SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Il Tesoro italiano sotto assedio per l’affare Monte dei Paschi

  • Il ministro dell’Economia Franco parla al Parlamento su MPS
  • Partiti al governo contro scenari di disgregazione e licenziamenti di massa
  • Sono previste acconciature di circa 6000-7000.
  • Gli obbligazionisti MPS non si aspettano di sostenere costi – Fonte

ROMA (Reuters) – Il Ministero del Tesoro è sotto tiro dei partiti al governo che chiedono garanzie per i dipendenti del Monte dei Paschi e dell’economia locale di Siena, dopo che il ministero ha avviato trattative esclusive per la vendita della travagliata banca toscana a Unicredit.

L’Italia possiede il 64% del Monte dei Paschi (MPS) (BMPS.MI), dopo il suo salvataggio di 5,4 miliardi di euro (6,4 miliardi di dollari) nel 2017. Si è impegnata a restituire la banca più antica del mondo al settore privato entro la metà del 2022, ma la sua Il fabbisogno di capitale di 2,5 miliardi di euro ha reso ancora più urgente trovare una soluzione.

UniCredit (CRDI.MI) ha iniziato i colloqui la scorsa settimana per l’acquisto di “parti selezionate” di MPS, il giorno prima che un controllo sanitario bancario a livello europeo mostrasse che uno shock economico prolungato avrebbe spazzato via il capitale del prestatore statale. Leggi di più

L’inizio dei negoziati, che dureranno 40 giorni, ha scatenato una raffica di richieste da parte dei partiti di governo, con il ministro dell’Economia Daniele Franco che dovrebbe comparire questa settimana in parlamento per rispondere alle domande in merito.

Il Tesoro, sperando di risolvere finalmente la crisi decennale della banca controllata dallo Stato, non ha tenuto conto dell’immediata spinta politica.

“Non siamo d’accordo con l’idea di smantellare la banca. Vanno tutelate le radici regionali del Mps in Toscana, i suoi lavoratori e il suo marchio”, ha detto Antonio Mesani, direttore economico del Pd di centrosinistra. a Reuters.

READ  Evoluzione della flotta di Singapore Airlines

I tagli di posti di lavoro sono il problema principale per sindacati e politici. Si prevede che circa un terzo degli attuali 21.000 dipendenti di MPS verranno licenziati e tali tagli dovranno essere concordati prima che l’accordo con UniCredit sia finalizzato e pagato dallo Stato, ha affermato una fonte vicina alla questione.

“Tagliare da 6.000 a 7.000 posti di lavoro è inimmaginabile, i lavoratori hanno bisogno di garanzie”, ha detto a Reuters Giulio Centemiro, un legislatore di alto livello del partito di destra della Lega, che sostiene anche il governo di unità nazionale di Mario Draghi.

Lando Maria Siloni, presidente dell’Associazione bancaria Fabi, ha detto che i sindacati hanno chiesto un incontro con il Tesoro.

Per liquidare il salvataggio, MPS ha accettato di licenziare 4.800 dipendenti come parte di un piano di ristrutturazione fino al 2021.

MPS e politica sono sempre stati strettamente legati. Siena, dove le sedi centrali di MPS impiegano circa 1.400 persone, è una tradizionale roccaforte del Pd, spesso criticato per il suo contributo ai problemi della banca.

Adesso la posta in gioco politica è ancora più grande perché il leader nazionale del PD, Enrico Letta, che non ha seggio in Parlamento, ha scelto una prossima elezione suppletiva a Siena per cercare di ottenerne una.

“Termini difficili”

In Italia, le banche di solito licenziano le persone che vanno in pensione e pagano l’80-90% del loro stipendio fino a sette anni per avere diritto alla pensione.

Con un costo medio di 200.000 euro per dipendente dopo quattro anni e mezzo di pensione, i tagli ai dipendenti MPS potrebbero costare allo Stato più di 1,4 miliardi di euro.

READ  La scuola elementare Santa Chiara d'Assisi a Conder è nell'elenco Covid-19 come sito strettamente contattato | Tempi di Canberra

“Dobbiamo calcolare quanto costeranno ai contribuenti i termini stringenti dell’accordo di UniCredit e valutare soluzioni alternative”, ha affermato il Centemero dell’università.

Per prendere in considerazione l’acquisizione, l’amministratore delegato di UniCredit Andrea Orsel ha chiesto che nessun accordo fosse influenzato dall’hedge capital di Banca Milano, con UniCredit che ha aumentato l’utile per azione di almeno il 10%. Leggi di più

Le sue condizioni sarebbero costose per le casse dello Stato, ma Roma ha creato un precedente nel 2017 quando ha pagato a Intesa Sanpaolo (ISP.MI) 4,8 miliardi di euro per acquistare asset di qualità per due banche regionali del Veneto per 1 euro.

Come per le banche venete, i prestiti MPS sono a carico dello Stato ei rischi legali derivanti dalla cattiva gestione.

Una persona a conoscenza della questione ha affermato che il Tesoro è fiducioso che i titolari di MPS non saranno tenuti a condividere i costi che i contribuenti dovrebbero affrontare per effettuare una vendita a UniCredit.

Una fonte del suo ufficio ha detto che l’ultima parola sul destino di Mps spetta al presidente del Consiglio Draghi, che non è attivamente coinvolto nei colloqui con UniCredit.

Una fonte governativa ha affermato che il Tesoro è impegnato a proteggere i posti di lavoro e ad assicurarsi che UniCredit accolga il maggior numero possibile di lavoratori. La fonte ha aggiunto che il Tesoro si adopererà per mantenere il marchio MPS in alcune sue filiali toscane.

(1 dollaro = 0,8413 euro)

Montaggio di Gavin Jones e Jane Merriman

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.