SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

È possibile che la galassia in orbita attorno alla Via Lattea stia nuotando nella materia oscura

Hai mai guardato l’oscurità e ti sei chiesto cosa c’è ai margini della Via Lattea? Stelle, una galassia che gira in un’orbita, una quantità quasi incomprensibile Materia oscura.

Astronomi che stavano effettivamente navigando nella nostra galassia più lontana con i dati di Newies della NASA E il Argomento ESA Le missioni hanno escogitato una nuova mappa per Cosa galleggia lì. In quello che è noto come alone galattico, sembra che qualcosa stia trascinando la Grande Nube di Magellano (LMC), una galassia molto più piccola ancora nella sua prima orbita attorno alla Via Lattea. Questa cosa lascia anche le stelle dietro le vele dell’LMC. Le forze invisibili che potrebbero farlo provengono dal lato oscuro.

Darth Vader potrebbe non aver avuto molti benefici con la materia oscura, ma Nicholas Garvito Camargo dell’Università dell’Arizona, che ha recentemente guidato lo studio, e il coautore Rohan Naidoo dell’Università di Harvard, ei loro colleghi pensano che potrebbe essere la causa di l’LMC alla fine si è schiantato. Nella Via Lattea – qualcosa che una stella della morte non ha mai dovuto fare.

“Sono state osservate stelle nelle regioni esterne della galassia che si muovono più velocemente del previsto, data la quantità di massa osservata nelle stelle”, ha detto Garvito Camargo a SYFY WIRE. “Questa è stata la prima prova che ci deve essere una massa maggiore nella galassia di quella osservata”.

Poiché c’è più massa nella nostra galassia di quanta ne possano vedere, gli astronomi sono giunti alla conclusione che il resto della massa deve provenire da una sostanza invisibile, che è la materia oscura. Ciò che rende la materia oscura davvero invisibile (invece di essere semplicemente nascosta) è che non emette luce e non può illuminarla. Questo tipo di sostanza è stato ipotizzato per la prima volta intorno a un tempo Osservatorio Vera Rubin Ha trovato una disconnessione tra la massa di stelle nell’alone galattico e la velocità alla quale si stava muovendo. Quando misurato Curva di rotazione Dalla vicina galassia Andromeda, questo è stato uno dei primi casi in cui gli scienziati hanno sospettato la materia oscura.

La strana curva di rotazione di Andromeda significa che le masse e le velocità delle stelle in orbita attorno alle stelle nella galassia, rispetto alla loro distanza radiale dal loro centro, non si sono accumulate. Si scopre che la curva di rotazione della Via Lattea ha lo stesso problema. La misurazione della curva di rotazione e la quantificazione della materia invisibile hanno dato un’idea di quanta materia oscura avevano a che fare con l’alone galattico. Le stelle hanno anche contribuito a illuminare la via verso l’invisibile. Garvito-Camargo e il suo team hanno utilizzato i dati NEOWISE per misurare in modo specifico la luce delle stelle Infrarossi La lunghezza d’onda che ha dato le stelle più grandi della corona.

“Usando queste informazioni, possiamo distinguere tra le stelle giganti e, una volta scelte, possiamo calcolare la distanza da quelle stelle per vedere la luminosità apparente che abbiamo misurato, non solo nell’infrarosso ma anche in quelle in Jaya “, ha detto. “Possiamo farlo perché abbiamo modelli che ci dicono la luminosità di quelle stelle a una certa distanza.”

Mappando l’alone della galassia, gli scienziati hanno anche avuto l’opportunità di testare le proprietà della sua materia oscura con Teoria della materia oscura fredda. Supporre che la materia oscura sia fredda significa che si sta muovendo lentamente anziché congelarsi. Poiché le galassie e gli ammassi di galassie contengono enormi quantità di questa materia oscura lenta e densa, la loro gravità li lega insieme e mantiene stelle, pianeti e altre cose ovunque nello spazio. Probabilmente sarebbe impossibile inviare un veicolo spaziale ovunque se non fosse per la presa gravitazionale della materia oscura che mantiene le cose al loro posto giusto.

READ  Il vento in arrivo non è venuto. La sonda InSight potrebbe non sopravvivere all'inverno

“L’uso di un’altra teoria della materia oscura avrebbe un effetto sulla morfologia della veglia”, ha detto Garvito Camargo. Possiamo fare una misura sulla viscosità. I fluidi più viscosi possono agire in modo diverso anche se sperimenta gli stessi disturbi. Allo stesso modo, alcuni modelli di materia oscura possono interagire in modo diverso con LMC. Di conseguenza, la forma del risveglio sarà diversa “.

Poiché la materia oscura nell’alone galattico genera un’enorme quantità di gravità, continuerà a trascinare la Grande Nube di Magellano sempre più vicino alla Via Lattea ad ogni orbita successiva fino a quando non si fonde entro altri due milioni di anni circa.

Almeno possiamo tranquillamente dire che nessuno di noi sarà in giro per allora.