SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Il software open source ha dato impulso all’economia dell’UE di 65-95 miliardi di euro – Rapporto – EURACTIV.com

Il software open source ha aumentato il PIL dell’UE di 65-95 miliardi di euro nel 2018, secondo un nuovo rapporto pubblicato dalla Commissione europea lunedì (6 settembre), ma avverte che l’UE deve fare di più per promuovere attivamente le tecnologie aperte.

Lo studio ha valutato l’impatto del software e dell’hardware open source sull’economia europea. Ha stimato che le aziende europee hanno investito 1 miliardo di euro in software open source nel 2018, con una produzione economica aggiuntiva di 65-95 miliardi di euro, l’equivalente del trasporto aereo e marittimo combinato.

“L’open source offre un nuovo vantaggio per i responsabili politici e l’Europa ha l’opportunità di guidare”, ha affermato Sachiko Moto, CEO di OpenForum Europe, una delle due organizzazioni che hanno prodotto il rapporto.

I programmi per computer basati su open source possono vedere il loro codice sorgente utilizzato, analizzato e modificato da chiunque per qualsiasi motivo perché il detentore del copyright ha aperto la loro licenza alla collaborazione pubblica. È l’opposto delle licenze proprietarie, in cui il proprietario del codice sorgente mantiene il controllo esclusivo su di esso, quindi nessun altro può contribuire senza un’autorizzazione esplicita.

Secondo l’analisi, un aumento annuo del 10% dei contributi al software aperto aumenterebbe il PIL europeo da un ulteriore 0,4% a 0,6%, creando anche oltre 600 nuove startup tecnologiche nel blocco.

Tuttavia, raccogliere questi benefici economici richiede investimenti significativi in ​​tecnologie aperte e politiche pubbliche su misura. Lo studio passa in rassegna i casi di Bulgaria, Francia, Germania, Italia, Polonia e Spagna, dove i Paesi dell’Unione Europea hanno mosso i primi passi in questa direzione.

Pur evidenziando importanti differenze in termini di portata ed efficacia, i casi di studio suggeriscono che l’utilizzo di software open source anziché proprietario può aiutare la pubblica amministrazione a ridurre il costo totale di proprietà, evitando il blocco del fornitore e aumentando così la propria indipendenza digitale.

READ  Mercati live, venerdì 14 maggio 2021

Tuttavia, le politiche pubbliche per promuovere il software open source sono state ritenute infruttuose, sia quando si cerca di promuovere lo sviluppo di capacità attraverso finanziamenti o formazione, sia quando si accorda un trattamento preferenziale al software open source nelle procedure di appalto pubblico.

I ricercatori osservano che in paesi con forti capacità software, come Cina e Corea del Sud, l’open source è stato una componente chiave della strategia industriale, mentre i governi dell’UE hanno “adottato un approccio laissez-faire e oggi l’UE è molto indietro quando si tratta di capacità in questo campo”.

Di conseguenza, la dimensione della capacità istituzionale europea relativa all’open source è sproporzionatamente inferiore alla quantità di valore economico creato dall’open source nell’UE.

Pertanto, lo studio formula una serie di raccomandazioni politiche specifiche, in particolare proponendo lo sviluppo di una politica industriale personalizzata open source e l’inclusione di disposizioni specifiche in quadri politici chiave, come l’Artificial Intelligence Act.

Un’altra raccomandazione è quella di creare una rete europea di unità governative con il mandato di favorire l’adozione di tecnologie aperte e di fornire un supporto finanziario significativo a meccanismi e progetti che lavorano sullo sviluppo dell’open source.

[Edited by Zoran Radosavljevic]