Giovane, vittorioso e amabile: cosa ha portato all'ascesa del tennis italiano?

Un'altra settimana del Grande Slam, un altro tennista italiano poco più che ventenne emerge dalle profondità dell'anonimato per stupire su uno dei palcoscenici più grandi di questo sport. Questa volta non stiamo parlando di Jannik Sinner. Il buon inizio del numero quattro del mondo agli Australian Open è stato impressionante, ma non altrettanto sorprendente dopo che l'ultima parte della stagione 2023 ha visto Sinner finire secondo alle finali ATP e portare a casa il suo primo titolo Masters 1000. ma non l'eliminazione al secondo turno di Lorenzo Musetti e Matteo Arnaldi, ha fatto sì che un volto nuovo occupasse i titoli dei giornali tennistici: Flavio Copoli, al suo debutto agli Australian Open, ha battuto in un altro match la 18esima testa di serie Nicolas Jarry e poi Pavel Kotov. Sconvolto al secondo turno, prima di perdere contro il top 10 e favorito di casa Alex de Minaur. Due vittorie del Grande Slam potrebbero non sembrare un'impresa di cui la maggior parte dei professionisti si vanterebbe, ma più importante dei risultati individuali di Copoli è ciò che le sue vittorie inaspettate dimostrano nel contesto – dopo che Sinner (22), Musetti (21) e Arnaldi (22) sono diventati tutti Conosciuto per aver regalato all'Italia la sua prima Coppa Davis dal 1976 a novembre, grazie al suo potente dritto e al suo stile di gioco aggressivo, vediamo ancora una volta un altro tennista italiano under 22 richiedere l'attenzione del mondo. Negli ultimi cinque anni, l'Italia ha prodotto talenti crescenti per questo sport nel calcio maschile a un ritmo senza precedenti, senza precedenti nella storia del Paese. Per non parlare dei più grandi, ma ancora sotto i 30 anni! – Lorenzo Sonego, anche lui parte della squadra vincitrice della Coppa Davis) e Matteo Berrettini, il primo italiano a raggiungere una finale di Wimbledon nel 2021. Le domande naturali da porsi sono: perché questo improvviso afflusso di miracoli italiani, e perché proprio adesso? Allo stesso modo, perché non si è verificato un fenomeno simile anche sul versante femminile, che da tempo è l'orgoglio del tennis italiano e di cui fanno parte giocatrici del calibro di Francesca Schiavone, Sara Errani, Roberta Vinci e Flavia Pennetta?

Questi problemi sono stati affrontati altrove in profondità diverse, ma senza alcuna conclusione affidabile. Due articoli sul New York Times di 2019 E 2021 È sempre più probabile che la forza dell'Italia nel singolare maschile sia dovuta al crescente numero di tornei challenger nel Paese, che permettono ai giovani giocatori italiani di ottenere wild card e competere contro avversari di qualità, il tutto senza dover sostenere gli alti costi di viaggi all'estero e alloggio. Questo è certamente un fattore, e già ispirandosi alla generazione d'oro del tennis femminile italiano culminata nella finale tutta italiana degli US Open 2015, vinta da Pennetta contro Vinci, la Federazione Italiana Tennis si è impegnata ad aumentare il numero . Dai tornei di livello inferiore. I cinque-dieci anni precedenti si sono sicuramente rivelati un punto di svolta per lo sport in generale nel paese, portando a maggiori investimenti nelle sue strutture. Ma è lo stato del tennis femminile a mettere in dubbio questa ipotesi, visto che la giocatrice italiana con il punteggio più alto è Yasmine Paolini, che occupa il 31esimo posto nel ranking WTA. Un aumento dei tornei sfidanti per entrambe le parti di questo sport non migliorerebbe, o almeno manterrebbe, lo standard del gioco femminile?

