SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Delta e i rischi dell’economia

L’inversione di tendenza è stata così rapida che chiunque abbia seguito la volatilità dei mercati globali nelle ultime due settimane potrebbe subire un ictus.

Con la diffusione del delta variabile, la narrativa sembra essere cambiata da “osservare come l’inflazione sta aumentando” a “osservare come la crescita sta rallentando”, ha scritto Ajay Rajadyaksha, analista di Barclays.

Alan Ruskin, capo stratega internazionale di Deutsche Bank, afferma che l’episodio ha dimostrato la resilienza della domanda degli investitori per attività rischiose, ma ha anche suggerito una “precedente visione collettiva del mondo che si apre in modo sincronizzato”.

Un bambino viene testato per il virus nel nord di Sumatra, in Indonesia. L’Asia in via di sviluppo è stata duramente colpita dall’ultima ondata di infezioni. AP

Un forte aumento dei casi di coronavirus legati al ceppo più contagioso del virus ha riportato alla ribalta le preoccupazioni per la salute pubblica, proprio come sembrava che la fine della pandemia potesse essere imminente per alcuni paesi, con i governi di tutto il mondo costretti a fermarsi o prevede di invertire la riapertura.

“È un rischio su cui ci stiamo concentrando sempre di più”, afferma Gregory Daco, capo economista presso la società di consulenza Oxford Economics.

E avverte che ciò potrebbe portare a una ripresa globale disomogenea, “con il potenziale per alcune economie di tornare a un ambiente di restrizioni sociali più severe e misure di allontanamento sociale”.

Questa preoccupazione è stata riflessa giovedì da Christine Lagarde, presidente della Banca centrale europea. Ha affermato che la variabile delta è una “fonte crescente di incertezza” e che la banca centrale sarebbe più tollerante nei confronti dell’inflazione prima di aumentare i tassi di interesse.

Il Regno Unito ha dimostrato che anche con un alto tasso di vaccinazione e la decisione politica di tollerare tassi di infezione più elevati, non esiste un modo semplice per evitare l’interruzione economica una volta applicata la variabile delta.

Sebbene le regole sul distanziamento sociale siano scadute lunedì scorso, centinaia di migliaia di lavoratori sono stati costretti a rimanere a casa per isolarsi dopo essere entrati in contatto con qualcuno che è risultato positivo al virus, lasciando il governo che si affanna per evitare la chiusura dei servizi pubblici e gli scaffali vuoti dei negozi.

Tuttavia, nonostante l’aumento del rischio che la variabile delta rappresenta per le prospettive globali, i responsabili politici e gli economisti ritengono che il suo impatto abbia maggiori probabilità di smorzare piuttosto che far deragliare la ripresa nelle principali economie, poiché i programmi di vaccinazione hanno indebolito il legame tra infezione e ricovero.

Christine Lagarde, presidente della Banca centrale europea: “La ripresa dell’area euro è sulla buona strada, ma non siamo ancora usciti dalla crisi”. Bloomberg

Jennifer McKeown, della società di consulenza Capital Economics, afferma che ci sono alcuni segnali che le persone nel Regno Unito stanno diventando più caute nell’uscire, con la tendenza al rialzo nello shopping, nel tempo libero e nei viaggi di lavoro – incoraggiata dalla graduale revoca delle restrizioni – in stallo, poiché le persone cerca di evitare di essere costretto all’isolamento.Una volta iniziata la stagione delle vacanze.

I risultati del sondaggio indicano anche che il personale e la carenza di materiale stanno iniziando a influenzare l’attività. Ma anche nel Regno Unito, i consumatori stanno ancora spendendo e le aziende stanno ancora lottando per assumere.

Nella zona euro, l’attività commerciale sta crescendo al ritmo più veloce degli ultimi 21 anni questo mese, poiché molti paesi continuano a revocare le restrizioni relative al COVID-19. La diffusione di nuovi casi non ha indebolito la fiducia dei consumatori.

