L'app per smartphone rileva accuratamente la degenerazione lobare frontotemporale

Adamo M. Stafarone, Ph.D

Credito: Centro per la memoria e l'invecchiamento presso l'UCLA Weill Neuroscience Institute

Un nuovo studio ha scoperto che i test sugli smartphone rilevano accuratamente la demenza e sono più abili nell’identificare le fasi iniziali della degenerazione lobare frontotemporale familiare (FTLD) rispetto ai test neuropsicologici standard.1 Pertanto, l’app può rilevare la demenza frontofrontale nei portatori del gene prima che compaiano i sintomi.

“Questo è il primo studio, a nostra conoscenza, che fornisce un supporto simile per l'affidabilità e la validità dei test cognitivi remoti tramite smartphone nella FTLD e prove preliminari che questo approccio migliora la diagnosi precoce rispetto alle tradizionali misurazioni di persona”, i ricercatori che hanno guidato ha scritto lo studio. Scritto da Adam M. Stafarone, Ph.D., del Centro per la memoria e l'invecchiamento presso il Weill Neuroscience Institute dell'Università della California, San Francisco.

La degenerazione lobare frontotemporale, caratterizzata da compromissione del comportamento, della cognizione, del linguaggio e delle prestazioni motorie, è la forma più comune di demenza negli individui di età inferiore ai 60 anni.

Questo disturbo ha 3 varianti principali, 1 causa drastici cambiamenti della personalità che possono manifestarsi come mancanza di empatia, apatia, impulsività, alimentazione compulsiva e comportamento socialmente e sessualmente inappropriato. Un'altra variabile influenza il movimento e una terza influenza la parola, il linguaggio e la comprensione.2 A volte la demenza frontotemporale può stimolare la creatività visiva, ma solo in rari casi.

“Alla maggior parte dei pazienti con FTD viene diagnosticata la malattia relativamente tardi perché sono giovani e i loro sintomi vengono scambiati per disturbi psichiatrici”, ha affermato il ricercatore senior Adam Boxer, MD, PhD, del Dipartimento di Neurologia dell'Università della California, San Francisco. in un comunicato stampa… “Abbiamo sentito da famiglie che spesso sospettano che la persona amata abbia una demenza frontotemporale molto prima che un medico sia d'accordo con quella diagnosi.”

READ  L'attività fisica può ridurre gli effetti dello stress e della fatica tra gli operatori sanitari

Tuttavia, poiché questo tipo di degenerazione è relativamente raro, molti test neuropsicologici standard non sono efficaci nel rilevare la malattia in una fase precoce.1

Ci sono molti ostacoli alla conduzione di studi FTLD dato che i costosi disturbi comportamentali e motori possono rendere un onere le frequenti visite di prova di persona. Data la rarità della malattia, è necessario un reclutamento globale per creare un campione più ampio.

Nella speranza di rimuovere le barriere ed eliminare le visite di persona, uno studio ha valutato la capacità di un’app per smartphone di individuare la FTLD. I ricercatori hanno cercato di valutare l'affidabilità e la validità delle misure cognitive in un'applicazione per smartphone.

I partecipanti sono stati arruolati attraverso 18 centri del consorzio di ricerca FTLD nordamericano. Il team ha cercato risultati chiave in termini di coerenza interna, affidabilità test-retest, correlazione dei test sugli smartphone con misure cliniche standard e accuratezza diagnostica.

Lo studio ha incluso 360 partecipanti di età ≥18 anni (età media: 54 anni; 58,1% donne) divisi in due gruppi: scoperta (n = 258) e convalida (n = 102). Dei 329 partecipanti con dati disponibili sullo stadio della malattia, il 59,3% era asintomatico o aveva una FTLD preclinica, il 20,1% aveva una FTLD prodromica e il 20,7% una FTLD sintomatica. Hanno anche studiato l’app in individui anziani senza compromissione funzionale, reclutati dalla UCSF Brain Aging Network for Cognitive Health.

Dal 10 gennaio 2019 al 31 luglio 2023, i partecipanti hanno eseguito attività di funzionamento esecutivo basate su app per smartphone e un compito di memoria associativa 3 volte in un periodo di 2 settimane. L'app, ALLFTD-mApp, include attività cognitive, motorie e linguistiche, oltre a 6 test cognitivi sviluppati da Datacubed Health.

READ  Esperimento della doppia fenditura di Young con radiazione a vortice ondulato in un regime di conteggio dei fotoni

“Abbiamo sviluppato la capacità di registrare il parlato mentre i partecipanti interagiscono con diversi test diversi”, ha affermato Stafarone nel comunicato stampa.2 “Abbiamo anche creato test per la deambulazione, l’equilibrio e i movimenti lenti, nonché diversi aspetti del linguaggio”.

Il team ha scoperto che la validità dei test sugli smartphone era supportata dalla loro associazione con la gravità della malattia, i test neuropsicologici e il volume del cervello.1 Inoltre, lo smartphone testa accuratamente i partecipanti affetti da demenza e quelli di controllo (area sotto la curva [AUC], 0,93; Intervallo di confidenza al 95%. [CI]da 0,90 a 0,96) con maggiore sensibilità per i sintomi precoci (AUC, 0,82; IC al 95%, da 0,76 a 0,88]) rispetto al Montreal Cognitive Assessment (AUC, 0,68; IC al 95%, da 0,59 a 0,78) (confronto, -2,49; 95 % CI). , da -0,19 a -0,02; S= 0,01).

Hanno scoperto che i test cognitivi degli smartphone in due gruppi erano affidabili all’interno di un singolo test (coerenza interna) e attraverso valutazioni ripetute (affidabilità test-retest).

I limiti evidenziati dai ricercatori includevano analisi di validazione incentrate sull'esposizione dei partecipanti al compito iniziale piuttosto che su misurazioni ripetute, nonché l'incapacità di generalizzare il campione alla popolazione generale.

“In definitiva, l’app potrebbe essere utilizzata per monitorare gli effetti del trattamento, sostituendo molte o la maggior parte delle visite di persona ai siti di sperimentazione clinica”, ha affermato Stafarone.2

Riferimenti

  1. Stafarone AM, Clark AL, Taylor JC et al. Affidabilità e validità dei test cognitivi su smartphone per la degenerazione lobare frontotemporale. JAMA Netw è aperto. 2024;7(4):e244266. Pubblicato il 1 aprile 2024. doi:10.1001/jamanetworkopen.2024.4266
  2. L’applicazione potrebbe aprire la strada a nuovi trattamenti. 1 Demenza sotto i 60 anni Eurek Alert! 1 aprile 2024. https://www.eurekalert.org/news-releases/1039508. Accesso effettuato il 4 aprile 2024.
READ  La qualità dell'aria è associata a un aumento del rischio di malattia di Alzheimer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto