HomeEconomyIl FMI lancia l'allarme sul "contagio" dei capitali privati ​​nel settore delle...

Il FMI lancia l’allarme sul “contagio” dei capitali privati ​​nel settore delle assicurazioni sulla vita

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

Il Fondo monetario internazionale ha esortato le autorità di regolamentazione a reprimere i rischi di liquidità posti dagli assicuratori sulla vita legati a pool di capitale privato, avvertendo di un potenziale “contagio” al settore finanziario più ampio e all’economia reale a seguito di uno spostamento della proprietà nel settore.

Gruppi come Apollo, Blackstone, Carlyle e KKR si sono riversati nel settore assicurativo dopo la crisi finanziaria globale, con gli assicuratori sulla vita che si sono ritirati dalle attività ad alta intensità di capitale in un’era di tassi di interesse estremamente bassi. Entro la fine del 2021, quasi il 10% – 850 miliardi di dollari – degli asset del settore assicurativo sulla vita statunitense era posseduto o gestito da società di private equity, ha affermato il Fondo monetario internazionale.

Questo cambiamento significa un forte aumento delle attività illiquide detenute dalle compagnie assicurative e una rapida espansione delle operazioni offshore in giurisdizioni meno regolamentate come le Bermuda.

“Le autorità di vigilanza sono incoraggiate a lavorare a stretto contatto con le altre autorità responsabili del rischio sistemico per analizzare il potenziale contagio ad altre parti del sistema finanziario e dell’economia reale”, hanno scritto Fabio Cortes, Mohamed Diaby e Peter Windsor del FMI in un rapporto di prossima pubblicazione. A cura del Financial Times.

Secondo il Fondo monetario internazionale, oltre il 40% degli asset degli assicuratori statunitensi legati al private equity sono allocati in strategie illiquide, tra cui credito strutturato, prestiti subprime e titoli garantiti da ipoteca, rispetto al 30% di altri assicuratori statunitensi.

READ  L'alternativa di estrema destra per il partito tedesco sta diventando sempre più popolare e più estremo

Il Fondo monetario internazionale ha affermato che gli assicuratori sulla vita legati al private equity sarebbero “più vulnerabili” rispetto ai loro omologhi se si verificasse un aumento delle insolvenze e dei declassamenti del rating di credito a causa dei tassi di interesse più elevati. Hanno aggiunto che le valutazioni delle attività illiquide detenute dalle compagnie assicurative dovrebbero essere soggette a revisioni “intrusive” da parte delle autorità di regolamentazione.

Le autorità di regolamentazione sono diventate sempre più preoccupate per il rischio che il valore degli investimenti illiquidi delle compagnie assicurative diminuisca drasticamente, mentre gli alti tassi di interesse incoraggiano gli assicurati delle assicurazioni sulla vita a riscattare i propri soldi, il che prosciugherebbe la liquidità della compagnia ed esporrebbe a rischio i pagamenti dei membri.

I sostenitori dell’ingresso nel settore dei gruppi di capitale privato sostengono che questa visione dei rischi affrontati dal settore è superata e che questi gruppi sono ora per lo più gestori patrimoniali alternativi quotati in borsa, le cui strategie di investimento sono riuscite ad aumentare la solvibilità degli assicuratori nel settore. settore.

Tuttavia, le preoccupazioni delle autorità di regolamentazione sono state amplificate dal crollo all’inizio di quest’anno della compagnia di assicurazioni sulla vita italiana Eurovita, di proprietà di Cinfin, il gruppo di private equity con sede nel Regno Unito.

“[Regulators] “Sono preoccupati per la tempistica delle passività assicurative sulla vita che potrebbe durare 20 o 30 anni, mentre un gestore di private equity è alla ricerca di un orizzonte temporale molto più breve per i propri rendimenti”, ha affermato Andrew Crane di Autonomous Research.

I funzionari del FMI hanno anche messo in guardia sui rischi che gruppi di capitale privato creino società di riassicurazione offshore alle Bermuda.

READ  La Reserve Bank rivela la triste realtà che i costi dei mutui aumenteranno dopo l’aumento dei tassi di interesse

Le attività riassicurative alle Bermuda sono cresciute in modo significativo dal 2016 fino a raggiungere più di 1 trilione di dollari, poiché i gestori di private equity hanno cercato regole più flessibili e vantaggi fiscali. I gestori di capitale privato utilizzano le operazioni bermudiane per ripristinare le attività vitalizie e di rendita delle società che già possiedono e dei concorrenti.

Ciò limita la possibilità per i regolatori nazionali negli Stati Uniti e in Europa di controllare le loro attività.

Le autorità di regolamentazione temono che queste transazioni di riassicurazione infragruppo possano creare conflitti di interessi e concentrare i rischi in un modo che sarebbe meno probabile se la riassicurazione fosse gestita da una terza parte indipendente.

Il Fondo monetario internazionale chiede un unico standard di capitale coerente a livello globale per ridurre gli incentivi per l’arbitraggio normativo attraverso le compagnie assicurative che spostano le proprie attività in luoghi in cui le regole sono meno rigorose.

L’Autorità monetaria delle Bermuda ha affermato di aver condotto “una forte cooperazione transfrontaliera e uno scambio trasparente di informazioni” con altri organismi di regolamentazione. “L’Agenzia monetaria del Bahrein non approverà alcuna transazione [insurance company’s home] “Il regolatore non è supportato”, ha affermato la BMA.

Orsina Fiorentini
Orsina Fiorentini
"Fan zombi sottilmente affascinante. Fanatico della TV. Creatore devoto. Amico degli animali ovunque. Praticante del caffè."
Must Read
Related News