SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

47 persone sono risultate positive dopo il volo

Un nuovo triste record è caduto più di un anno dopo che la pandemia di coronavirus ha iniziato a diffondersi con il maggior numero di passeggeri in un volo che è risultato positivo.

La compagnia aerea indiana Vistara ha stabilito un nuovo record dopo che 47 dei 188 passeggeri a bordo di un volo da Delhi a Hong Kong sono risultati positivi.

La compagnia aerea indiana Vistara ha inviato il volo 6395 con un volo di cinque ore il 4 aprile ed è fiduciosa del volo dopo che tutti i passeggeri a bordo sono risultati negativi al virus entro 72 ore prima del volo.

Ma dopo l’arrivo a Hong Kong, dove tutti i passeggeri dall’estero sono tenuti a entrare in quarantena obbligatoria in hotel, i casi sono esplosi.

Sei passeggeri sono risultati positivi all’arrivo a Hong Kong, ma ce ne saranno di più. Ci sono stati 25 casi relativi al volo entro la fine della prima settimana e i risultati di 22 passeggeri sono risultati positivi al virus quasi due settimane dopo il loro arrivo.

Hindustan Times Lo segnala Dopo che il virus si è diffuso tra i passeggeriHong Kong ha sospeso tutti i voli che la collegano con l’India.

Fonti riferiscono al quotidiano che Hong Kong “ha sospeso per due settimane anche i voli da e per il Pakistan e le Filippine”.

Un portavoce di Vistara ha dichiarato: “Tutte le istruzioni impartite dalle autorità indiane e dalle autorità dei paesi di destinazione per tutti i voli” sono state rispettate, “compresi tutti i voli charter da e per Hong Kong”.

Sul sito web della compagnia aerea, i passeggeri vengono nuovamente accolti, ma avverte: “Sebbene prendiamo tutte le precauzioni necessarie, è imperativo che anche i nostri passeggeri seguano ampie precauzioni personali e misure di sicurezza per garantire che tutti noi facciamo la nostra parte per essere al sicuro e far sentire al sicuro il volo. ancora.”

READ  I pantaloni di Donald Trump erano capovolti durante il discorso?

La situazione in India continua a peggiorare.

Lunedì, il governo ha aperto una campagna di vaccinazione contro COVID-19 a tutti gli adulti a partire da maggio, mentre il vasto paese combatte un record di infezioni che ha costretto la capitale a chiudere per una settimana.

Il blocco incombente ha suscitato scalpore in una delle principali stazioni degli autobus di Nuova Delhi, poiché decine di migliaia di lavoratori migranti tentano di sfuggire alle restrizioni, suscitando timori che il virus possa diffondersi nelle loro città rurali.

L’India, che attualmente limita le iniezioni a persone di età superiore ai 45 anni, ha iniziato la sua campagna di vaccinazioni a metà gennaio e finora ha condotto oltre 123 milioni di iniezioni.

Ma gli esperti hanno chiesto un’attuazione più rapida per combattere l’aumento, che ha esercitato un’enorme pressione sul sistema sanitario nel vasto paese già sopraffatto.

Poiché gli aumenti giornalieri del numero di casi sono scesi a meno di 9.000 a febbraio, i numeri sono aumentati notevolmente, con un nuovo record di 273.810 contagi lunedì che porta il totale a 15,06 milioni, secondi solo agli Stati Uniti.

News.com.au ha riferito la scorsa settimana Più di un milione di casi sono stati registrati in una settimana ad aprile, quando il bilancio delle vittime giornaliere in India ha superato 1.000 per la prima volta da metà ottobre.

Questo avviene in un momento in cui centinaia di persone sono risultate positive al test nel luogo della più grande cerimonia religiosa del mondo.

I funzionari hanno detto che il virus è stato rilevato in più di 1.000 persone in sole 48 ore nella città di Haridwar, che si trova lungo il fiume sacro dove si celebra il festival Kumbh Mela.

READ  Il Senato degli Stati Uniti vota per vietare i prodotti dallo Xinjiang cinese per le violazioni degli uiguri | uiguro

Gli esperti incolpano gli eventi religiosi di massa e le manifestazioni politiche negli stati senza diritto di voto e negli spazi pubblici affollati.

Mercoledì scorso, il governo ha rinviato gli esami di scuola superiore per i ragazzi dai 15 ai 18 anni, che dovevano svolgersi a maggio e giugno, in mezzo alla recrudescenza del virus.

– Con Agence France-Presse