SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Il prezzo della coca sale a livelli record mentre i produttori di acciaio cinesi affrontano il dolore

Il prezzo del carbone minerale è salito a livelli record poiché le tensioni commerciali e i problemi alle frontiere aumentano i costi per gli importatori cinesi.

Il carbone da coke è aumentato nonostante il calo dei valori del minerale di ferro attribuito ai produttori di acciaio cinesi che aderiscono alle direttive del governo per evitare di acquistare dall’Australia.

Il valore è salito a $ 410 per tonnellata la scorsa settimana, che è più che triplicato di prezzo dall’inizio del 2020.

Il coke ora supera il minerale di ferro come il più grande costo di input per molte acciaierie nel mondo.

L’analista minerario Peter Strachan ha affermato che mentre l’aumento dei prezzi sembrava irrazionale data la domanda in calo di minerale di ferro, erano in gioco problemi logistici in Asia.

“Di solito attraversano molto il confine dalla Mongolia, ma le restrizioni del coronavirus significano che non sono stati in grado di avere abbastanza camionisti per farlo”, ha detto.

Con le forniture nazionali di carbone minerale scarse, gli acquirenti cinesi hanno fatto a gara per ottenere spedizioni da tutta l’Asia, dal Nord America e, di conseguenza, persino dalla Colombia.

Come risultato della ricerca da parte della Cina di nuovi fornitori, i principali paesi produttori di acciaio con carbone metallico domestico limitato come India, Taiwan, Corea del Sud, Giappone e Unione Europea si stanno rivolgendo sempre più all’Australia.

La perdita del mercato cinese ha aperto nuove porte ai minatori della regione, ha affermato Jodi Corrie, direttore del Bowen Basin Mining Club.

“Penso che questo abbia dato loro l’opportunità di esaminare altri mercati, il carbone del Queensland è richiesto in tutto il mondo”, ha detto.

“Ci sono state certamente onde d’urto che sono state inviate in tutto il settore, ma ci siamo diversificati e abbiamo esaminato altri mercati”.

Cinese bandiere nazionali sventolano vicino a un mulino di acciaio a Wu'an, nella provincia di Hebei, Cina,
I produttori di acciaio cinesi stanno cercando disperatamente di ottenere coke da fonti alternative dopo aver abbandonato le fonti australiane e aver affrontato sfide di approvvigionamento dalla Mongolia.(

Reuters: Thomas Peter

)

Slippage causato dal mercato immobiliare

Molti commentatori considerano le preoccupazioni per i problemi finanziari di Evergrande, uno dei principali promotori immobiliari cinesi, come un catalizzatore per il declino del valore del minerale di ferro.

L’analista Peter Strachan ha affermato che, con l’aumento del riciclaggio dei metalli a livello nazionale, la domanda di carbone minerale in Cina potrebbe raggiungere presto il suo picco.

“Alla fine ci sarà una correzione, il caso Evergrande creerà un buco nell’espansione dell’industria siderurgica”, ha detto.

Il calo della produzione di acciaio nei mesi di luglio e agosto a causa del tetto pianificato si è riflesso sull’industria siderurgica da un calo di altre industrie inquinanti come il cemento, un altro settore accusato della scarsa qualità dell’aria nelle città cinesi.

“Ci sono una serie di problemi con il clima e l’aria pulita, poiché i principali inquinanti tendono a ridursi prima dell’inverno, in particolare con l’avvicinarsi delle Olimpiadi invernali”, ha affermato Strachan.

nuovi appartamenti cinesi
Permangono preoccupazioni per lo stato del mercato immobiliare cinese, che è uno dei principali motori della domanda nazionale di acciaio.(

Reuters

)

Dopo che il prezzo del minerale di ferro è crollato da $ 230 a maggio a $ 93 a tonnellata nelle ultime settimane, negli ultimi giorni è tornata una certa stabilità sul mercato a seguito delle indicazioni che Evergrande pagherà gli interessi dovuti oggi.

Il prezzo è salito di nuovo sopra i 100 dollari a metà della settimana di negoziazione.

Vincoli sul lato dell’offerta

Un recente rapporto sullo stato del settore del Queensland Resources Council (QRC) ha evidenziato la carenza di lavoratori qualificati come freno a mano sull’espansione delle attività minerarie durante l’era COVID-19.

Descrivendo la situazione come una “tempesta perfetta di carenza di manodopera in un momento di continua crescita”, l’amministratore delegato Ian MacFarlane ha osservato la previsione del governo secondo cui le esportazioni di carbone del Queensland aumenteranno del 23% entro il 2025.

Vagoni ferroviari pieni di pietre nere su un binario ferroviario
I problemi dal lato dell’offerta in Australia includono la carenza di lavoratori qualificati nel settore delle risorse, che secondo i gruppi industriali è peggiorata negli ultimi mesi.(

AAP: Dan Hembrichts

)

Il tasso di ricerca e mantenimento di dipendenti qualificati è salito al primo posto nell’ultimo sondaggio sui CEO di QRC poiché il numero di lavoratori nel settore minerario è salito a 85.000, con un aumento di due terzi in cinque anni.

Currie ha affermato che l’industria ha riconosciuto di non aver mantenuto il personale in passato e si è impegnata nei cambiamenti.

“Potremmo aver fatto un torto a noi stessi nel corso degli anni non investendo quanto avremmo dovuto”, ha detto.

Per quanto riguarda le preoccupazioni del CFMEU sulla crescente natura casuale della forza lavoro, la signora Currie ha affermato che i minatori sono nella posizione migliore per determinare come far funzionare la loro forza lavoro.

“Posso vedere dove [unions] Venendo da lì e ci sono sfide, ma per le compagnie minerarie ci sono ragioni per questo”.

La Mezzaluna Rossa del Qatar prevede di espandere la Queensland Minerals and Energy Academy, che mira a incoraggiare gli studenti a scavare e lavori correlati, a 100 scuole entro il 2023.

READ  Garuda hub voli per Perth, Melbourne e Sydney potrebbe essere il prossimo