Lagarde afferma che sondaggi aziendali e dati aziendali confermano le previsioni di giugno della Banca centrale europea, che prevedevano che alcune misure di blocco sarebbero proseguite fino alla fine dell’anno. “La ripresa dell’eurozona è sulla buona strada, ma non siamo ancora usciti dalla crisi”.

La concentrazione dell’inflazione negli Stati Uniti

Negli Stati Uniti restano prevalenti i timori di surriscaldamento e iperinflazione. Durante i due giorni di udienze del Congresso della scorsa settimana, il presidente della Federal Reserve Jay Powell ha risposto a più domande dei legislatori sulla gestione della banca centrale e sulla valutazione di tassi più elevati rispetto all’impatto economico della variabile delta.

Gli Stati Uniti hanno una grande scorta per assorbire il nuovo colpo associato al virus Corona senza scivolare di nuovo nella recessione. I funzionari della Federal Reserve a giugno avevano previsto che il prodotto interno lordo sarebbe cresciuto a un tasso del 7% quest’anno, con il tasso di disoccupazione che sarebbe sceso al 4,5 per cento – dopo essersi avvicinato al 15 per cento al culmine della pandemia – entro la fine del 2021.

Jason Furman, professore all’Università di Harvard ed ex consigliere economico di Barack Obama, afferma che mentre è giusto preoccuparsi della variabile delta, non dovrebbe alterare il corso della macroeconomia.

Sostiene che ciò è dovuto al fatto che le persone più a rischio di infezione negli Stati Uniti – le persone che scelgono di non vaccinarsi – hanno anche meno probabilità di cambiare il loro comportamento. E i paesi che hanno più bisogno delle nuove regole di distanziamento sociale “sono i paesi con basse vaccinazioni che hanno maggiori probabilità di attuare tali regole”.

Tuttavia, anche nell’economia statunitense in forte espansione, dove le pressioni salariali sono sempre più evidenti, un delta più elevato potrebbe rendere i tassisti della Fed più cauti riguardo a un’uscita anticipata dallo stimolo.

Se la situazione del coronavirus si deteriora ulteriormente, porrà un grosso dilemma per i responsabili delle politiche statunitensi, poiché si stanno muovendo verso la rimozione degli stimoli fiscali e monetari, piuttosto che mantenerli o addirittura migliorarli.

Alcuni funzionari della Federal Reserve hanno avvertito che la banca centrale deve adeguarsi al rischio di una battuta d’arresto economica a causa del nuovo focolaio di coronavirus.

“Penso che uno dei maggiori rischi per la nostra crescita globale sia che dichiariamo prematuramente la vittoria sul COVID-19”, ha affermato Mary Daly, presidente della Federal Reserve Bank di San Francisco. Financial Times Questo mese.

Ma Dako dice: “L’appetito per forti ammortizzatori fiscali o forti ammortizzatori di politica monetaria è molto più basso di quanto non fosse un anno fa. Quindi questo solleva la questione di quanto sia resiliente l’economia statunitense senza sostegno fiscale e senza sostegno monetario”.

Forti venti contrari

L’aumento della variabile delta complica anche il dibattito politico in altri paesi.

Nel Regno Unito, la recente forza inflazionistica ha sorpreso la Banca d’Inghilterra, portando alcuni tassisti a suggerire che potrebbero votare per la fine anticipata del quantitative easing.

Ma altri sul MPC hanno avuto una visione più sfumata, incluso il membro esterno Jonathan Haskell, che ha recentemente affermato che un ritorno alla politica da falco è stato “sbagliato” per ora, perché l’economia deve affrontare due venti contrari: un “delta variabile altamente suscettibile e un inasprimento del rischio finanziario”. posizione.

Nella zona euro, nonostante le prospettive in rapido miglioramento, non vi è alcuna pressione immediata per inasprire la politica. Le proiezioni della Banca centrale europea mostrano che l’inflazione rimane al di sotto del suo nuovo e più ambizioso obiettivo del 2% entro la fine del 2023.

Contrariamente alla volatilità altrove, l’Asia ha registrato una volatilità relativamente bassa nelle aspettative economiche, anche se la formula delta ha preso piede in alcuni paesi.