READ  Anthony Joshua mette KO Francis Ngannou, video, highlights, risultati, Joseph Parker batte Chili Zhang, Tyson Fury, Israel Madrimov chiama Tim Tszyu, Justis Honey batte Kevin Lerena

È vera anche l'altra teoria secondo cui il livello di preparazione dei giocatori italiani sarebbe migliorato, ma racconta solo una parte della storia. Sinner ha lavorato con il famoso Riccardo Piatti, maestro di artisti del calibro di Novak Djokovic, Milos Raonic e Richard Gasquet. L'allenatore d'infanzia di Musetti aveva già esperienza da allenatore in Nazionale. Tuttavia, la verità è che, anche se un buon allenatore aiuta sicuramente un giocatore a migliorare più rapidamente, questi allenatori non si limitano a trasmettere ai giocatori la loro saggezza. chiunque. Sono molto richiesti e dedicano il loro tempo solo a coloro che possiedono le caratteristiche che consentiranno loro di compiere progressi significativi nel gioco. Pertanto, il talento e la passione del giocatore per lo sport devono precedere qualsiasi istruzione di alto livello.

Basta dare un'occhiata alle pagine sportive dei giornali nazionali per vedere che il tennis ha guadagnato una grande popolarità in Italia. Più popolarità significa più giocatori, il che si traduce in una maggiore opportunità di produrre talenti di qualità. Sembra che per rispondere alle ragioni di questo rinascimento del tennis italiano, si debba guardare alle ragioni del crescente interesse per questo sport, qualcosa a cui una migliore formazione e migliori strutture possono rispondere solo in parte. Come accennato in precedenza, il successo del tennis femminile negli anni 2000 non può essere trascurato come fattore determinante, ma vorrei proporre un'altra teoria che potrebbe spiegare il miglioramento sbilanciato del tennis italiano, a favore della squadra maschile. Gli ultimi vent'anni circa hanno visto un altro cambiamento nel mondo dello sport in Italia, ovvero il declino dell'importanza del campionato nazionale di calcio maschile, della Serie A, e della squadra nazionale di calcio maschile. Il più grande successo calcistico dell'Italia negli ultimi tempi è senza dubbio la vittoria della Coppa del Mondo del 2006, che li ha visti alzare il trofeo dopo aver battuto la Francia in finale. Da allora, e forse a causa dello scandalo Calciopoli in cui diversi club sono stati coinvolti nella scelta di arbitri parziali, la prestazione dell'Italia nei tornei internazionali è stata un fallimento, al confronto, quasi senza eccezioni. Il 2008 e il 2016 li hanno visti uscire ai quarti di finale degli Europei. Nel 2010 non sono riusciti a uscire dalla fase a gironi della Coppa del Mondo, situazione che si è riproposta nel 2014; Questa è stata anche l'ultima volta che l'Italia ha partecipato alla competizione, non essendo riuscita a qualificarsi per le edizioni 2018 e 2022, un disastro senza precedenti. Sono arrivati ​​secondi a Euro 2012, ma hanno subito la sconfitta finale più pesante nella storia della competizione per mano della Spagna, una partita che ha messo in luce il divario tra le due nazioni calcistiche. La speranza è stata brevemente ristabilita durante Euro 2020, quando hanno sconfitto Belgio, Spagna e Inghilterra a Wembley nel tentativo di vincere il titolo, ma l'entusiasmo è stato rapidamente schiacciato dalla sconfitta contro la Macedonia del Nord pochi mesi dopo, negando loro la Coppa del Mondo. macchiare. L'Italia sarà presente ai prossimi Europei, ma il sentimento che prevale nei confronti della Nazionale non è pieno di ottimismo, visto che la squadra è arrivata alla qualificazione classificandosi seconda nel proprio girone.

READ  Parlare di trasferimento: il Paris Saint-Germain punta a battere il Bayern per Harry Kane del Tottenham

Ciò fornisce un netto contrasto con gli anni ’90 e l’inizio degli anni 2000, quando il calcio italiano era, sia a livello nazionale che internazionale, una delle maggiori forze sulla scena europea. È difficile sopravvalutare l’impatto che questa recente mancanza di successi calcistici ha avuto sulla coscienza sportiva italiana. Come italiano nato e cresciuto, che ha trascorso la sua infanzia a Verona, nel nord-est del paese, posso confermare per esperienza personale che il calcio gioca un ruolo essenziale nel plasmare l'identità di ogni giovane individuo (soprattutto maschio) in tutta la sua vita. durata. Anni formativi. Le amicizie e le rivalità si costruiscono attorno alle affiliazioni calcistiche, alle gerarchie sociali attorno alle abilità in campo, e un risultato negativo in un fine settimana può danneggiare l'intera settimana successiva, soprattutto se soffri per mano di una squadra supportata da un compagno di classe. Il calcio fornisce struttura, motivazione e ambizione per la stragrande maggioranza della vita dei ragazzi e, in misura crescente, delle ragazze del Paese.

