Aprile 10, 2021

SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Influenza afro: come la compagnia italiana per dittatori neri sfida i pregiudizi | Italia

WChicken Ida Tuf Mbengu ha debuttato a Dicto nel 2019, mostrando una somiglianza con una compagna di classe marocchina che è stata presa in giro per le sue clip di danza su un’app di social media, ma ha sfidato i pregiudizi.

Nato in Senegal e residente a Bergamo, nel nord Italia, Mbengu guarda il suo telefono mentre indossa l’hijab per strada dall’età di tre anni. La sorella, che ha filmato il video, chiede: “Ida, mostrami la tua ex foto”. Il diciannovenne Penguin chiede: “Non c’è bisogno, ecco il mio ex”, prima di voltarsi nel lusso e indicare un grande mucchio di spazzatura. Entrambe le ragazze scoppiarono a ridere.

Il video è diventato virale e ha raccolto 900.000 visualizzazioni in tre giorni. Mbengue in seguito si è ramificato su YouTube e Instagram, diventando noto come “il primo dittatore italiano con il velo” e il membro di punta della squadra. Influenza afro, Un’organizzazione creata lo scorso anno per promuovere gli influencer dei social media di origine africana e la più ampia comunità africana in Italia.

“Fare l’attrice e fare video è sempre stato il mio sogno”, ha detto Empeng. “Ma ogni volta che lo dico alla gente, ridono:” Nessuno è interessato a vedere una donna con l’hijab “. Era come se una donna di colore con l’hijab non potesse mai riuscire a fare certe cose. “

Afro Influencers è stata fondata lo scorso anno Moustapa Thiam, Analista IT di 22 anni di Bergamo, ha un gruppo di spicco di nove dei dittatori, instagrammer e YouTuber più seguiti in Italia. L’agenzia, la prima del suo genere in Europa, offre consigli e contatti agli influencer offrendo corsi gratuiti ai nuovi arrivati. Un altro scopo è aiutare gli influencer a raggiungere i loro obiettivi di lavoro nel settore dell’intrattenimento.

READ  Amici di lunga data uniscono le forze per aprire un nuovo ristorante italo-americano a Duson | Calient

“L’ho creato per ascoltare la nostra voce”, ha detto Thiam a Masti TV, attore e comico. “L’Italia è stata un luogo difficile in cui crescere perché questa ignoranza è sempre stata un concetto. Le cose sono migliorate, ma è ancora difficile trovare lavoro oggi perché i pregiudizi esistono ancora.

Mbengue non solo ha ascoltato la sua voce, ma ha anche usato l’umorismo per cambiare la percezione delle donne delle donne musulmane. In un altro video di Dictok, indossa tutti i suoi hijab colorati contemporaneamente. La piattaforma ha più di 300.000 follower, 24.300 abbonati su YouTube e 70.800 follower su Instagram. Ha detto che tutti i suoi abbonati a YouTube sono italiani, mentre ha un ampio seguito dal Senegal su Instagram.

“Il mio primo video di dictoc ha attirato commenti come ‘Non ho mai visto una brava donna con l’hijab’ o ‘Le donne con l’hijab hanno davvero stile'”, ha detto. “Da questo ho capito che qualcosa doveva cambiare. Volevo dimostrare che l’hijab non è un simbolo di oppressione. Solo perché ne indosso uno non significa che non sia libero. “

Mbengue è ancora lì Risponde in modo incoerente nonostante sia stato insultato online. “È stato quasi come un processo divertente”, ha detto. “Lo scopo principale non è avere molti seguaci, ma inviare un messaggio ai giovani che un giorno diventeranno genitori, il che li aiuterà ad aprire le loro menti”.

Mustafa Thiam ha fondato Afro Influencers nel 2020: “ Le cose sono migliorate, ma i pregiudizi esistono ancora ”

Afro Influencers ha tenuto un evento di lancio molto frequentato in Piazza del Diomo a Milano la scorsa estate e la società ha ricevuto dozzine di richieste di adesione da influenze nere affermate o in crescita in tutta Europa, tra cui Regno Unito, Francia e Spagna. “Voglio creare una squadra più grande in tutta Europa”, ha detto Thiam.

Ha detto che l’impatto del movimento Black Lives Matter e migliaia di manifestazioni in tutto il mondo, anche in Italia, l’estate scorsa, in risposta all’assassinio della polizia di George Floyd, hanno cambiato l’attenzione delle aziende sul finanziamento degli influencer neri.

“Il PLM ha contribuito ad attirare grandi aziende a investire nella comunità nera”, ha affermato. “Le aziende capiscono che devono cambiare il loro messaggio ed essere più inclusive”.

Man mano che il suo profilo cresceva, Mbengue ha scoperto di attirare l’attenzione di molti grandi marchi. “Spero che questo continui”, ha detto. “Il PLM ha aiutato e molte cose stanno iniziando a cambiare”.

Il prossimo passo di Thiam è aprire una Afro House a Milano per il team Afro Influencers. Tra le sue star dei social media c’è il Sonax 404, c. Include Black, King Nick e Topher & Betta.

Una chiave per un influencer di successo è pubblicare regolarmente, ha detto. “Devi tenerlo”, ha detto. “Ma la cosa più importante è essere te stesso, non cambiare mai.”