HomeWorldPeter Frankopan, autore di Silk Roads, spiega perché i paesi asiatici sentono...

Peter Frankopan, autore di Silk Roads, spiega perché i paesi asiatici sentono che è giunto il loro momento e perché l’Occidente deve adattarsi

Frankopan sostiene che è difficile per gli storici riunire le persone quando i membri del Congresso degli Stati Uniti possono negare l'esistenza del cambiamento climatico, mentre l'istruzione non tiene il passo.

“Un po' di [scientific] Gli articoli fanno parte del programma di Oxford da 40 anni.

Chiedo: l'umanità non troverà una via d'uscita, spero?

“È una domanda difficile a cui rispondere per i biologi, non solo per gli storici. Nessun antenato umano ha vissuto ciò che stiamo vivendo noi. Quindi l'adattabilità e la velocità del cambiamento sono un vero problema.”

Per me, come storico, è interessante che Trump non dica “Rendete grande l’America”, ma “Rendete l’America di nuovo grande”.

È preoccupato per le minacce a breve termine come la guerra e le malattie. “Viviamo in un mondo fragile, caratterizzato da nuove tecnologie che consentono a molte cose brutte di accadere rapidamente. La storia è un po' come gli incidenti aerei, spesso si tratta di errori dei piloti. Decisioni sbagliate sotto pressione.”

Aggiunge che dal Covid-19 non abbiamo imparato la metà di quello che dovremmo.

Non diamo fastidio ai camerieri. Frankopan potrebbe essere uno di quei gentiluomini troppo sicuri di sé a Oxford, ma ammette che la sua esitazione pre-partita prima del prestigioso discorso post-pranzo di Gandhi all'Università del New South Wales non è qualcosa che soddisfa il suo appetito.

È stato introdotto il menu degustazione standard di otto portate di Luke Nguyen, con anche una selezione di vini. Mentre guardiamo il menu più semplice del bar, parla delle novità del calcio italiano con il nostro fotografo Flavio Brancaglione, come solo un uomo che ha giocato a cricket per la nazionale croata può fare.

Frankopan si è qualificato per la squadra perché suo padre, Luis Doemi de Frankopan, era croato. (Per inciso, afferma che la diaspora croato-australiana aiuta a far andare avanti cinque o sei squadre croate, aggiungendo che i wicket lì “non fanno così tanta rotazione, però”).

Sua madre, l'avvocato Ingrid Dieter, è svedese, ma lui è cresciuto in Inghilterra, dove ha frequentato l'Eton College e poi le università di Cambridge e Oxford.

Ha incontrato sua moglie Jessica, la figlia del barone britannico dei supermercati Sir Tim Sainsbury, quando erano entrambi a Cambridge. Hanno quattro figli: le gemelle Katarina e Flora di 22 anni, Francis di 20 anni e Luke di 17 anni. Oltre a supervisionare un fondo fiduciario multimilionario finanziato dalla famiglia di sua moglie, la coppia possiede hotel nelle Cotswolds, Londra, Amsterdam e Parigi.

Spiedini di pollo Banh Hoi con citronella e curcuma. Flavio Brancaglione

L'ascesa dell'Asia

Mentre le storie precise sul debito mondiale nei confronti della noce moscata, del merluzzo o dei cronometri marini si sono rivelate molto popolari, i due grandi libri su tela di Frankopan assomigliano a una serie di tessere di mosaico, dice.

“Quando ho scritto vie della seta, “C'erano praticamente 25 libri che potevano stare da soli… Dovevi pensare a mettere insieme i pezzi più grandi del puzzle.”

Ma è anche molto semplice. “Si inizia con le calorie e l'acqua. Si pensa agli ambienti igienico-sanitari e alle malattie, e il resto deriva da quello. Ma tendiamo a scrivere la storia dall'alto verso il basso, non gli esseri umani dal basso verso l'alto.”

READ  Joe Biden chiama Putin 'degno avversario', attacca Donald Trump, durante il vertice Nato

Lega anche i due libri insieme. La storia, dice, è ora guidata da “il pezzo più grande del monopolio”, i quattro miliardi di persone a est di Istanbul e le loro calorie, acqua e ricchezza.

Fa un gioco di domande con i suoi studenti. “Se potessi nascere in una famiglia a reddito medio, dove sceglieresti?” Gli Stati Uniti e l’Australia sono due opzioni decenti. L’Europa si è divertita, ma senza innovazione diventa più povera.

Ma nell’energia e nel dinamismo dell’Asia – che non è sempre equamente distribuito – c’è la sensazione che “questo sia il nostro momento”. Lo trovi ovunque.” Dieci anni fa, dice, gli hotel indiani erano pieni di turisti europei che chiedevano del Raj. Ora è pieno di indiani a medio reddito che vogliono ascoltare una storia diversa.

Ma il doppio shock del Rinascimento asiatico e i limiti dell’ambientalismo sono in rotta di collisione. Frankopan fornisce statistiche sulla prosperità dell'Asia e sulle tensioni che esistono al suo fianco.

Kuala Lumpur ha più grattacieli dell’Europa continentale, ma le tre regioni più colpite dal clima si trovano in Asia.

L’India consuma 100 volte più dati rispetto a cinque anni fa, ma l’anno scorso ha smesso di esportare riso. “Questo è un avvertimento sull'approvvigionamento alimentare”, dice.

Arriva il pranzo, piccolo ma perfettamente formato. Ha spiedini di pollo banh hui con citronella e curcuma. Ho una varietà di gnocchi che sono ben presentati ma sazianti.

Decidere di cosa scrivere, dice Frankopan, è “un po' come aprire il cassetto dei dolciumi preferito. Capire quale aprire dopo”. Flavio Brancaglione

La necessità di storici pragmatici

Non dovremmo essere più ottimisti? Ricordo a Frankopin la sua stessa frase: “La storia riguarda l’eliminazione delle mazze e poi gli altri le raccolgono”.

La terra girò Descrive la crisi della tarda antichità, i cambiamenti climatici indotti dai vulcani e le epidemie catastrofiche. Tuttavia, ne hanno beneficiato i più capaci di adattarsi: gli anglosassoni nell’Europa occidentale, gli slavi nei Balcani, i berberi nel Nord Africa e tutti i popoli rimasti al loro posto. Scrive che anche i cosiddetti collassi della civiltà sono ancora molto sottili. I nostri progressi tecnologici non faranno la differenza?

“È compito dello storico essere pratico piuttosto che ottimista o pessimista. Ma ciò che innovazione e tecnologia significano è l'espansione delle gerarchie, quelle capaci di modellare il mondo a propria immagine, nel bene e nel male. Le nuove tecnologie apportano benefici a coloro che che già li possiedono o investono in essi”.

L’intelligenza artificiale darà loro il controllo sulle informazioni, proprio come ha fatto la codificazione della Parola di Dio nelle società precedenti. “E non è finita bene.”

Frankopan non voleva scrivere di “1066 e tutto il resto” e ha scoperto che le epoche in cui l’Europa era emarginata contenevano “momenti che ti fermano sul tuo cammino”.

Chi sapeva che il cristianesimo primitivo si diffuse rapidamente a est e a ovest, con un arcivescovo a Kashgar, nella Cina occidentale, molto prima che ci fosse un arcivescovo a Canterbury?

READ  Guerra israeliana: l'esercito israeliano lancia un'operazione di terra a Gaza per distruggere il nemico sopra e sotto terra

Gli europei credevano che il Medioevo fosse incentrato sui cavalieri e sulla cavalleria, quando gli eserciti arabi decidevano il futuro del mondo medievale dopo aver sconfitto i Mongoli in Medio Oriente. Un tesoro di monete arabe risalenti al Medioevo nel Lancashire indica un enorme commercio di schiavi dall'Europa al mondo islamico gestito dai Rus vichinghi.

Come fa a tenere in testa tutte queste cose realistiche? “Questa è una bella domanda. È un po' come aprire il cassetto dei miei dolci preferiti. Capire quale dovrei mangiare dopo.”

Le statue possono cadere

Gli storici di Roma e di Bisanzio sembrano sorprendentemente rilassati nei confronti dei manifestanti che rovesciano le statue, perché quelle società abolivano abitualmente i governanti deposti in questo modo.

Ma dovremmo trascinare figure storiche nelle nostre battaglie sulla politica dell’identità e sulla “decolonizzazione” del presente? Dice che smembrare il Capitano Cook in ginocchio in realtà non cambia la storia.

“Penso che sia positivo che gli storici pongano domande diverse e migliori. Non è una minaccia, anche se può trasformarsi rapidamente in un segnale di virtù e le persone affermano che il loro punto di vista è più valido di altri. Le persone sono alla ricerca di modi per spiegare la loro politica convinzioni, e la storia è il punto di contatto in cui le fai entrare. Penso che rivisitare e riaprire alcune di quelle ferite sia forse una fase che tutti dobbiamo attraversare.

“Ora tutti si pongono domande sulla storia. Per me, come storico, è interessante che Trump non dica 'Rendete grande l'America', ma piuttosto 'Rendete grande l'America di nuovo'.

Putin ritiene che la Russia debba essere rimessa sul piedistallo su cui pensava fosse prima, ma lo stesso vale anche per Cina, India e Turchia.

“Vent'anni fa nessuno si poneva queste domande, mentre noi le facciamo adesso. Sono dolori di parto, un nuovo mondo di paesi asiatici che sentono che è arrivato il loro momento. È difficile adattarsi a questo tipo di cambiamenti”.

