SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Il Brasile supera le 400.000 morti per COVID-19 con lo scoppio della pandemia di coronavirus

Nell’aprile dello scorso anno, un operaio ha descritto un cimitero nel Brasile devastato dal virus Corona come il suo “incubo”. Avanti veloce di 12 mesi ed è molto peggio.

L’anno scorso, all’inizio dell’epidemia, Manuel Viana, che tende a seppellire i brasiliani al cimitero di Nossa Senhora Aparecida a Manaus, la capitale dello stato di Amazonas, ha descritto come avresti dovuto scavare fosse comuni per coloro che lo hanno fatto. Non sopravvivere alla prima ondata di Corona virus.

“Spero solo che arrivi un elicottero e mi faccia volare via da qui”, Lo disse all’epoca alla società di media senza scopo di lucro NPR con sede a Washington. “Stiamo vivendo in un incubo.”

Ha detto che l’uso di macchinari pesanti per scavare fosse comuni in grado di trasportare più bare era “l’unica opzione” perché era “umanamente impossibile” rimanere in cima al crescente numero di morti a mano.

Ora, 12 mesi dopo, le foto dal cimitero del signor Viana mostrano che le tombe vengono scavate nelle strade perché non ci sono più complotti per seppellire i morti.

Relazionato: Brasile, ospedale alternativo, uccide più giovani

Relazionato: “Apocalyptic”: Inside India’s COVID-19 incubo

È solo un segno della continua lotta del Brasile per affrontare la pandemia, poiché giovedì il bilancio delle vittime del paese ha superato i 400.000. È il secondo paese a raggiungere una fase oscura dopo gli Stati Uniti.

L’aumento del numero di casi sta spingendo il sistema sanitario sull’orlo del collasso

Il Ministero della Salute del Paese ha segnalato 3.001 morti per COVID-19 nelle ultime 24 ore, portando il numero totale di morti in Brasile a 401.186.

READ  La madre e il bambino che allatta muoiono dopo che il padre li nutre con veleno per topi

Con una popolazione di 212 milioni di abitanti, questo paese sudamericano ha anche uno dei più alti tassi di mortalità a causa della pandemia, con 189 morti ogni 100.000 abitanti, il peggiore nelle Americhe e uno dei 15 casi più alti al mondo.

Il Brasile è stato devastato dall’elevato numero di casi dall’inizio dell’anno che ha spinto gli ospedali sull’orlo del collasso in molte regioni.

Sebbene sembri aver superato il picco della nuova ondata, il numero di morti giornaliere è ancora incredibilmente alto, con una media di 2.526 al giorno nell’ultima settimana, appena dietro l’India.

Gli esperti attribuiscono in parte la colpa del recente aumento alla “variante brasiliana” del virus, una mutazione apparsa a Manaus o nei dintorni a dicembre.

Relazionato: Le foto dell’orrore mostrano il Brasile in ginocchio

La variante nota come P1 può reinfettare le persone che sono state infettate dal ceppo originale del virus e possono essere più contagiose.

“P1 ha avuto un effetto molto significativo. Non è stato fatto nulla per contenere la variabile quando si è verificato un picco di gennaio a Manaus. È solo questione di tempo prima che attraversi il Brasile”, ha detto l’epidemiologo Ethel Maasel dell’Università Federale di Espirito Santo.

P1 è ora commercializzato in 54 paesi, secondo l’Organizzazione mondiale della sanità, che lo classifica come una “variabile di preoccupazione”, insieme ai ceppi britannici e sudafricani.

La carenza di vaccini sta colpendo una nazione già in difficoltà

Nel frattempo, il Paese soffre di carenza di vaccini.

Circa 28 milioni di persone in Brasile hanno ricevuto una dose iniziale del vaccino COVID-19, poco più del 13% della popolazione. Ha ricevuto circa 12,7 milioni di secondi dosi.

READ  L'Iran descrive il blackout del sito di arricchimento dell'uranio a Natanz come "terrorismo nucleare"

Ma le città in 14 dei 27 stati del Brasile hanno dovuto sospendere le seconde dosi a causa di una carenza.

In una frazione della buona notizia, il primo milione di dosi del vaccino Pfizer dovevano arrivare giovedì sera, oltre alle due attuali varianti brasiliane, AstraZeneca e CoronaVac sviluppata in Cina.

Bolsonaro ha indagato sulla gestione della crisi sanitaria

Martedì, il Senato ha aperto un’indagine per accertare l’esistenza di negligenza criminale nella gestione della pandemia da parte del presidente Jair Bolsonaro.

Il presidente di estrema destra ha sottovalutato in modo controverso il virus, combattuto misure casalinghe per contenerlo e rifiutato varie offerte di vaccini, inclusi, inizialmente, i vaccini Pfizer.

Ma Bolsonaro ha rifiutato di accettare qualsiasi colpa per la crisi sanitaria del Paese, dicendo ai suoi sostenitori: “Non avevo torto su nulla”.

Il presidente sostiene che il danno economico derivante da misure come il blocco nazionale provocherebbe più sofferenza del virus stesso.

Ma il relatore della commissione si è impegnato a ritenere i responsabili responsabili della cattiva gestione della crisi.

I senatori indagheranno, tra le altre cose, su scene orribili come quella che si è svolta all’inizio di quest’anno a Manaus, dove dozzine di pazienti COVID-19 sono morti per mancanza di ossigeno.

Il senatore Renan Caliros ha dichiarato: “Lo stato ha il diritto di sapere chi ha contribuito alla morte di migliaia di persone e dovrebbe essere punito immediatamente”.

“Non esiste uno statuto di prescrizione per i crimini contro l’umanità … Lanceremo una crociata contro questo programma di morte”.

Con Agence France-Presse