SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

La Mostra del Cinema di Venezia non annuncia casi di coronavirus, finora – The Hollywood Reporter

Martedì la Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia ha offerto uno sguardo alla sua 78a edizione e i numeri mostrano, finora, come potrebbe essere una ripresa del COVID-19 per un evento ben gestito che opera secondo i protocolli di sicurezza pubblica.

Gli organizzatori hanno affermato che Venezia ha rilasciato finora 9.800 crediti agli ospiti internazionali quest’anno, rispetto ai 6.908 alla fine del festival 2020 e ai 12.800 alla fine dell’edizione pre-COVID 2019. I biglietti venduti al pubblico hanno rivelato un ritorno simile, con 23.713 biglietti già emessi, rispetto ai soli 13.162 per l’intero evento dello scorso anno e ai 28.741 del 2019.

L’evento non è stato esente da alcuni inconvenienti, poiché un ritorno alla normale ordinazione dei biglietti si è intersecato con la realtà dei requisiti di sicurezza COVID.

I protocolli di sicurezza e protezione quest’anno sono molto simili a quelli stabiliti nel 2020, quando Venezia era l’unico grande festival cinematografico a tenere un evento di persona in mezzo alla pandemia. Tuttavia, il travolgente successo di Venezia con un evento sicuro l’anno scorso, combinato con un programma di film straordinariamente forte e maggiori libertà di viaggio in gran parte dell’Occidente, ha portato un gran numero di partecipanti a scontrarsi con i controlli di sicurezza pubblica.

I cinema di Venezia sono ancora limitati al 50% della capacità per il distanziamento sociale e tutti i biglietti devono essere prenotati in anticipo sulla piattaforma di biglietteria online del festival. Il festival ha aggiunto diversi luoghi di osservazione aggiuntivi quest’anno per aiutare a far fronte ai requisiti di distanza. Il numero totale di posti cinematografici al festival quest’anno è stato di 4.128, in calo rispetto ai 6.048 del 2019, quando la capacità del cinema era del 100%.

READ  È Nadal contro Djokovic al Roland Garros, ma il primo turno è in anticipo

Tuttavia, fin dai primi giorni del festival, gli ospiti si lamentavano ancora del fatto che era difficile registrare un posto per gli indirizzi più importanti se non si riusciva ad accedere al sistema una volta che i biglietti erano disponibili 48 ore prima di ogni spettacolo.

Alcuni critici si sono lamentati all’inizio del festival delle code ai controlli di sicurezza e delle lunghe code all’ingresso degli spettacoli, il che li ha portati ad arrivare in ritardo per alcune delle anteprime stampa di importanti anteprime come Paul Schrader. contatore di carte E Paolo Sorrentino la mano di Dio.

Ma gli ospiti hanno elogiato in modo schiacciante il senso di sicurezza dell’evento e l’atmosfera rilassata e italiana di fama mondiale. A partire dal 5 settembre, il quinto giorno dell’evento di 11 giorni, Venezia ha riferito che i partecipanti accreditati avevano effettuato 2.000 test rapidi dell’antigene COVID, che hanno mostrato solo cinque falsi positivi, il che significa che finora non sono state rilevate infezioni da COVID al festival. .

Durante l’evento vengono forniti test COVID gratuiti, ma l’esecuzione di questi test è del tutto volontaria e il festival ha affermato che solo il 10% degli ospiti registrati ne ha richiesto uno finora. Le percentuali di spettatori che acquistano i biglietti a Venezia sarebbero paragonabili.