Ora immaginate una generazione delusa da una nazionale che non è all’altezza delle aspettative e non è in grado di fornire la gioia che una volta dava ai suoi tifosi. Sebbene questo sport sia ancora una caratteristica di spicco nei titoli dei giornali, ha smesso di generare il solito clamore e glamour. All’improvviso, questa generazione perde interesse per uno sport che non soddisfa il suo desiderio di emozioni e di vittoria, e quindi non riesce a catturarne la passione o l’interesse. Tuttavia il desiderio resta e i giovani rivolgono la loro attenzione altrove nella speranza di trovare un altro target che possa colmare questa lacuna. La delusione calcistica crea un vuoto nelle loro vite in cui un altro sport può insinuarsi.

READ  Queens: Cameron Norrie perde la finale contro Matteo Berrettini

Ritengo che questo sia esattamente quello che è successo a Sinner e al suo gruppo. Poiché sono nati così vicino alla vittoria della Coppa del Mondo del 2006, rendendola un ricordo irrecuperabile o, nella migliore delle ipotesi, sbiadito, questi giovani ragazzi sono stati allontanati, forse inconsciamente, dallo sport dominante del loro paese che non può più stimolare la loro immaginazione. Si rivolsero invece ad un'altra attività, che in un lontano passato aveva regalato momenti altrettanto speciali, e ora stava vivendo una rinascita spinta dai colpi di racket dei vari Schiavoni ed Erani. Anche il CONI ha stimolato direttamente questa conversione. Questo organismo assegna ogni anno una serie di premi agli atleti che hanno raggiunto risultati significativi nel loro sport. Era dal 2006 che il CONI non assegnava la sua più alta onorificenza, il Colari Atleti, a un calciatore contemporaneo. Intanto, dal mondo del tennis, questo premio è stato consegnato a Schiavone, Errani, Vinci, Bolelli, Fognini, Pennetta, Burnett, Knapp, E questo solo fino al 2015. Il calcio conserva la sua importanza, ma anche a livello istituzionale viene chiaramente presentato come uno sport che miete meno frutti rispetto ad altri sport e come attualmente meno meritevole di riconoscimento nazionale.

Ci sono anche, ovviamente, ciclicità naturali nei risultati sportivi di ciascun paese: Roger Federer e Stan Wawrinka stanno ancora aspettando un successore svizzero, mentre Coco Gauff ha regalato all'America una vittoria da festeggiare dopo il dominio di Serena Williams, un'impresa che gli Stati Uniti non sono stati in grado di fare. raggiungere. Il gioco maschile non è riuscito a replicarsi da quando Agassi e Roddick vinsero nel 2003. Allo stesso modo, sono sicuro che sia solo questione di tempo prima che il prossimo singolo di Pennetta ottenga il singolo femminile. Tuttavia, la coincidenza tra il declino delle fortune degli italiani nello sport che ha a lungo dominato la coscienza sportiva del Paese e l’ascesa senza precedenti del talento tennistico maschile non dovrebbe essere ignorata, ma piuttosto collegata insieme. Questa nuova generazione si è fatta carico dell’orgoglio sportivo italiano. Le stelle del tennis italiano come Fabio Fognini non appartengono più a questo mondo, essendo diventati eccentrici e controversi generatori di buffonate in campo. Non solo sono riusciti a vincere titoli di un calibro che raramente è stato eguagliato nella storia della nazione, ma sono anche riusciti a conquistare cuori da cui i precedenti eroi sportivi si erano gradualmente allontanati a partire dal 2006. Potrebbe essere troppo presto per chiamarla l'alba di una nuova era, ma non sospettava che, con il calcio relegato nell'ombra, sarebbe toccato al tennis maschile crogiolarsi sotto le luci della ribalta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto