HomescienceI cavalli d'élite importati furono probabilmente sepolti nel cimitero di Westminster durante...

I cavalli d'élite importati furono probabilmente sepolti nel cimitero di Westminster durante il periodo dei Tudor

L’analisi archeologica di un cimitero di animali unico scoperto a Londra quasi 30 anni fa ha rivelato la scala internazionale del commercio di cavalli da parte delle élite nel tardo medioevo e nell’Inghilterra dei Tudor.

Utilizzando tecniche avanzate di scienza archeologica, compreso lo studio della composizione chimica, i ricercatori sono stati in grado di determinare fisicamente le possibili origini di molti cavalli d'élite e i percorsi che hanno intrapreso per raggiungere le coste britanniche durante gli anni formativi della loro vita.

Questi animali, simili alle moderne supercar, furono ottenuti da una varietà di luoghi in tutta Europa appositamente per la loro lunghezza e forza e furono importati per essere utilizzati nei tornei di giostre e come simboli di vita tra il XIV e il XVI secolo. Includono tre degli animali più alti conosciuti dell'Inghilterra del tardo medioevo, raggiungendo un'altezza di 1,6 metri o 15,3 mani, che sebbene molto piccola per gli standard moderni sarebbe stata molto impressionante per l'epoca.

Gli scheletri dei cavalli sono stati recuperati in un sito sotto la moderna Elverton Street nella City of Westminster, che era stato scavato prima dei lavori di costruzione negli anni '90. Nel Medioevo, il cimitero si trovava fuori dalle mura della città di Londra, ma era vicino al complesso del Palazzo Reale di Westminster.

La ricerca, condotta dall'Università di Exeter e finanziata dall'Arts and Humanities Research Council, è stata pubblicata nell'ultimo numero della rivista Science Advances.

Una fossa sepolcrale di cavalli in fase di scavo in Elverton Street, Londra. Credito immagine: ©MOLA.

“Le tracce chimiche che abbiamo misurato nei denti di un cavallo sono molto distinte e molto diverse da qualsiasi cosa ci aspetteremmo di vedere in un cavallo allevato nel Regno Unito”, ha detto. Dottor Alex Pryor, docente senior di archeologia e ricercatore principale. “Questi risultati forniscono prove dirette e senza precedenti di una varietà di movimenti di cavalli e di pratiche commerciali nel Medioevo. I rappresentanti del re e di altre élite londinesi medievali perlustrarono i mercati del commercio di cavalli in tutta Europa alla ricerca e riportarono i cavalli della migliore qualità che potevano trovare. .” a Londra. “È molto probabile che i cavalli siano stati cavalcati nelle gare di giostre che sappiamo si tenevano a Westminster, vicino a dove furono sepolti i cavalli.”

READ  Nuove conoscenze sul meccanismo molecolare della degradazione delle proteine

Nel primo esperimento di questo tipo eseguito sui resti di un cavallo medievale, i ricercatori hanno prelevato 22 molari da 15 singoli animali e hanno perforato sezioni di smalto per l'analisi isotopica. Misurando i rapporti isotopici degli elementi stronzio, ossigeno e carbonio presenti nei denti e confrontando i risultati con intervalli noti in diverse regioni geografiche, il team è stato in grado di individuare la probabile origine di ciascun cavallo ed escludere attentamente altri, incluso il Primate europeo. – Centri di allevamento come Spagna e Italia meridionale.

Il dottor Pryor ha affermato che almeno la metà dei cavalli aveva origini internazionali diverse, forse dalla Scandinavia, dalle Alpi e da altre località dell’Europa settentrionale e orientale. I ricercatori hanno concluso che i risultati erano coerenti con i modelli di allevamento negli allevamenti reali, dove i cavalli risiedono fino al secondo o terzo anno, prima di essere domati, addestrati o inviati altrove per essere venduti.

L'analisi fisica dei denti ha rivelato un'usura suggestiva di un uso estensivo del morso, spesso utilizzato su animali d'élite, in particolare quelli addestrati per la guerra e i tornei dopo il XIV secolo. L'usura sui pezzi di due cavalle indica anche che venivano usate sotto la sella o con i finimenti e per la riproduzione. L'analisi degli scheletri ha rivelato che molti erano molto più grandi della dimensione media, con numerosi casi di vertebre toraciche inferiori e lombari fuse che indicavano una vita di equitazione e duro lavoro.

Ha aggiunto: “I migliori cavalli del Medioevo erano come le moderne supercar, veicoli costosi e finemente messi a punto che pubblicizzavano lo status del loro proprietario”. Il professor Oliver Creighton, specialista del Medioevo presso l'Università di Exeter e parte del gruppo di ricerca. “E a Elverton Street, il nostro gruppo di ricerca sembra aver trovato prove di cavalli utilizzati nelle giostre – lo sport dei re, in cui i cavalieri dimostravano le loro abilità di combattimento e di equitazione su cavalli d’élite.

READ  Gli scienziati trovano il fossile di un ragno dinosauro "gigante" in Australia

“Le nuove scoperte forniscono una firma archeologica tangibile di questo commercio, sottolineandone la portata internazionale. L'élite medievale di Londra stava chiaramente prendendo di mira i cavalli di altissima qualità che potevano trovare a livello europeo.”

/Liberazione generale. Questo materiale dell'organizzazione/degli autori originali può essere di natura cronologica ed è modificato per motivi di chiarezza, stile e lunghezza. Mirage.News non assume posizioni aziendali o partiti e tutte le opinioni, posizioni e conclusioni qui espresse sono esclusivamente quelle dell'autore(i). Visualizza integralmente qui.

Orsina Fiorentini
Orsina Fiorentini
"Fan zombi sottilmente affascinante. Fanatico della TV. Creatore devoto. Amico degli animali ovunque. Praticante del caffè."
Must Read
Related News