HomeWorldDiritto di bere? Dentro il dibattito per proteggere i lavoratori americani...

Diritto di bere? Dentro il dibattito per proteggere i lavoratori americani dal caldo | Notizie sulla crisi climatica

Dallas, Texas – Più di dieci anni dopo, la voce di Eva Marroquín trema ancora quando ne parla.

La 51enne, madre di cinque figli, lavorava nell’edilizia ad Austin, in Texas, da circa cinque anni quando ha saputo che una sua amica era morta a causa dell’esposizione al calore sul cantiere. Era il 2012 e stava aiutando a costruire un ponte all’incrocio di due autostrade locali.

“Non è riuscito ad arrivare in acqua in tempo”, ha detto Marroquin.

Questa notizia ha scosso Marroquín, che aveva sofferto a causa delle alte temperature che colpiscono il sud degli Stati Uniti durante l’estate.

Dopo giorni passati a dipingere muri o a pulire luoghi, il viso di Marroquín bruciava rosso per il caldo. A volte si sentiva febbricitante e stordita. Anche la sua gola si sarebbe chiusa. Le rimasero pensieri inquietanti su ciò che il suo ragazzo aveva vissuto nei suoi ultimi momenti.

“Ricordo chiaramente come mi sentivo e mi ha fatto venire voglia di parlare di più”, ha detto Marroquin ad Al Jazeera.

Marroquin è tra i sostenitori che spingono per maggiori protezioni per i lavoratori che affrontano temperature estreme negli Stati Uniti.

Il Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani degli Stati Uniti ha scoperto che i decessi legati al caldo sono complessivamente in aumento, poiché il cambiamento climatico spinge le temperature a nuovi livelli. Nel 2023, si stima 2302 persone Morti per condizioni legate al caldo, rispetto a 1.722 nel 2022 e 1.602 nel 2021.

Ma negli Stati Uniti non esistono protezioni federali specificatamente progettate per proteggere i lavoratori dal calore ambientale.

Marroquin e altri sostenitori del posto di lavoro stanno facendo pressioni per cambiare la situazione, ma nel frattempo i governi statali e locali degli Stati Uniti sono in lizza per l’autorità per proteggere i lavoratori dal caldo soffocante.

I dipendenti di Riverwoods, Illinois, lavorano attraverso una cupola di calore che si è diffusa nel Midwest e nel nord-est degli Stati Uniti il ​​17 giugno. [Nam Y Huh/AP Photo]

Un conflitto tra autorità statale e autorità locale

Il 1 luglio nuovo Legge Entra in vigore in Florida, riflettendo tali tensioni.

L’estate scorsa è stata la più calda mai registrata nello stato, spingendo la contea di Miami-Dade a prendere in considerazione un’ordinanza che imporrebbe formazione sulla sicurezza termica, pause di riposo regolari e accesso all’acqua durante i giorni ad alta temperatura.

Ma il governatore della Florida Ron DeSantis ha bloccato quel tentativo, firmando una legge che vieta invece ai governi locali di stabilire i propri requisiti di sicurezza sul lavoro legati all’esposizione al calore.

“C’era molta preoccupazione in una contea, Miami-Dade”, disse all’epoca DeSantis alla stampa locale, avvertendo che la legge locale avrebbe causato “molti problemi”.

La Florida è stato il secondo stato negli ultimi mesi ad approvare una legge del genere. Nel 2023, il governatore del Texas Greg Abbott ha anche firmato quello che i critici hanno chiamato il disegno di legge “Morte Nera”, così chiamato per la sua capacità di sventrare le normative locali che vanno oltre i mandati statali esistenti.

READ  Fonti governative: i colloqui commerciali tra Regno Unito e India entrano nella fase “finale e più difficile”.

Ha inoltre impedito ai comuni di attuare le proprie ordinanze sulla sicurezza termica, eliminando di fatto le ordinanze in aree come Austin e Dallas. Houston e altre città hanno contestato la legge in tribunale.

Ma come in Florida, i sostenitori della legge sostengono che un mosaico di normative locali sarebbe troppo oneroso per le imprese. Gruppi aziendali Ha anche messo in guardia contro gli “abusi del governo locale”.

“La legge del Texas si concentra principalmente sulla prevenzione delle grandi municipalità dal fare qualsiasi cosa che potrebbe rendere scomodo o specifico il fare affari in Texas”, ha detto Allison Grinter, un avvocato per i diritti civili nell’area metropolitana di Dallas.

Ha spiegato che le industrie del petrolio e del gas hanno avuto per lungo tempo un’influenza sulla politica del Texas e hanno contribuito a plasmare la reputazione favorevole alle imprese dello stato. Ciò a sua volta ha attratto nello Stato anche società tecnologiche e finanziarie.

