dichiarazione congiunta a sostegno delle dichiarazioni che ritengono responsabile la Cina.

Le bandiere cinesi sventolano alte fuori dal palazzo del Parlamento australiano a Canberra

La coalizione vuole che il governo emetta dure sanzioni contro la Cina dopo i presunti attacchi informatici.(AAP: Lukas Koch)

“Il continuo prendere di mira le istituzioni e i processi democratici ha implicazioni per le società democratiche e aperte come l'Australia. Questo comportamento è inaccettabile e deve essere fermato”, hanno affermato.

L’Australia ha precedentemente attribuito alla Cina diversi attacchi informatici avvenuti in Australia. I ministri non hanno detto se l’Australia sia stata presa di mira direttamente negli ultimi tentativi di hacking, ma hanno affermato: “I sistemi elettorali australiani non sono stati compromessi da campagne informatiche contro il Regno Unito”.

READ  L'attivista climatica Greta Thunberg viene arrestata dalla polizia britannica

Il segretario ombra per gli affari interni James Patterson ha affermato che, sebbene la colpa pubblica sia benvenuta, il governo deve fare “un ulteriore passo avanti” e colpire gli hacker cinesi sostenuti dallo stato con sanzioni in stile Magnitsky Act.

“Attaccare i membri del Parlamento e i sistemi elettorali è un comportamento particolarmente dannoso… Non è un comportamento amichevole”, ha affermato.

“Toccherà al governo chiarire se intende considerare le relazioni bilaterali [with China] “Più importante che difendere i nostri interessi di sicurezza nazionale.”

La Cina ha negato le accuse di spionaggio e l'ambasciata neozelandese a Wellington le ha definite “infondate e irresponsabili” in una dichiarazione rilasciata martedì pomeriggio.

“Quando si indaga e si determina la natura dei problemi informatici, è necessario ottenere prove sufficienti e obiettive, piuttosto che screditare altri paesi quando i fatti non esistono”, ha affermato.

“Accusare la Cina di interferenze straniere è assolutamente un errore”.

“Ci auguriamo che la parte neozelandese possa esercitare la lettera e lo spirito della sua politica estera indipendente di lunga data e orgogliosa, e formulare in modo indipendente giudizi e decisioni nel proprio interesse invece di seguire ciecamente le parole e le azioni degli altri”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto