Gli Stati Uniti prendono di mira i missili antinave Houthi in un nuovo attacco allo Yemen

Gli attacchi e le ritorsioni occidentali hanno scosso i mercati, dirottato le spedizioni internazionali e costretto le principali compagnie petrolifere a interrompere l’invio delle loro spedizioni attraverso il Mar Rosso attraverso il vitale Canale di Suez.

Gli attentati, che hanno suscitato la preoccupazione delle maggiori potenze, rappresentano un'escalation della guerra che Israele conduce da più di tre mesi contro il Movimento di Resistenza Islamica Palestinese (Hamas) a Gaza. Gli Houthi, che affermano di agire in solidarietà con i palestinesi, hanno promesso di rispondere con forza alle misure di ritorsione occidentali contro di loro e di continuare a prendere di mira le navi.

Un dirigente dei porti e della compagnia di navigazione di DP World ha affermato che le interruzioni delle spedizioni nel Mar Rosso porteranno a prezzi più alti per i beni di consumo in particolare in Europa, con un maggiore impatto sul commercio.

Il protrarsi degli attacchi ha portato ad un aumento dei costi assicurativi per le navi che attraversano la regione. Bloomberg

Due capi di gruppi bancari internazionali che hanno partecipato al World Economic Forum di Davos hanno dichiarato in privato di essere preoccupati che la crisi possa causare pressioni inflazionistiche che potrebbero eventualmente ritardare o invertire i tagli dei tassi di interesse e mettere a repentaglio le speranze di un atterraggio economico morbido negli Stati Uniti.

Yuvraj Narayan, direttore finanziario di DP World, ha affermato di aspettarsi che le interruzioni avranno un impatto sulle importazioni europee. “Il costo delle merci che arrivano in Europa dall'Asia sarà molto più alto”, ha detto Narayan a Reuters a Davos.

Il direttore finanziario dell’azienda logistica con sede a Dubai ha aggiunto: “I consumatori europei sentiranno il dolore… Colpirà più le economie sviluppate che quelle in via di sviluppo”.

READ  Biden spiega che gli Stati Uniti forniranno all'India gli ingredienti per il vaccino contro il coronavirus di cui hanno tanto bisogno e le forniture mediche

I recenti attacchi degli Houthi hanno spinto un numero maggiore di navi mercantili a evitare la principale rotta marittima attraverso il Mar Rosso, effettuando invece il viaggio più lungo tra Asia ed Europa attraverso il Capo di Buona Speranza e ritardando la consegna delle spedizioni alle aziende.

In Spagna, quattro stabilimenti di proprietà del produttore francese di pneumatici Michelin prevedono di interrompere nuovamente la produzione alla fine di questa settimana, un altro segno dell’impatto dei ritardi nella consegna delle materie prime.

L'unico stabilimento europeo della casa automobilistica giapponese Suzuki Motor Co., situato in Ungheria, ha dichiarato lunedì che sospenderà la produzione a causa di interruzioni della fornitura. Ciò segue annunci simili provenienti dalla fabbrica Tesla Model Y vicino a Berlino e dallo stabilimento Volvo in Belgio.

Con l’intensificarsi delle interruzioni commerciali, si prevede che l’amministrazione Biden annuncerà presto piani per designare i ribelli Houthi come terroristi globali, secondo quanto riportato dai media statunitensi.

La designazione fa seguito agli attacchi statunitensi di martedì e all’ondata iniziale di attacchi nello Yemen da parte della coalizione guidata dagli Stati Uniti su obiettivi multipli la scorsa settimana. La mossa è arrivata dopo che le forze ribelli yemenite hanno sfidato un ultimatum per fermare i loro attacchi alle navi che navigavano nel Mar Rosso. Gli attacchi, effettuati dalle forze americane e britanniche, sono sostenuti da Australia, Bahrein, Canada e Paesi Bassi.

Una società di sicurezza e due fonti del Ministero della Navigazione greco hanno dichiarato martedì che una nave cisterna di proprietà greca battente bandiera maltese è stata l'ultimo obiettivo ad essere colpita da un missile mentre si dirigeva a nord nel Mar Rosso, a nord-ovest del porto yemenita. di Saleef.

READ  Il principe Harry è stato condannato a pagare le spese legali del Ministero degli Interni dopo aver perso molto davanti all'Alta Corte in una battaglia sulla sicurezza finanziata dai contribuenti

Il portavoce militare del gruppo, Yahya Saree, ha affermato che gli Houthi hanno effettuato l'attacco alla nave “Zografiya” utilizzando missili navali, che hanno provocato un “colpo diretto”.

Una fonte greca ha detto che la Zophia stava navigando dal Vietnam verso Israele con un equipaggio di 24 persone a bordo ed era vuota di carico quando è stata attaccata. La fonte ha aggiunto: “Non ci sono state vittime, solo danni materiali”. Stava ancora navigando ma probabilmente avrebbe cambiato rotta per i controlli di sicurezza.

A conferma delle preoccupazioni, la compagnia di navigazione giapponese Nippon Yusen, conosciuta anche come NYK Line, ha ordinato alle sue navi che navigano vicino al Mar Rosso di attendere in acque sicure e sta valutando la possibilità di cambiare rotta, ha detto un portavoce della compagnia.

Ocean Network Express, una joint venture tra la giapponese Kawasaki Kisen Kaisha, Mitsui OSK Lines e Nippon Yusen, ha dichiarato il mese scorso che reindirizzerà le navi o interromperà temporaneamente i viaggi e si sposterà in aree sicure.

Tuttavia, il gigante marittimo Maersk ha inviato due navi portacontainer attraverso il Mar Rosso trasportando merci per l’esercito e il governo degli Stati Uniti.

Circa il 12% del traffico marittimo globale passa attraverso il Canale di Suez attraverso il Mar Rosso.

Bloomberg e Reuters

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto