HomeEconomyLa Cina ha esortato a essere più esperta di tecnologia attraverso la...

La Cina ha esortato a essere più esperta di tecnologia attraverso la Belt and Road Initiative mentre i paesi sviluppati si tengono lontani e le restrizioni statunitensi colpiscono duramente

Pechino ha bisogno di intensificare la cooperazione tecnologica per sostenere e far avanzare la sua Belt and Road Initiative, dicono gli analisti, mentre l’ambizioso piano sostenuto dal presidente Xi Jinping celebra quest’anno il suo decimo anniversario in mezzo alle crescenti incertezze geopolitiche.

Le valutazioni degli esperti, effettuate durante un simposio ospitato dal Ministero della Scienza e della Tecnologia lo scorso fine settimana, sono arrivate in un momento in cui l’iniziativa di Pechino di connettere le economie in una rete commerciale incentrata sulla Cina continua a indicare un livello generalmente basso di sviluppo tecnologico e una cooperazione insufficiente. con i suoi partner.

Hu Zhijian, ricercatore senior presso l’Accademia cinese per la strategia di sviluppo scientifico e tecnologico, ha affermato che la cooperazione tecnologica è concentrata tra pochi paesi, concentrandosi sul trasferimento tecnologico o sulle fasi applicative, mentre non ci sono sforzi congiunti nella ricerca e nello sviluppo.

Hu ha avvertito che manca cooperazione nelle industrie high-tech, soprattutto nei settori delle tecnologie digitali e verdi. Secondo lui l’attenzione è rivolta alle industrie con valore aggiunto e basso livello tecnologico.

La Belt and Road Initiative cinese sta riprendendo slancio

Ancora più importante, ha aggiunto, la cooperazione guidata dal mercato è insufficiente e manca la partecipazione di paesi con capacità scientifiche avanzate.

Lanciata nel 2013 come un modo per rafforzare i legami commerciali della Cina con decine di paesi in Asia, Europa orientale, Africa e America Latina, Belt and Road è una delle politiche più note di Xi.

Gli Stati Uniti non hanno mai mostrato interesse per il progetto guidato dalla Cina. Recentemente, l’Italia è diventata il paese occidentale più ricco della Belt and Road, Ho deciso di farla finita.

Il mese prossimo Pechino terrà il suo terzo vertice Belt and Road e potrebbe essere annunciata una maggiore cooperazione commerciale e di investimento.

La seconda economia più grande del mondo ha cercato a lungo di espandere la sua cooperazione tecnologica globale, e ciò è stato sottolineato in una lettera di Xi letta domenica da un funzionario locale al Pujiang Innovation Forum di Shanghai.

01:01

L’Italia ritiene che una forte partnership con la Cina sia più importante che restare nella Belt and Road Initiative

L’Italia ritiene che una forte partnership con la Cina sia più importante che restare nella Belt and Road Initiative

La Cina sta anche cercando di essere più autosufficiente nonostante i tentativi di Washington di limitare l’accesso ai prodotti high-tech.

A giugno, la Cina ha firmato più di 200 accordi che riuniscono 152 paesi e 32 organizzazioni internazionali sotto l’egida della Belt and Road, compresi i dieci stati membri dell’Associazione delle nazioni del sud-est asiatico.

Tuttavia, il criterio per misurare i benefici della Belt and Road non è solo il livello tecnologico, ma soprattutto l’applicabilità dei suoi risultati, ha affermato Wang Yiwei, professore di relazioni internazionali alla Renmin University.

“Non è realistico aspettarsi un miglioramento significativo del livello tecnologico della Cina attraverso la cooperazione con i paesi della Belt and Road”, ha affermato Wang. “Non è necessariamente meglio che la tecnologia abbia un contenuto tecnologico più elevato; Lo scopo della tecnologia è quello di migliorare la costruzione e lo sviluppo.

Da questo punto di vista, la Belt and Road Initiative ha ottenuto benefici che vanno ben oltre la tecnologia stessa”.

Le relazioni commerciali tra Cina e Asia meridionale brillano in una grande mostra, ma la partecipazione indiana rimane bassa

Secondo Hu, il ricercatore capo, la ricerca collaborativa è stata condotta da più di 50 laboratori istituiti congiuntamente negli ultimi sei anni. I progetti di ricerca congiunti sono stati circa 1.000, con un investimento complessivo di circa 3 miliardi di yuan (411,6 milioni di dollari Usa).

Gli investimenti della Cina nelle infrastrutture in Africa migliorano la competitività regionale affrontando i colli di bottiglia nell’offerta, mentre la Cina sfrutta anche le risorse dell’Africa per la sua espansione economica, ha affermato Mlungisi Cele, presidente ad interim del Comitato consultivo nazionale per l’innovazione del Sud Africa, durante un seminario del fine settimana a Shanghai.

Questi progetti includono la tecnologia cinese e una combinazione di forza lavoro locale e cinese, fornendo un certo trasferimento di conoscenze. Tuttavia, ha affermato che la disoccupazione in molti paesi africani rimane una sfida.

READ  Covid Victoria: regole per le mascherine, facilità di riduzione della folla; Una settimana senza un nuovo caso locale
Orsina Fiorentini
Orsina Fiorentini
"Fan zombi sottilmente affascinante. Fanatico della TV. Creatore devoto. Amico degli animali ovunque. Praticante del caffè."
Must Read
Related News