SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Gli astronomi hanno scoperto per primi chiaramente i dischi che compongono la Luna attorno ai pianeti esterni

Questa immagine è stata scattata utilizzando l’Atacama Large Millimeter/submillimeter Wave Array (ALMA) con cui condivide l’ESO, che mostra i dischi larghi (a sinistra) e vicini (a destra) che formano la luna che circondano il piccolo Jupiter PDS 70c. Viene visualizzato il display. Come un pianeta a circa 400 anni luce di distanza. La vista ingrandita mostra la parte anteriore centrale del PDS 70c e il disco circostante, con un grande disco simile a un disco che occupa la maggior parte del lato destro dell’immagine. La stella PDS70 si trova al centro dell’immagine panoramica a sinistra. Nel sistema si trovano due pianeti, PDS70c e PDS70b, quest’ultimo non mostrato in questa immagine. Hanno divorato la materia dal disco che circondava la stella stessa e hanno scavato cavità nel disco che circondava la stella mentre cresceva di dimensioni. Nel processo, PDS 70c ha acquisito il proprio disco planetario. Ciò contribuisce alla crescita del pianeta e alla formazione della luna. Questo disco planetario è grande quanto la distanza tra il Sole e la Terra e ha una massa sufficiente per formare fino a tre satelliti delle dimensioni della luna. Credito: ALMA (ESO/NAOJ/NRAO) / Benisty et al.

Utilizzando l’Atacama Large Millimeter/ Submillimeter Array (ALMA), in collaborazione con l’Osservatorio europeo meridionale (ESO), gli astronomi hanno, per la prima volta, rilevato chiaramente dischi attorno a pianeti al di fuori del sistema solare. Le osservazioni faranno luce su come la luna e i pianeti si siano formati nei giovani sistemi stellari.

“Il nostro lavoro è disco Myriam Beneste, ricercatrice presso l’Università di Grenoble e l’Università del Cile in Francia, ha condotto un nuovo studio annunciato oggi. Messaggio del giornale astrofisico“Le nostre osservazioni ALMA sono state effettuate con una precisione così notevole che possiamo determinare che il disco è associato a un pianeta e determinarne le dimensioni per la prima volta”, aggiunge.

READ  Test finali del telescopio spaziale Webb della NASA, in preparazione per il lancio

Il disco in questione, chiamato disco planetario, circonda l’esopianeta PDS70c, uno dei due oggetti giganti simili a Giove. pianeta Orbita intorno a una stella a circa 400 anni luce di distanza Suggerimenti trovati In precedenza, c’era un disco “formante la luna” attorno a questo esopianeta, ma finora la sua scoperta non può essere confermata perché il disco è chiaramente indistinguibile dall’ambiente circostante.

Inoltre, con l’aiuto di ALMA, Benisti e il suo team hanno una massa sufficiente perché il disco abbia lo stesso diametro della distanza dal Sole alla Terra e per formare fino a tre satelliti delle dimensioni della Luna. L’ho trovato lì.

Ma i risultati non sono solo una chiave per capire come creare i satelliti. “Queste nuove osservazioni sono anche molto importanti per dimostrare una teoria della formazione planetaria che non poteva essere testata prima”, ha affermato il ricercatore e autore dell’Earth and Planetary Institute presso il Carnegie Institution for Science negli Stati Uniti. Jean B ha detto:

I pianeti si formano in un disco polveroso attorno a una giovane stella, aprendo le cavità dove divora la materia e cresce. Nel processo, il pianeta può ottenere il proprio disco planetario. Contribuisce alla crescita del pianeta regolando la quantità di materia che cade su di esso. Allo stesso tempo, gas e polvere nel disco planetario possono diventare corpi più grandi a causa di molteplici collisioni, dando infine vita a satelliti.

Tuttavia, gli astronomi non hanno ancora compreso appieno i dettagli di questi processi. “In breve, non è chiaro quando, dove e come si formano pianeti e satelliti”, spiega Stefano Faccini, un ricercatore dell’ESO che è anche coinvolto nella ricerca.

READ  Le cifre mostrano che le comunità indigene sono in ritardo nel rilascio del vaccino nel NSW | aborigeni australiani

“Finora sono stati scoperti più di 4.000 esopianeti, tutti scoperti in sistemi maturi. PDS70b e PDS70c, che formano un sistema che ricorda la coppia di Giove e Saturno, finora. Solo due esopianeti sono stati scoperti nel processo di formazione”, spiega. Miriam Kepler, ricercatrice e coautrice di studi presso il Max Planck Institute for Astronomy in Germania.

“Pertanto, questo sistema ci offre un’opportunità unica per osservare e studiare il processo di formazione di pianeti e satelliti”, aggiunge Faccini.

I pianeti costituenti il ​​sistema, PDS70b e PDS70c, sono stati scoperti per la prima volta utilizzando il Very Large Telescope (VLT) dell’ESO, rispettivamente nel 2018 e nel 2019. La sua natura unica significa che è stato osservato molte volte con telescopi e altri strumenti da allora.

Le ultime osservazioni ad alta risoluzione di ALMA offrono agli astronomi maggiori informazioni sul sistema. Oltre a confermare la scoperta del disco circumplanetario intorno al PDS 70c e ad esaminarne le dimensioni e la massa, il PDS 70b non ha mostrato alcuna chiara evidenza di un tale disco e il PDS 70c manca di materiale polveroso dal suo ambiente natale. indica che lo sei. ..

Una comprensione più profonda del sistema planetario è stata raggiunta con il Very Large Telescope (ELT) dell’ESO attualmente in costruzione nel deserto di Atacama, il deserto di Atacama in Cile. “ELT sarà la chiave di questo studio perché può mappare il sistema in modo molto dettagliato e con una risoluzione molto più alta”, ha affermato il coautore Richard Teague, ricercatore presso il Center for Astrophysics. Harvard e Smithsonian, Stati Uniti. In particolare, lo strumento ELT Imaging and Infrared Spectroscopy (METIS) consentirà ai team di studiare il movimento del gas che circonda il PDS 70c e ottenere un’immagine 3D completa del sistema.

READ  La Cina prevede di lanciare la sua prima missione con equipaggio su Marte nel 2033

Questo studio è stato pubblicato in una tesi intitolata “Disco periferico su PDS70c”. Messaggio del giornale astrofisico..


Disco di formazione della luna trovato intorno a un pianeta lontano


per maggiori informazioni:
“Disco planetario attorno al PDS70c” Messaggio del giornale astrofisico (2021). iopscience.iop.org/article/10. …847/2041-8213/ac0f83

Citazione: Gli astronomi sono pianeti extrasolari Ottenuto da https://phys.org/news/2021-07-astronomers-moon-forming-disc-exoplanet il 22 luglio 2021 (22 luglio 2021). Il disco che forma la luna intorno ad esso è stato rivelato chiaramente per la prima volta. linguaggio di programmazione

Questo documento è soggetto a copyright. Nessuna parte può essere riprodotta senza autorizzazione scritta, tranne che per leali trattazioni per indagini personali o scopi di ricerca. Il contenuto è fornito solo a scopo informativo.

collegamento alla fonte Gli astronomi hanno scoperto per primi chiaramente i dischi che compongono la Luna attorno ai pianeti esterni