HomeEconomyIl G7 dimostra che l’Occidente può ancora guidare

Il G7 dimostra che l’Occidente può ancora guidare

Scritto da Andrew Hammond

Il G7, ampiamente considerato un anacronismo negli anni ’20, è stato creato nell’instabilità degli anni ’70 per monitorare gli sviluppi dell’economia globale. Tuttavia, al recente vertice in Italia, i leader occidentali hanno presentato una serie di grandi accordi geopolitici che hanno dimostrato che l’organizzazione è ancora in grado di agire quando necessario.

L’Ucraina era in cima all’agenda, e l’annuncio più accattivante è stato un prestito di 50 miliardi di dollari da parte del G7 a Kiev. Questo utilizza 300 miliardi di dollari di profitti provenienti dai beni russi congelati in Occidente per aumentare i finanziamenti per l’Ucraina, una mossa condannata da Mosca.

Una serie di altri accordi sulla sicurezza sono stati raggiunti con Kiev, in particolare un accordo bilaterale decennale con gli Stati Uniti – che l’Occidente vede come un potenziale punto di transizione per l’Ucraina nel percorso verso l’adesione alla NATO. Ciò include impegni per fornire assistenza a lungo termine in settori quali l’addestramento militare, la condivisione dell’intelligence e l’assistenza economica.

Al vertice sono stati compiuti anche sforzi più ampi per coinvolgere i paesi del sud sull’Ucraina. Il primo ministro italiano Giorgia Meloni ha invitato un gruppo di importanti leader dei mercati emergenti, tra cui il presidente argentino Javier Miley, il presidente brasiliano Luiz Inacio Lula da Silva, il presidente turco Recep Erdogan, il presidente degli Emirati Arabi Uniti Mohammed bin Zayed Al Nahyan e il primo ministro indiano Narendra Modi. Presidente del Sud Africa. Cirillo Ramaphosa.

Al di fuori dell’Ucraina, l’attenzione è stata grande anche su Israele, poiché il G7 ha fornito un forte sostegno popolare all’accordo di cessate il fuoco stabilito dal presidente degli Stati Uniti Joe Biden e ha invitato Hamas ad accettarlo. Ciò richiede un cessate il fuoco immediato a Gaza, il rilascio di tutti gli ostaggi, nonché un aumento significativo e prolungato degli aiuti umanitari da distribuire in tutta Gaza.

READ  L'alternativa di estrema destra per il partito tedesco sta diventando sempre più popolare e più estremo

Anche la Cina è stata sotto i riflettori, con il G7 che ha lanciato il più duro avvertimento di sempre a Pechino riguardo al suo sostegno alla Russia, minacciando ulteriori sanzioni se Pechino avesse continuato a trasferire materiale relativo alla difesa. “Chiediamo alla Cina di fermare il trasferimento di beni a duplice uso, compresi componenti e attrezzature di armi, che costituiscono input per il settore della difesa russo”, si legge nella dichiarazione.

C’è stata anche una significativa opposizione al piano infrastrutturale della Belt and Road da trilioni di dollari di Pechino. È stato riaffermato il partenariato alternativo del G7 per le infrastrutture e gli investimenti globali.

Questi programmi sostenuti dall’Occidente includono il sostegno al Corridoio di Lobito in Africa (che va dalla Repubblica Democratica del Congo e dallo Zambia all’Oceano Atlantico attraverso il porto di Lobito in Angola); il Corridoio Luzon in Asia (con il forte sostegno del Giappone, che supporterà la connettività tra Subic Bay e Clark, Manila e Batangas nelle Filippine); Il corridoio economico tra India, Medio Oriente ed Europa.

All’evento per rafforzare la sicurezza energetica europea la Meloni si è concentrata specificatamente anche sull’Africa. L’obiettivo è trasformare l’Italia in un importante centro per la distribuzione dell’energia dall’Africa all’Europa.

Mentre molti scettici internazionali hanno dubitato della capacità del G7 di questa settimana di ottenere risultati significativi in ​​Italia, gli accordi raggiunti – compresi quelli riguardanti l’Ucraina – potrebbero essere di grande importanza. Ciò non dovrebbe sorprendere troppo, dato che in passato il Western Club ha dato il meglio di sé in tempi di crisi, affrontando le grandi questioni del giorno.

READ  Italia: il PIL nel 2023 supera le aspettative, ma il deficit è più alto del previsto

È stato istituito nel 1975 sulla scia degli shock geopolitici ed economici quando Washington si ritirò dal gold standard. Ciò conferma che è adatto allo scopo in tempi turbolenti come quello odierno.

A quel tempo, il presidente degli Stati Uniti Richard Nixon si era dimesso e il pericolo di guerre valutarie era chiaro e imminente. Tuttavia, il G7 è entrato in scena, svolgendo un ruolo chiave nella gestione degli importantissimi tassi di cambio. Ha anche portato il Giappone nella comunità politica occidentale, e oggi è necessario un approccio altrettanto lungimirante per cercare di ottenere un maggiore allineamento con i leader del Sud del mondo.

L’ente ha quindi una lunga esperienza nella fornitura di servizi e probabilmente svolgerà anche adesso un ruolo importante. Ciò è particolarmente urgente data la paralisi che sta attraversando il G20 a causa delle divisioni tra Occidente, Russia, Cina e i loro alleati.

Nel frattempo, anche il recente vertice italiano potrebbe essere degno di nota poiché sarà probabilmente l’ultimo della presidenza Biden. I leader avevano in mente la remota possibilità che l’evento del prossimo anno vedesse il ritorno dell’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump.

Dal 2017 al 2021, la presenza di Trump ha scatenato le peggiori divisioni mai viste all’interno del G7. Ciò ha raggiunto il suo punto più basso nel 2018 in occasione del vertice canadese, che ha visto un fallimento senza precedenti nel raggiungere un accordo su una dichiarazione finale del vertice.

Questa chiara animosità personale tra Trump e gli altri leader ha creato un clima politico per divisioni politiche più ampie. Ad esempio, il primo giorno di quel vertice, Trump ha chiesto di consentire alla Russia di rientrare nel gruppo (il G8), come aveva fatto dal 1997 al 2013. Tuttavia, altri leader del G7 hanno respinto questa richiesta e hanno invece chiesto un “rapido e rapido intervento”. soluzione rapida” per la Russia. Una risposta unitaria al malevolo intervento internazionale di Mosca.

READ  L’inflazione è ormai un problema interno per la RBA

Ma il vertice italiano nel suo insieme è stato un momento decisivo per i leader occidentali per raddoppiare i loro sforzi nell’affrontare le principali questioni strategiche che il mondo si trova ad affrontare. In un momento in cui il G20 è diventato meno efficace, il G7 ha acquisito nuova importanza e ha maggiori potenzialità per definire ancora una volta l’agenda globale.

Andrew Hammond è membro della facoltà LSE IDEAS presso la London School of Economics.

Orsina Fiorentini
Orsina Fiorentini
"Fan zombi sottilmente affascinante. Fanatico della TV. Creatore devoto. Amico degli animali ovunque. Praticante del caffè."
Must Read
Related News