L’inizio relativamente lento della vaccinazione, combinato con pacchetti di stimolo fiscale più ridotti, ha fatto sì che non ci fosse mai stato un momento simile in cui una ripresa esplosiva e un surriscaldamento sembravano possibili.

Nonostante si parli di una nuova era inflazionistica globale, la Banca del Giappone, ad esempio, non raggiungerà il suo obiettivo di inflazione del 2% per il prossimo futuro, e quindi i tassi di interesse non aumenteranno.

In effetti, le aspettative per la ripresa del Giappone sono diminuite con l’aumento dei casi di COVID-19, portando alle aspettative di un nuovo ciclo di stimoli fiscali.

Gli economisti sono anche molto meno ottimisti riguardo alle prospettive per altre economie avanzate in cui le campagne di vaccinazione – Australia e Nuova Zelanda tra queste – e i responsabili politici stanno ora facendo a gara per recuperare il ritardo prima che la variabile delta li superi.

La politica di tolleranza zero della Cina sulle infezioni da coronavirus ha permesso alla sua ripresa economica di iniziare molto prima degli Stati Uniti, ma ora sta creando ostacoli significativi a una piena riapertura, poiché le autorità impongono restrizioni di viaggio o chiudono i quartieri ogni volta che emergono nuovi casi.

“Ciò ha un impatto negativo sui consumi perché è praticamente difficile per la Cina mantenere i casi di virus a zero”, afferma Larry Hu, economista del Macquarie Group.

Sebbene la crescita della Cina nel secondo trimestre abbia superato le aspettative della maggior parte degli economisti, Pechino ha avvertito di una ripresa “squilibrata” e dei rischi derivanti dalle variabili COVID-19.

Gli analisti indicano altri ostacoli alla crescita, tra cui una carenza globale di chip, un aumento del rischio di credito interno, minori investimenti in infrastrutture sostenute dallo stato e il divieto dell’amministrazione statunitense di investire nella tecnologia cinese.

Tuttavia, le economie emergenti in Asia e Africa sono di gran lunga le più vulnerabili alle epidemie delta, con i tassi di mortalità che salgono al livello più alto dall’inizio della pandemia e i politici che hanno una capacità limitata di imporre nuovi blocchi o sostenere la crescita. .

Gita Gopinath, capo economista del Fondo Monetario Internazionale, ha evidenziato la “pericolosa differenza” tra le economie avanzate e molti paesi emergenti e in via di sviluppo, che avevano accesso limitato ai vaccini e supporto finanziario in rapida diminuzione, e stavano già affrontando un rapido aumento dei tassi di interesse imposti parlando di La Federal Reserve statunitense è in declino.

Catherine Mann, che si è appena dimessa da capo economista di Citi per entrare a far parte del comitato di politica monetaria della Banca d’Inghilterra, sostiene che le fortune alterne delle economie avanzate – e le divisioni ancora più nette tra le economie emergenti – stanno rendendo la ripresa globale più fragile di quanto potrebbero aspettarsi le previsioni. . Suggerire.

“Molte persone stanno guardando i tassi di crescita globale ora del 6% e pensano: ‘Questo è fantastico'”, ha detto in una guida davanti a una commissione parlamentare del Regno Unito la scorsa settimana.

Ha aggiunto che questo tasso di crescita era già destinato a rallentare in modo significativo l’anno prossimo, ed è ora sempre più dipendente dalla continua ripresa degli Stati Uniti ed è vulnerabile alle turbolenze nei mercati emergenti.

“Nel comprendere le sfide e i rischi associati al COVID, pensavamo tutti di essere più vicini alla luce alla fine del tunnel”, ha detto ai parlamentari.

Ma queste ulteriori mutazioni ne hanno già generate alcune [global] Preoccupati… Significa una crescita inferiore per i mercati emergenti. Sono una parte molto importante dell’economia globale”.

Segnalazioni aggiuntive di James Politi a Washington, Robin Harding a Tokyo, Sun Yu a Pechino e Edward White a Seoul.

Financial Times

READ  Il capo della sanità italiano prende le distanze dall'alto rapporto dell'Oms