Parte della motivazione per bloccare le ordinanze locali era anche politica, ha aggiunto Grinter. Mentre il governo dello stato del Texas è dominato dai repubblicani, molte delle sue città più grandi – tra cui Houston e Austin – sono guidate dai democratici.

“Ai fini della guerra culturale, l’idea di avere quattro o cinque diverse grandi oasi nel mezzo dello stato che siano un rifugio da tutte le leggi sociali regressive fa davvero infuriare i legislatori”, ha detto Grinter.

Tuttavia, solo cinque stati si sono presi la responsabilità di adottare misure di protezione contro l’esposizione al calore. Essi Include California, Oregon, Washington, Colorado e Minnesota.

“Il governo del Texas non vuole leggi locali, ma non vuole nemmeno una legge a livello statale”, ha detto Ana Gonzalez della Texas AFL-CIO. “Quindi i lavoratori sono bloccati.”

Il governatore Ron DeSantis parla al microfono davanti a uno schermo che mostra il logo della sua campagna presidenziale.
Il governatore della Florida Ron DeSantis ha firmato quest’anno un disegno di legge che vieta ai governi locali di approvare i propri standard di sicurezza termica ambientale [File: Michael Dwyer/AP Photo]

Presentare una petizione al governo federale

Questa situazione di stallo a livello statale e locale ha affidato la lotta per la protezione sul posto di lavoro al governo federale.

L’OSHA (Occupational Safety and Health Administration) richiede ai datori di lavoro di attuare una politica di sicurezza sul lavoro, ma non indica in che modo tale politica affronta la protezione dal calore.

Ma questo potrebbe cambiare. Nel 2021, l’Amministrazione per la sicurezza e la salute sul lavoro ha annunciato che avrebbe iniziato a sviluppare una regola per mitigare i rischi di infortuni e decessi legati al caldo tra i lavoratori, e la portavoce dell’agenzia Kimberly Darby ha detto ad Al Jazeera che questo mese rappresenta un importante passo avanti.

“La settimana scorsa, la norma proposta dall’OSHA è stata inviata all’Ufficio di gestione e bilancio per la revisione”, ha affermato Darby. “Siamo un passo avanti nel dare ai lavoratori la protezione di cui hanno bisogno e che meritano”.

Tuttavia, la norma proposta non è stata ancora pubblicata, quindi il suo contenuto esatto non è noto. Inoltre, le nuove norme OSHA potrebbero richiedere anni per ricevere l’approvazione finale.

READ  Adolescente muore soffocato sulle montagne russe a Istanbul

Quindi alcuni sostenitori stanno guardando a un’altra agenzia federale: la Federal Emergency Management Agency, o FEMA.

Il 17 giugno, 31 organizzazioni, tra cui gruppi per i diritti degli immigrati, organizzazioni no-profit ambientaliste e sindacati dei lavoratori agricoli, hanno presentato una petizione alla Federal Emergency Management Agency (FEMA)PDF) per fornire fondi di soccorso in caso di catastrofe per il caldo estremo, nonché per le aree colpite dal fumo degli incendi.

Fa parte di uno sforzo più ampio per persuadere il governo federale a intervenire per le sue controparti locali, secondo Will Humble, che ha firmato la petizione per conto dell’Arizona Public Health Association, un’organizzazione senza scopo di lucro.

“Pianificare e salvare vite umane è una responsabilità governativa e locale”, ha detto Hempel ad Al Jazeera. “Ma la FEMA dovrebbe includere le emergenze termiche nei suoi finanziamenti. Molti dipartimenti sanitari della contea sono a corto di personale.

Un cartellone elettronico mostra la temperatura a 108 gradi Fahrenheit.  Dietro il cartellone pubblicitario, lo skyline di Phoenix, in Arizona, è illuminato da un tramonto arancione.
Città come Phoenix, in Arizona, hanno registrato un numero record di giorni con temperature a tre cifre lo scorso anno [File: Matt York/AP Photo]

“Non è visto come un essere umano”.

In assenza di una forte azione federale, attivisti come Christine Bolaños affermano che ai datori di lavoro viene lasciato tutto il potere di decidere come gestire il caldo estremo sul posto di lavoro, lasciando i lavoratori a rischio.

Secondo il Bureau of Labor Statistics (BLS), almeno 600 lavoratori sono morti a causa dell’esposizione al calore sul lavoro dal 2005 al 2021. 43 morti Sono stati documentati solo nel 2022.

Gli esperti sottolineano che il numero reale potrebbe essere più elevato, poiché le morti legate al caldo sono difficili da monitorare.

A rischio è anche un’ampia parte della forza lavoro. L’ufficio stima che il 33% dei dipendenti americani trascorrono del tempo all’estero come parte del loro lavoro quotidiano.

Particolarmente a rischio sono i lavoratori latini nati all’estero, compresi gli immigrati legali e privi di documenti, che rappresentano una popolazione mista. Un numero sproporzionato dei decessi legati al lavoro.

Sebbene questi lavoratori costituiscano solo l’8,2% della forza lavoro, sono responsabili del 14% delle morti sul lavoro. L’ufficio ha inoltre osservato che i lavoratori latini costituiscono la maggioranza dell’occupazione nel settore edile e agricolo, due settori in cui l’esposizione al calore rappresenta un rischio acuto.

Bolaños – un dipendente del Workers Defense Project, un’organizzazione comunitaria che lotta per i diritti dei lavoratori edili immigrati a basso salario in Texas – ha affermato che l’aumento dei rischi fa parte di un modello di sfruttamento.

“I lavoratori migranti sono particolarmente vulnerabili al furto salariale e ad altre violazioni dei loro diritti, e spesso non sono consapevoli dei propri diritti”, ha affermato Bolaños.

Ha aggiunto che la mancanza di protezioni legate al calore rifletteva il modo in cui i luoghi di lavoro percepivano questi dipendenti.

READ  Gabi Pettito: La polizia sta ricevendo suggerimenti sul fatto che Brian Laundry potrebbe nascondersi sulla Appalachian Road

“A volte non sono visti come esseri umani”, ha detto Bolaños. “Non sono apprezzati per la loro umanità, ma solo per quello che riescono a produrre. I datori di lavoro dimenticano che i lavoratori hanno bisogno di bere, hanno bisogno di ombra.

L'attore Greg Cassar si trova di fronte al Campidoglio con altri manifestanti.
Il rappresentante americano Greg Casar del Texas ha condotto “scioperi della sete” sui gradini del Campidoglio degli Stati Uniti [File: Jonathan Ernst/Reuters]

“Il mostro è qui”

Il deputato Greg Cassar, un democratico del Texas, ritiene che parte del problema sia anche lo scetticismo nei confronti del cambiamento climatico stesso e la resistenza ad affrontarne i rischi.

“Molti di noi progressisti si sono abituati a fare campagna elettorale con lo slogan “La crisi climatica sta arrivando” e siamo stati accusati di creare un mostro che non esiste”, ha detto Casar ad Al Jazeera.

“Ora il mostro è qui, e le cose per cui combattiamo sono diventate fondamentali. Stiamo discutendo del cibo e dell’alloggio. Stiamo discutendo del diritto delle persone a una pausa per l’acqua.

Cassar ha passato anni a organizzare manifestazioni per evidenziare la difficile situazione dei lavoratori, anche attraverso “scioperi della sete”, in cui lui e altri si rifiutavano di bere per ore, per dimostrare i pericoli del caldo estremo.

In un “colpo di sete” dell’anno scorso, le mani forti e ruvide di Marroquin reggevano un cartello con la scritta “Le persone oltre i profitti”.

Le lacrime scorrevano dai suoi occhi, che secondo lei erano danneggiati dal sole e dal caldo. Ha spiegato di aver sviluppato lo pterigio, un tipo di escrescenza carnosa vicino a uno dei suoi occhi, come risultato della sua esposizione a condizioni calde e secche.

Ora, un anno dopo, Marroquín ha detto ad Al Jazeera che spera che il cambiamento arrivi presto. Proprio questo mese ha parlato all’OSHA della sua esperienza e ha offerto i suoi commenti sull’imminente norma federale.

“È davvero difficile far rispettare le leggi relative al lavoro”, ha ammesso. “Ma dobbiamo chiedere che l’OSHA applichi le regole nel loro insieme in tutti i cantieri, nello stesso modo in cui richiede che le impalcature siano costruite in un certo modo”.

Ma anche con uno standard federale in arrivo, i sostenitori e gli esperti legali sono preoccupati. Molti di loro hanno detto ad Al Jazeera che le nuove regole dell’OSHA sono difficili da approvare a causa della carenza di personale e degli elevati standard di revisione, nonché di potenziali sfide legali.

Gonzalez, l’avvocato dell’AFL-CIO del Texas, ha detto che si sta preparando per il periodo di commento pubblico obbligatorio della regola finale – e in quel momento, si aspetta che le aziende intervengano.

“Sono sicura che ci sarà opposizione da parte dello Stato o delle associazioni, perché la norma riguarderà tutti i settori”, ha affermato. “Ma si spera che questo impedisca alle persone di morire”.

Italo D'Amore
Italo D'Amore
"Pioniere televisivo a misura di hipster. Risolutore di problemi. Introverso umile e irritante. Lettore. Studente. Esperto di pancetta sottilmente affascinante."
Must Read
Related News