Il rapporto tra clima, disuguaglianza e oppressione

Dice che esiste una forte relazione statistica tra clima, disuguaglianza e persecuzione, con grafici storici che mostrano collegamenti tra temperature, carenza di cibo e attacchi agli ebrei.

“Quando i raccolti sono più brevi, c'è meno da fare e la gente cerca qualcuno da incolpare.”

Nel mondo sviluppato, l’immigrazione è legata ai problemi legati all’alloggio e al costo della vita, e gli indici di approvazione dei leader politici sono bassi.

Ma Frankopan sta iniziando a pensare anche alle principali democrazie asiatiche, dove il primo ministro indiano Narendra Modi appare incontestabile, e Propow Subianto sta vincendo pesantemente tra i giovani elettori alle elezioni presidenziali indonesiane. “Si tratta del fatto che le persone credono che domani sarà migliore di oggi.” Parlare del clima può renderci un po’ depressi e sulla difensiva… ma dimostra che possiamo anche fare meglio.

Come si sta adattando l’Occidente? Inizia a studiare questi luoghi, dice. L'ultimo indice della rappresentanza diplomatica del Lowy Institute mostra Cina, Giappone, Russia e persino Turchia in cima alla lista.

READ  L'accordo AUKUS lascia la Russia "preoccupata" che l'Australia avrà sottomarini a propulsione nucleare

“Si tratta di costruire relazioni, creare amicizie, portare le persone fuori a pranzo per parlare di come possiamo crescere insieme… Consideriamo la diplomazia un lusso.”

Come si inserisce l’Occidente in questo mondo? Non è così facile, dice, perché l'Asia e il Medio Oriente sono investitori esperti e diversificati nei paesi occidentali, e attori di interi paesi, che hanno dedicato più tempo a studiarli di noi. Come fa l’Occidente a costruire queste connessioni e anche a diversificarle? Frankopan ha partecipato alla revisione integrata della politica estera del governo britannico, che ha chiesto al paese post-Brexit “quali punti di forza abbiamo e cosa dovremmo aspettarci in cambio”. La stessa discussione dovrebbe svolgersi qui.

L’Occidente è ancora vincolato da alcuni presupposti interni di superiorità? No, dice, è molto aperto a nuove idee, “ma diamo ancora per scontato che le persone che sono nel processo di industrializzazione, con energia, verranno da noi… ed è così che appare un sistema imperiale, andare al centro .” Di forza.”

La sicurezza dipende dalla lotteria geologica

Ma la storia dell’“Asia possiede il futuro” si sta muovendo troppo velocemente? Il modello economico cinese soffre di procrastinazione. Il Medio Oriente è in forte espansione, ma questo potrebbe essere solo l’ultimo evviva per i combustibili fossili.

“Le decisioni importanti di oggi vengono prese a Riyadh, Delhi, Pechino, Giakarta e Manila. Le vere sfide e opportunità si presenteranno solo in Asia, dove si trovano più di 400 delle 500 città più inquinate del mondo.

La sicurezza a lungo termine dipende dalla lotteria geologica. Dice che la Cina imperiale ben governata era sconcertata dalle perdite subite nel XIX secolo a causa della piccola Gran Bretagna, che aveva carbone nei posti giusti.

“Ma gli inglesi colonizzarono la parte del mondo che non aveva petrolio, da qui il sacrificio degli australiani per fare pressione sugli ottomani affinché aprissero il Medio Oriente al petrolio per mantenere il motore acceso”.

Il mondo naturale modella gran parte di ciò che facciamo. “Ma tieni la ricchezza mineraria per te o la vendi a potenziali concorrenti e un giorno ti svegli e scopri che la Cina ha approfittato delle opportunità che abbiamo creato?”

L’America possiede quasi l’intera gamma di risorse naturali. Ma l’insicurezza dell’America significa che si sente costantemente sotto attacco. I paesi asiatici non sopportano di doversi schierare e si chiedono perché Washington fa così poco per unire le persone.

“C’è la sensazione che la Cina abbia cercato di stabilire un quadro che non sia occidentale ma consenta ad altri di trarne vantaggio”, afferma.

Concludiamo con un macchiato per lui e un Earl Grey per me. Siamo partiti guardando lo skyline di Sydney oltre i Giardini Botanici e ho pensato alla mia città Frankopan preferita, Merv in Turkmenistan, la più grande del mondo nel XII secolo. Non esiste più. C'è una ragione per cui alcuni storici sono più contenti quando non succede nulla, dice.

Conto

La Casa Botanica, 1 Lady Macquarie Road, Sydney

  • Pollo banh hui, $22
  • Gnocchi misti, $ 19
  • Macchiato, $ 5,50
  • Tè Earl Grey, $ 5
  • Totale $ 51,50
Italo D'Amore
Italo D'Amore
"Pioniere televisivo a misura di hipster. Risolutore di problemi. Introverso umile e irritante. Lettore. Studente. Esperto di pancetta sottilmente affascinante."
Must Read
Related News