La Cina è desiderosa di collaborare con l’Italia sul commercio nonostante i dubbi sulla Belt and Road

Il Ministro degli Esteri italiano Antonio Tajani interviene alla sessione di apertura del primo giorno della Conferenza per la ripresa dell’Ucraina il 21 giugno 2023 a Londra, Gran Bretagna. Henry Nicholls/Poole tramite REUTERS/foto del file Ottieni i diritti di licenza

PECHINO, 7 settembre (Reuters) – La Cina è pronta a collaborare con l’Italia per migliorare i legami commerciali e di investimento, ha detto giovedì il ministero del Commercio. Un progetto guidato da Pechino.

L’Italia, che presiederà il gruppo delle nazioni ricche del G7 nel 2024, ritiene di non beneficiare abbastanza dell’accordo e potrebbe ritirarsi formalmente entro dicembre o vedere la sua adesione rinnovata per altri cinque anni.

Il piano estremamente ambizioso prevede che la Cina rafforzi i legami commerciali con importanti investimenti in infrastrutture nei paesi lungo la storica via della seta attraverso l’Asia verso l’Europa e oltre.

“La Cina è disposta a lavorare con l’Italia per continuare ad approfondire la cooperazione reciprocamente vantaggiosa, esplorare potenziali opportunità commerciali e di investimento… e sviluppare ulteriormente un partenariato strategico globale Cina-Italia”, ha affermato il portavoce del Ministero del Commercio He Yadong.

I due paesi hanno firmato un memorandum d’intesa per promuovere la costruzione della BRI in occasione della visita del presidente cinese Xi Jinping a Roma nel 2019, ma i flussi commerciali non sono migliorati come l’Italia aveva sperato.

Secondo il quotidiano economico Il Sole 24 Ore, l’Italia spera in una “uscita morbida” accettando con la Cina di rinunciare alla condizione che Roma comunichi formalmente a Pechino le sue intenzioni.

Il ministro degli Esteri italiano Antonio Tajani, che ha incontrato il ministro degli Esteri cinese Wang Yi a Pechino questa settimana, ha dichiarato mercoledì al parlamento italiano che il partenariato strategico sarebbe più prezioso di un accordo come la BRI.

READ  Aqua de Baglia aggiunge la piscina sul tetto alla ricostruzione della "Maison Chalentina" nel sud Italia

Ridefinire le relazioni accontenterebbe i partner italiani del G7 pur mantenendo buoni legami commerciali con Pechino.

Diplomazia sensibile

Il deficit commerciale dell’Italia con la Cina è aumentato di 22,3 miliardi di euro (23,9 miliardi di dollari) tra il 2019 e il 2022, ha affermato il Ministero degli Esteri italiano.

Intervenendo giovedì mattina alla RAI, Tajani ha detto: “Valuteremo se attenerci o meno a questa nota… una decisione verrà presa”.

Ma ciò non dovrebbe incidere sui rapporti con la Cina.

La Cina ha investito in Italia in 24 progetti tra il 2014 e il 2020, per un valore totale di 22,27 miliardi di dollari, secondo i dati del think tank American Enterprise Institute, che vanno dalle partecipazioni nelle società di calcio Milan e Inter alle società di telecomunicazioni e al servizio postale .

Perdere l’ex capolinea della Vecchia Via della Seta sarebbe diplomaticamente imbarazzante per la Cina, che spera di mettere in evidenza i risultati della Belt and Road Initiative in un forum internazionale a Pechino in ottobre.

Finora, 90 paesi hanno confermato le visite, ha annunciato giovedì il ministero degli Esteri cinese.

($1 = 0,9333 euro)

Reporting di Joe Cash e Ryan Wu; Report aggiuntivi di Giselda Vagnoni, Alvis Armellini e Federico Macchioni a Roma; Montaggio di Kim Coghill e Andrew Cawthorne

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Ottieni i diritti di licenzaApre una nuova scheda

Joe Cash si occupa degli affari economici della Cina, della politica fiscale e monetaria interna, dei principali indicatori economici, delle relazioni commerciali e del crescente impegno della Cina con i paesi in via di sviluppo. Prima di entrare in Reuters, ha lavorato sulla politica commerciale del Regno Unito e dell’UE nella regione Asia-Pacifico. Joe ha studiato cinese all’Università di Oxford e parla mandarino.

READ  Le 10 porta confetti laurea del 2024: Scopri le Migliori Opzioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto