HomeWorldI rivali politici in Francia stanno collaborando per impedire all’estrema destra di...

I rivali politici in Francia stanno collaborando per impedire all’estrema destra di vincere le elezioni parlamentari. Funzionerà?

I partiti di sinistra e di centro francesi hanno unito le forze per cercare di impedire all’estrema destra di ottenere la maggioranza dei seggi in parlamento nella tornata finale di votazioni di questa settimana.

E lunedì presto sapremo se ci sono riusciti o se il 28enne Jordan Bardella diventerà il prossimo primo ministro.

Questo è forse il peggior risultato immaginabile per il presidente Emmanuel Macron, che il mese scorso ha indetto elezioni anticipate a sorpresa, anni prima della scadenza.

Ecco la tua guida per comprendere le elezioni francesi e cosa potrebbe accadere dopo.

Chi sono i partiti?

Ci sono tre principali gruppi di partiti in competizione in queste elezioni.

In mezzo c’è il partito del presidente Macron, Rinascimento.

L’attuale primo ministro appartiene allo stesso partito ed è in carica solo da gennaio.

È a capo di un parlamento di minoranza che il governo trova sempre più difficile gestire.

All’estrema destra c’è Assemblea nazionaleo in francese, il Raduno Nazionale, abbreviato in infermiera.

Questo partito, precedentemente noto come Fronte Nazionale, è stato fondato dalla figura di estrema destra Jean-Marie Le Pen nel 1972.

Un poster di Jordan Bardella (a destra), che potrebbe diventare il prossimo Primo Ministro francese se il partito Raggruppamento Nazionale riuscisse a raggiungere la maggioranza. (Reuters: Christian Hartmann)

Ora sua figlia Marine Le Pen è alla guida del partito, che ha intrapreso un programma di “disintossicazione”, nel tentativo di rendere l’agenda di destra del partito più appetibile agli elettori e di allontanarlo dal suo passato razzista e antisemita.

Per questo motivo nel 2015 ha espulso suo padre dal partito.

READ  Una nuova nave cinese invaderà Taiwan con i droni

Il partito potrebbe ora essere sull’orlo di una svolta importante nella politica francese.

Il partito ha superato i voti nelle elezioni del Parlamento europeo del mese scorso, e ora spera di ripetere il suo successo nelle elezioni parlamentari locali indette dal presidente Macron la notte in cui sono stati annunciati i risultati europei.

Per combattere il Raggruppamento Nazionale nelle elezioni anticipate, i partiti di sinistra hanno formato un’ampia coalizione e hanno diviso i seggi in un gruppo chiamato Nuovo Fronte PopolareO Nuovo Fronte Popolare

Questa coalizione comprende candidati socialisti di centrosinistra.

Come è andato il primo turno di votazioni?

Nel primo turno di votazioni della scorsa settimana, il Raggruppamento Nazionale è arrivato al primo posto.

Hanno ricevuto quasi un terzo dei voti in tutto il paese.

Il blocco di sinistra ha ottenuto circa il 28,5%, mentre il partito di Macron è arrivato al terzo posto con circa il 21%.

Un sondaggio Ipsos ha mostrato che la disapprovazione del partito del presidente era maggiore tra gli elettori più giovani.

L’unica fascia di età ad arrivare al primo posto nel sondaggio Renaissance è stata quella degli over 70.

Tra i giovani elettori di età compresa tra i 18 e i 24 anni, la coalizione di sinistra ha ricevuto quasi la metà dei voti, mentre l’estrema destra ha ottenuto un terzo dei voti.

Questi numeri rappresentano i voti totali a livello nazionale, ma come in Australia, le elezioni saranno decise seggio per seggio.

Hanno già votato, perché ci sono due turni?

Il voto alle elezioni legislative francesi si svolge in due fasi, a distanza di una settimana l’una dall’altra.

READ  Spazio segreto a Seoul: un tunnel misterioso e vasto rivelato per la prima volta | Corea del Sud

Al primo turno, se l’affluenza alle urne è abbastanza alta e un candidato ottiene più della metà dei voti in una circoscrizione elettorale, la corsa finisce e il candidato entra in parlamento.

Ma se nessuno ottiene la maggioranza, i candidati che ricevono meno del 12,5% dei voti vengono eliminati e una settimana dopo si tiene un secondo turno di votazioni.

In queste elezioni la maggior parte dei seggi andrà al secondo turno.

La maggior parte dei ballottaggi sono solitamente gare tra due candidati.

Ma questa volta, poiché c’erano tre gruppi principali in competizione e tutti si sono comportati bene, tre candidati si sono qualificati per il secondo turno per centinaia di seggi, quello che i francesi chiamano un “triangolo”.

Una folla di persone che sventolano bandiere francesi e festeggiano

I sostenitori del partito Raggruppamento Nazionale festeggiano dopo il primo turno delle elezioni in Francia il 30 giugno. (Reuters: Yves Hermann)

Se le elezioni di questa settimana fossero una ripetizione delle elezioni della scorsa settimana, probabilmente vincerebbe l’estrema destra.

Il Rally Nazionale si è classificato al primo posto con 296 posti, contro i 221 primi posti degli altri due gruppi principali.

Se tutti questi candidati restassero in corsa, ciò si dividerebbe nei voti non assegnati al Partito del Raduno Nazionale, il che potrebbe consentire al partito di ottenere la maggioranza in Parlamento.

Invece, il Nuovo Fronte Popolare e Ennahdha si sono uniti per cercare di impedirlo, formando un’ampia coalizione politica unita nell’opposizione.

Più di 210 candidati che avevano concluso al terzo posto si sono ritirati, per mettere insieme i voti tra un candidato che non era dell’estrema destra.

Uno degli alleati di Macron ha detto ai media francesi che la mossa era… ‘senza pensare’.

READ  Due genitori uccisi in un incidente in moto, lasciando orfane cinque ragazze

cosa è successo dopo?

Le elezioni si terranno domenica in Francia, e lunedì, ora australiana, avremo un’idea di come stanno andando i partiti.

Una volta determinata la composizione del Parlamento, Macron dovrà invitare uno dei partiti a formare il governo.

Ci sono ottime probabilità che il prossimo primo ministro non provenga dal partito di Macron, e nei prossimi anni si vedranno accordi di condivisione del potere, conosciuti in Francia come “coesistenza”.

Ciò che è più ambiguo è se il primo ministro sarà il candidato del Rassemblement National, Jordan Bardella, o un candidato della sinistra.

Se il 28enne Bardella diventasse primo ministro, ciò segnerebbe un cambiamento fondamentale nella politica francese nella storia del dopoguerra.

Ciò rappresenterebbe anche il più grande potenziale ritorno di fiamma per la scommessa politica di Macron, e renderebbe i suoi ultimi anni al potere (a causa dei limiti di mandato non gli è permesso di servire un altro mandato dopo il 2027) molto difficili, lasciando la politica francese in uno stato di stallo.

Ciò ovviamente presuppone che il prossimo parlamento francese sia fattibile e che non ci sia bisogno di ripetere la stessa cosa in breve tempo.

Italo D'Amore
Italo D'Amore
"Pioniere televisivo a misura di hipster. Risolutore di problemi. Introverso umile e irritante. Lettore. Studente. Esperto di pancetta sottilmente affascinante."
Must Read
Related News