SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Voci, sussurri, notizie, come guardare; Il movimento del giocatore inizia quando tutti gli occhi sono puntati su Carlton Blues e Adam Serra; Settimana commerciale AFL; Progetto AFL 2021

Tutte le recenti bizzarre speculazioni sul capitano di Collingwood, Scott Pendlebury, che potrebbero fare sforzi per unirsi a un altro club, sono state sollevate oggi con la conferma che ha accettato un nuovo contratto di due anni con i Magpies.

Pendlebury, che compirà 34 anni a gennaio, estenderà la sua carriera a 18, dopo aver esordito nel club nel 2006.

Già detentore del record di partite di Collingwood con 334, e il suo capitano più longevo (183 partite), l’ex scelta numero 5 al draft è ora sulla buona strada per diventare il primo Magpie a giocare 350 partite VFL/AFL.

“Sono lieto di aver raggiunto un accordo con il club per partecipare a quella che sembra essere una nuova era”, ha detto Pendlebury.

“Essere un giocatore per un club è stata una cosa, qualcosa di cui sono orgoglioso, ma la mia motivazione principale è fare tutto ciò che è in mio potere per aiutare Fly (nuovo allenatore Craig McRae) e il nuovo gruppo di allenatori a sviluppare la squadra.

“Se non sei in conflitto, devi lavorarci sopra. È interessante.”

Pendlebury è senza dubbio uno dei più grandi giocatori di Collingwood di tutti i tempi, avendo vinto la Norm Smith Medal nella sua prima siccità del 2010, apparendo in sei squadre tutte australiane e vincendo il premio AFLCA Player of the Year.

Ha anche vinto il miglior e più giusto cinque volte a Collingwood, ed è finito tra i primi tre in altre otto occasioni.

Solo Nathan Buckley (sei volte) ha vinto la Coppa Copeland più volte di Pendlebury.

Pendlebury è anche la più grande medaglia Brownlow di sempre nei Magpies, con 213 voti, inclusi i 38 migliori voti sulla Terra, che lo collocano tra i primi sei di tutti i tempi.

READ  Roger Federer si ritira dal Roland Garros con il supporto dell'ex numero uno del mondo Andy Murray
Scott Pendlebury.

Scott Pendlebury.a lui attribuito:Getty Images