HomescienceDermatite atopica, un'infiammazione sistemica non associata al rischio di demenza

Dermatite atopica, un’infiammazione sistemica non associata al rischio di demenza

Questo articolo è stato originariamente pubblicato postato su Tempi dermatologici®. È stato leggermente modificato.

La dermatite atopica (AD) e l’infiammazione sistemica non sono associate al rischio di demenza, secondo un recente studio pubblicato sulla rivista Giornale dell’Accademia Europea di Pratica Clinica di Dermatologia e Venereologia.

I ricercatori coinvolti nello studio hanno notato che l’infiammazione, inclusa quella causata dal morbo di Alzheimer, è stata precedentemente collegata allo sviluppo di altre malattie croniche, e l’infiammazione sistemica può portare all’infiammazione del sistema nervoso, un passo importante nello sviluppo della demenza. Tuttavia, notano che solo 3 studi precedenti hanno esplorato un possibile legame tra la malattia di Alzheimer infiammatoria, la velocità di eritrosedimentazione (VES) e il rischio di demenza.

I ricercatori hanno utilizzato i dati del registro svedese, che comprende tutti gli individui che hanno vissuto in Svezia tra il 1990 e il 2018, per creare 3 gruppi di coorte esplorativi.

Il primo gruppo era costituito da uomini (n = 795.680) nati tra il 1951 e il 1968, i quali sono stati tutti sottoposti a screening di leva all’età di 18 anni e hanno ricevuto diagnosi confermate da un medico o da cartelle cliniche. Poiché la velocità di sedimentazione degli eritrociti non viene più misurata durante queste scansioni, i ricercatori hanno analizzato un sottogruppo di questa popolazione: quelli nati fino al 1966.

La Coorte 2 (N = 1.757.600) era composta da tutti i membri della Coorte 1, questa volta inclusi tutti gli uomini e le donne nati durante lo stesso periodo di tempo che non avevano sostenuto l’esame di leva. La coorte 3 (n = 3.988.783) era composta da tutti i membri delle coorti 1 e 2, includendo inoltre tutti gli individui nati tra il 1930 e il 1950. Data la mancanza di partecipazione allo screening di reclutamento in una parte di questi gruppi di pazienti, i ricercatori hanno utilizzato le registrazioni dei pazienti ricoverati e dati esterni il Registro Nazionale dei Pazienti (NPR) come fonte per la diagnosi della malattia di Alzheimer.

READ  Uno studio di comunità che confronta COVID-19 in bambini e adulti

I ricercatori hanno anche utilizzato la NPR per determinare quando è comparsa la demenza, o il Cause of Death Record (CDR) per determinare se la demenza fosse una concausa di morte nei pazienti. Il tempo di insorgenza è stato fissato a 3 anni prima della diagnosi NPR e a 5 anni prima della morte registrata nel CDR.

Donna si gratta la dermatite atopica | Credito immagine: Moonstar Studio – Stock.adobe.com

Tra i membri della Coorte 1, il tasso di demenza per gli individui senza malattia di Alzheimer era di 21,7 per 100.000 persone-anno. Per quelli con malattia di Alzheimer, il tasso di demenza era di 13,1 per 100.000 persone-anno. Questo rischio non era significativamente inferiore per i soggetti con malattia di Alzheimer.

Tra i membri della Coorte 2, il tasso di demenza tra quelli senza malattia di Alzheimer era di 23,7 per 100.000 anni-persona e di 21,9 per 100.000 per quelli con malattia di Alzheimer. I ricercatori hanno notato che non vi era alcuna differenza significativa nel rischio di demenza tra i soggetti con diagnosi di malattia di Alzheimer.

Nel terzo gruppo, gli individui con diagnosi di malattia di Alzheimer avevano un rischio significativamente più basso di sviluppare demenza (77,0 per 100.000 anni-persona) rispetto a quelli senza malattia di Alzheimer (181,2 per 100.000 anni-persona).

“I risultati di questo studio non supportano l’ipotesi che l’infiammazione sistemica misurata dalla VES nella tarda adolescenza o la malattia di Alzheimer diagnosticata in qualsiasi fase della vita siano associate ad un aumento del rischio di demenza”, hanno scritto i ricercatori.

riferimento

Fenglin S, Hioshi A, Carlberg M, et al. Dermatite atopica, infiammazione sistemica e conseguente rischio di demenza. Pratica clinica JEADV. doi:10.1002/jvc2.249

READ  Il processo chimico imita le placche amiloidi in una struttura peptidica
Orsina Fiorentini
Orsina Fiorentini
"Fan zombi sottilmente affascinante. Fanatico della TV. Creatore devoto. Amico degli animali ovunque. Praticante del caffè."
Must Read
Related News