SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Pazza punizione per l’assedio del Canale di Suez

Il proprietario dell’enorme nave da carico che ha chiuso il Canale di Suez – che ha quasi portato a un crollo economico globale – deve ora affrontare una punizione devastante.

La Ever Given Geffen, di proprietà giapponese e gestita da Taiwan, battente bandiera di Panama a Great Bitter Lake è stata trasferita nel canale dopo la sua liberazione il 29 marzo, e un totale di 420 navi sono state sgomberate all’inizio di aprile.

Sequestrata dalle autorità egiziane, non le sarà permesso di lasciare il paese fino a quando non verrà saldato un importo di risarcimento con l’armatore della nave, Shwe Kisen Keisha Ltd.

Il tenente generale Osama Rabie, capo dell’Autorità del Canale di Suez, ha detto che i proprietari “non vogliono pagare nulla” per i danni subiti.

Tuttavia, è chiaro che il governo sta chiedendo un risarcimento di almeno 900 milioni di dollari (1,17 miliardi di dollari).

Questa cifra tiene conto del piano di salvataggio, dei costi del traffico del canale parcheggiato e delle tasse di passaggio perse per la settimana in cui Ever Given ha chiuso il canale.

Rabei ha detto che l’Egitto ha subito “grandi danni morali” oltre ai costi finanziari del disastro.

La società di dati marini Lloyd’s List ha affermato che il blocco della nave, che è lungo più di quattro campi da calcio, ha portato a circa 9,6 miliardi di dollari di spedizioni ogni giorno tra l’Asia e l’Europa che sono rimaste bloccate.

L’Egitto ha anche perso fino a 15 milioni di dollari di entrate per ogni giorno in cui il corso d’acqua è stato chiuso, secondo l’Autorità del Canale.

READ  Il Gruppo dei Sette accetta di interrompere il finanziamento dei progetti sul carbone entro la fine del 2021

Choi Kesen ha detto ai media che Ever Geffen era stato sequestrato e che il canale aveva presentato una richiesta di risarcimento, ma ha detto che i negoziati erano in corso.

Ci stanno ancora parlando. “Quindi continueremo i negoziati sul risarcimento”, ha detto il portavoce dell’azienda Ryo Murakoshi. Il giornale di Wall Street.