Il CJ Temo ad interim esaminerà l'oltraggio ai procedimenti giudiziari contro il giudice Puamau

Il CJ Temo ad interim esaminerà l'oltraggio ai procedimenti giudiziari contro il giudice Puamau

Il giudice capo ad interim Salesi Temo ascolterà l'oltraggio ai procedimenti giudiziari contro il giudice Seni Boamau per non aver seguito gli ordini dell'Alta Corte nel caso USP dell'ex primo ministro Voreke Bainimarama e del commissario di polizia sospeso Sitipheni Kiliho.

Il caso di oltraggio sarà trattato al termine del ricorso presentato dalla Procura della Repubblica contro la sentenza.

Il giudice capo ad interim Timo ha affermato che l'Alta Corte ha ritenuto Bainimarama e Kileo colpevoli delle accuse e li ha condannati di conseguenza.

Dice che il giudice avrebbe dovuto seguire quest'ordine, e alla fine del procedimento di appello, l'Alta Corte valuterà se continuare il procedimento per oltraggio alla corte contro il giudice Boamau per essersi rifiutato di seguire l'ordine dell'Alta Corte.

Il giudice capo ad interim Timo afferma che nei 15 anni in cui ha prestato servizio nei tribunali dei magistrati delle Fiji, nessun giudice ha detto pubblicamente o in giudizio quando l'Alta Corte ha ordinato l'annullamento delle loro decisioni, e hanno seguito la decisione dell'Alta Corte se lo volevano o no.

Dice che al giudice Puamau verrà concesso il diritto di un avvocato.

Dice che nelle Fiji esiste un sistema in cui il tribunale distrettuale ascolta l'Alta Corte, che gli piaccia o meno il ragionamento, e dopodiché le parti hanno il diritto di rivolgersi alla Corte d'Appello e da lì fino alla Corte Suprema.

Il giudice Timo dice che questo è il sistema che è stato testato.

Dice che ci sono varie opzioni a sua disposizione, tra cui l'avvio di un procedimento per oltraggio all'Alta Corte e il deferimento della questione alla polizia per essersi rifiutata di seguire l'ordine legale dell'Alta Corte ai sensi della Sezione 202 del Crimes Act.

READ  La Russia afferma che i droni ucraini hanno colpito la Crimea, Mosca e un deposito petrolifero

Dice che quando la Corte Suprema ordina a un giudice di fare determinate cose, deve seguirle.

Il giudice Timo afferma che le prove sono la sua sentenza e gli appunti della sua sentenza.

Dice che un'altra opzione a disposizione della Corte Suprema è che il Presidente raccomandi alla corte di rimuoverla dal banco per presunta cattiva condotta.

Il giudice Timo afferma che un'altra opzione è che il giudice istruttore si dimetta perché la sua condotta ha dimostrato la sua capacità di servire come giudice per essere messa in discussione.

Il vicedirettore ad interim del pubblico ministero Lesani Tabuakoro afferma che è incoraggiante vedere che gli ingranaggi della giustizia continuano a girare e che la corte ha notato segnali di allarme nella condotta di quel particolare giudice.

L'avvocato di Bainimarama e Kilio, Jules Fatima, afferma di non avere dichiarazioni da rilasciare in merito alla sentenza emessa dalla Corte distrettuale.

Il giudice capo ad interim Timo afferma che, per quanto lo riguarda, Bainimarama e Kileo sono stati giudicati colpevoli come accusato e, data la sentenza emessa dal giudice, questione considerata in appello, sono fuori luogo.

Tabuakoro ha anche chiesto che Bainimarama e Kileo fossero rinviati a giudizio poiché giudicati colpevoli dall'Alta Corte, tuttavia, il giudice capo ad interim Temu ha detto che i due si sono presentati in tribunale in tempo e non c'era motivo di rinviarli in custodia cautelare.

L'udienza d'appello si terrà il 2 maggio.

A Bainimarama è stata concessa la libertà assoluta nel caso dal giudice Seini Puamau mentre Qiliho è stata multata di 1.500 dollari e tale importo dovrà essere pagato entro 30 giorni e in caso contrario comporterà 30 giorni di prigione.

READ  Gabi Pettito: La polizia sta ricevendo suggerimenti sul fatto che Brian Laundry potrebbe nascondersi sulla Appalachian Road

Il giudice Boamau aveva annunciato che la loro condanna non sarebbe stata registrata.

John Rabuko, direttore ad interim del Pubblico Ministero, afferma che la sentenza emessa dal giudice Boamau è insoddisfacente, sbagliata in fatto e in diritto e non riflette le considerazioni e le definizioni di casi o questioni di natura simile.

Ha fornito quattro motivi di ricorso.

Ciò significa che la sentenza inflitta dal giudice contro Bainimarama e Kilio è chiaramente clemente e viola i principi di condanna, la giurisprudenza e le leggi tariffarie stabilite in altre questioni e crimini simili.

Dicono che il giudice Boamau abbia commesso un errore di diritto e di fatto quando è giunta alla conclusione che non esistevano aggravanti a carico di entrambi.

Il direttore ad interim del Pubblico Ministero sostiene che il giudice ha commesso un errore di diritto e di fatto nel considerare i fattori irrilevanti nella sentenza e che il giudice Boamau ha commesso un errore di diritto e di fatto quando è giunta alla conclusione che non vi era alcuna vittima e che il reato era una violazione tecnica da parte di Bainimarama e Kilio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto